Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Due fatti tra tanti…

snoopy5Ce ne sarebbero di cose accadute in questa settimana delle quali parlare. Nazionali e internazionali.

La guerra in Siria che continua a macinare morti. Il terrorismo che continua a mietere vittime, anche utilizzando bambini come kamikaze. Il nuovo governo Gentiloni. Le due città più importanti d’Italia allo sbaraglio, con sindaci che non si sa se ci sono o ci fanno.

Quello di cui voglio parlare brevemente sono invece due fatti che hanno interessato la Regione del Friuli Venezia Giulia.

Il primo è il pianto di Debora Serracchiani in Consiglio regionale. Il secondo è il caso della bambina di Udine svenuta in classe per colpa della fame.

Ci faccio su un ragionamento unico perché penso che, al di là del fattore geografico, i due fatti rappresentino le due facce di una stessa medaglia.

Dunque, la Serracchiani non è riuscita a contenere l’emozione per essere continuamente attaccata sul piano personale. Vittima – non la sola – non solo di commenti sui social, ma anche di una politica che è diventata, soprattutto in questi ultimi anni, sempre più feroce. Come sempre più feroce è diventato il nostro modo di vivere.

Ho vissuto gran parte della mia attività politica nella cosiddetta “prima Repubblica”, quando c’erano i partiti storici: DC, PCI, PSI, MSI, ecc. Le critiche e anche le accuse che ci si lanciava erano a volte pesanti, ma, a parte alcuni casi sporadici, non c’era né ferocia né odio. E non c’era nemmeno disprezzo, che io ricordi. Ricordo che una volta nel nostro Comune cambiò il sindaco e la maggioranza che lo sosteneva, ma un assessore, approfittando della vecchia legge comunale di inizio secolo, si rifiutò di dimettersi. Rimase in carica per alcuni mesi in una giunta che era di colore politico opposto al suo. Lo chiamammo “l’assessore sempreverde” e lo criticammo aspramente ma sul piano politico, lui e il suo partito. Nessuno avanzò il dubbio che rimanesse in giunta per continuare a percepire l’indennità da amministratore.

Altri tempi… Forse perché le critiche erano ideologiche e poi ci hanno detto che le ideologie erano una brutta cosa. Ma se non critico il mio avversario per le sue idee, per cosa lo critico? Per le sue abitudini personali? Qualcuno ricorda le critiche feroci a Marianna Madia qualche anno fa quando fu nominata ministro della funzione pubblica, tanto per fare un esempio? E spesso proprio dalle donne.

I politici spesso fanno a gara per distruggere. L’avversario diventa il nemico, proprio e dell’umanità intera. Non esiste più la presunzione di buona fede. Il sospetto diventa certezza e condanna.snoopy6

Ovviamente, visto che le persone non possono vivere più di 24 ore al giorno e qualche ora bisogna pur dedicarla al sonno (oltre che a mangiare ed espletare alcune funzioni fisiologiche), se concentro tutte le mie energie contro il mio nemico, come posso accorgermi di quello che accade intorno a me?

E così capita che una ragazzina che frequenta le scuole medie nella ricca città di Udine sia svenuta in classe perché, in una casa senza riscaldamento, non aveva nemmeno mangiato, pare da un paio di giorni.

Ho guglato ma la notizia non mi pare abbia avuto molta risonanza sui cosiddetti mass media. Forse perché non è una notizia? Fa ancora notizia la povertà? Si è scritto che la sua famiglia non avrebbe voluto accedere all’aiuto dei servizi sociali, forse per vergogna, forse per ignoranza. Non posso dare loro torto: nell’Italia della privacy sbandierata, per conoscere un dato che ti riguarda devi mettere mezza dozzina di firme (se ti va bene), mentre poi vedi diffondere liberamente i tuoi dati dagli altri: quelli che riguardano la tua salute, il tuo reddito, i tuoi affari sentimentali, ecc.

Ma i poveri devono proprio uscire dalle loro tane e mostrarsi al mondo? Con tutta l’informatizzazione che c’è oggi, possibile che un Comune non sappia quali sono i suoi nuclei familiari realmente senza reddito? E possibile che non ci siano più le antenne sul territorio che una volta erano rappresentate proprio dai politici, dai consiglieri comunali, di quartiere, di frazione, che la loro zona la conoscevano palmo a palmo e ci mettevano la faccia?

Sì, è possibile, perché una politica cialtrona ci ha rotto le palle per anni e ancora oggi ce le rompe, facendo opera di convincimento che occorre diminuire i costi della politica.

Occorre diminuire i guasti della politica! Occorre eliminare i privilegi assurdi e inutili!

I politici che fanno il loro dovere servono anche per presidiare il territorio, perché sono i terminali primi che devono capire quello che succede, non leggerlo il giorno dopo sul giornale.

La politica deve anticipare i problemi; non è la croce rossa che interviene quando il patatrac è già avvenuto.

Vabbe’, per il momento basta. Si avvicina il Natale e dobbiamo essere tutti più buoni. Ora scongelo le lasagne per domani.

Alla prossima.

Annunci

18 dicembre 2016 - Posted by | Politica |

11 commenti »

  1. Se ti tirano una pietra in fronte … ehm … che fai ?!? 😯
    Beh … te la pigli, Sig. Ing. @Aquilaserracchiante, e chi se ne frega se poi ti viene un ficozzo !
    Idem, se sei un cornuto, e ti tirano i cerchietti ( si … quelli da spiaggia, con un punto acquisito ove il cerchietto colorato si infili alla corna stessa ), dipende ovviamente dalla lunghezza del corno il numero dei cerchietti che vi si infileranno !
    Il peggio è, se :
    1) sei @brunetta ( il celebre nano bagonghi ), e ti tirano una serciata sul cranio : non puoi che peggiorare ;
    2) sei @peppegrillo ( alias il miliardario del blog e l’ inquisito dalla Magistratura per aver ispirato i brogli elettorali in Sicilia, a Bologna e forse anche a Roma ), e ti assestano un calcio nel culo : te lo prendi e ti levi, finalmente, dai coglioni ! :mrgreen:
    Ps. : @Barbara Serracchiani ??? Beh, diciamocelo, è la più affascinante dei Presidenti Regionali che infestano, ed inquinano, il nostro Paese ! 😀

    Commento di cavaliereerrante | 19 dicembre 2016 | Rispondi

    • 😲

      Commento di aquilanonvedente | 20 dicembre 2016 | Rispondi

      • Eggià, mio bel ( riferendomi a te, si fà per dire … ovviamente ! 😆 ) Ing. @Aquilaserracchiante, anche la politica delle canzonette ha le sue regole : e ciò vale sia per @peppone de’ grillis ( e cioè il miliardario super-indagato dalla Magistratura per i brogli elettorale e che, in due anni di vaffa-day non ha combinato una bell’ amata cippa per i cittadini, tranne il proprio arricchirsi a spese dei grulli che ne leggono il pessimo blog ), sia per @brunetta, alias nano bagonghi, danneggiato fin dalla nascita, ahilui, dalla Natura ! :mrgreen:

        Commento di cavaliereerrante | 20 dicembre 2016 | Rispondi

  2. Una volta la politica era vera….e così i partiti, indipendentemente dallo schieramento oguno con i propri ideali e valori…..ora non si capisce più nulla….sono tutti bandiere al vento a seconda delle opportunità e la gente comune è proprio l’ultimo dei loro pensieri….
    Pensiamo a queste feste che è meglio da passare possibilmente in tranquillità e con i propri cari cercando nel nostro piccolo di fare del bene per quanto possiamo….almeno quello.
    Buon pomeriggio Aquila.

    Commento di Silvia | 19 dicembre 2016 | Rispondi

    • Una volta… Hanno rovinato tutto i bocconiani! 😊 Pensiamo a trascorrere queste festività in tranquillità, che è sempre meglio.

      Commento di aquilanonvedente | 20 dicembre 2016 | Rispondi

  3. Io ti voto. Quando ti candidi?

    Commento di Bia | 20 dicembre 2016 | Rispondi

    • Aspetta un attimo, che vedo che impegni ho nei prossimi vent’anni… :mrgreen:

      Commento di aquilanonvedente | 20 dicembre 2016 | Rispondi

  4. Quando si candida ??? :shock;
    Mah …
    Penso non appena saranno scaduti i termini di cattura della Polizia Internazionale ! :mrgreen:

    Commento di cavaliereerrante | 20 dicembre 2016 | Rispondi

  5. Ho paura che le persone corrette e oneste ( e ce ne sono) siano talmente schifate dalla politica odierna,che per anni vedremo sempre le stesse facce. Mi piacerebbe che i giovani, bravi e intelligenti, invece di scappare all’estero cacciassero a calci nel didietro gli attuali governanti , ma la vedo assai improbabile. Una volta c’era la scuola per i quadri di partito, ora ci sono le banche e le multinazionali che dettano legge! E ovviamente delle persone normali non si occupa più nessuno….

    Commento di nonsonosola63 | 21 dicembre 2016 | Rispondi

  6. Ciao, sono “inciampata” nel tuo articolo per caso e… che ti devo dire, tutto molto giusto, tutto molto, troppo vero.
    Però credo tu ti sia già dato la risposta; la politica “cattiva” fatta di odio è il risultato della poca attenzione al territorio, al popolo.
    Prima i politici non si insultavano tra loro perché, tra i privilegi, la corruzione e tutto quello che c’era già allora, ogni tanto si ricordavano dei cittadini.
    Ora siamo passati in secondo piano e quindi che fanno nel tempo libero anziché girare tra i quartieri? Semplice, vanno a caccia dello scandalo, di qualcosa per accusare l’avversario, il nemico.

    Commento di Rox | 21 dicembre 2016 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: