Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Amazon

Un paio di settimane fa sono andato nella libreria del mio paese a prenotare un libro, un regalo per il compleanno di un amico. Libro arrivato dieci giorni dopo, costo 55 euro.

Dato che lo stesso libro lo volevo anche per me, ne ho comprata un’altra copia su Amazon. Ordinato il martedì sera, consegna prevista per il venerdì, arrivato il giovedì, con un giorno d’anticipo, costo 46,75 euro,

Oppure vogliamo parlare di quella volta che cercavo un ugello del gas per la cucina e non sono riuscito a trovarlo in nessun negozio del paese. Sarei dovuto andare a Piacenza per comprare una cosa da pochi euro, così l’ho ordinato su Amazon: per cinque euro ho acquistato tutto il bruciatore completo.

Io non sono un fan della logistica, anzi, proprio non mi va questo mondo nel quale i paesi poveri producono (e rimangono poveri) e i paesi ricchi distribuiscono il frutto del loro lavoro, ma finché i commercianti venderanno solo i prodotti “di nicchia” (tanto guadagno con poca spesa), mi sa che il commercio on line si svilupperà sempre di più.

6 dicembre 2021 Posted by | Storie ordinarie | | 2 commenti

Non è giusto…

… che succedano queste cose.

Forse noi non conosciamo tutta la storia, ma da quello che si legge sui giornali questa donna si meritava qualcosa di più, dalla vita e anche dall’Italia.

9 novembre 2021 Posted by | Storie ordinarie | | 4 commenti

Vaccino o green pass?

Nelle aziende come la mia dal 10 ottobre è obbligatorio essere vaccinati. Chiunque entri per motivi lavorativi.

Su 160 dipendenti e collaboratori, tre soli non si sono vaccinati. Sono stati sospesi dal lavoro e, ovviamente, anche dallo stipendio.

Mi spiace di questa circostanza, ma non avevamo altra possibilità: i nostri utenti sono troppo fragili e la responsabilità personale (civile e penale) di un eventuale focolaio di Covid non è una bazzecola.

Personalmente, con tutti i rischi che abbiamo corso e che ancora corriamo, i novax, nopass, notutto mi stanno francamente un po’ (tanto) sulle palle.

Non so bene cosa bisogna fare, ma credo che occorra un “colpo gobbo” per uscire da questa situazione.

13 ottobre 2021 Posted by | Guerra al terrore, Storie ordinarie | | 4 commenti

Una cosa che non sopporto…

… è il menefreghismo.

Ma ancora di più, quando il menefreghismo sconfina nell’irresponsabilità e nell’incoscienza.

E quando l’irresponsabilità e l’incoscienza vengono tenute nei confronti dei propri famigliari, allora la cosa mi fa imbestialire.

Roba da mandare tutti affanculo e andarsene via, il più lontano possibile.

22 luglio 2021 Posted by | Storie ordinarie | | 6 commenti

Troppo buoni…

C’è un proverbio che gira dalle mie parti che si può riassumere così: “a essere troppo buoni si finisce per essere coglioni“.

Vorrei sostenere che non è così e che essere buoni (sottocategorie: corretti, educati, rispettosi delle regole, ecc.) alla fine paga, ma spesso è il contrario.

Gli altri se ne approfittano di questa inaspettata bontà, finché non si reagisce, sempre con le buone maniere, ma in maniera decisa, ponendo un aut aut: o così o niente.

Allora l’interlocutore ha un guizzo, perché non si aspettava quella reazione da un buono e si rimette in carreggiata.

E tu avresti voglia di dirgli: “dovevi proprio spingermi a questo livello per darti una mossa? Coglione!

4 luglio 2021 Posted by | Storie ordinarie, Un po' di me | , | 2 commenti

Maturità

Oggi è stato il giorno dell’esame di maturità per mia figlia.

Mi sembra ieri che l’avevo fotografata una mattina di settembre del 2008 mentre con uno zainetto più grande di lei stava affrontando il suo primo giorno di scuola.

Ne sono passati di anni, ne sono successe di cose, ne è passata di acqua sotto i ponti (e a volte anche sopra).

Io ho ricordi sfocati del mio esame di maturità.

Ricordo che siamo andati a sostenerlo in città, perché il nostro liceo al tempo era ancora una sezione distaccata.

Ricordo il giorno che ci siamo recati in auto all’esame scritto e ricordo l’attesa fuori dalla scuola, per aspettare gli altri.

Ricordo una grande aula con i banchi separati e nient’altro.

Il mio cervello evidentemente ha resettato un momento che non riteneva poi così importante.

Oggi i ricordi si condividono sui social, le foto, gli in bocca al lupo, tutto viene condiviso e forse rimarrà più a lungo nella memoria.

Si apre una nuova stagione di vita, con nuovi traguardi da superare e nuove mete da raggiungere.

Lungo la strada della vita.

22 giugno 2021 Posted by | Notti insonni, Scuola, Storie ordinarie | , | 2 commenti

Enzo Maiorca

Enzo Maiorca fu non soltanto uno dei più grandi apneisti del mondo, ma anche una personalità in grado di catalizzare l’attenzione del pubblico. Compresa quella volta che, durante un’immersione, fu urtato da un inviato della RAI e gli scappò qualche imprecazione in diretta TV.

Maiorca, come tutti i conoscitori del mare, ne aveva anche paura, e ne aveva anche rispetto, tanto da diventare vegetariano.

Maiorca abbandonò la pesca subacquea nel 1967, quando, inseguendo una cernia incastrata in una cavità, la toccò: “Il suo cuore pulsava terrorizzato, impazzito dalla paura” raccontò.

E’ morto il 13 novembre 2016, all’età di 85 anni.

20 giugno 2021 Posted by | Storie ordinarie | | 2 commenti

Auguri

Oggi compie gli anni una mia carissima amica.

Sono dieci anni che non ci vediamo e quasi altrettanti quelli in cui non ci parliamo.

Negli ultimi anni è stata colpita da una serie di eventi funesti.

Non leggerà questo post, ma le invio ugualmente i miei auguri.

Perché è stata importante, come lo sono tutte le persone buone che incontriamo nella vita.

11 Maggio 2021 Posted by | Amici, Storie ordinarie, Un po' di me | | 2 commenti

Quello che nessuno ha il coraggio di dire

Costas Varotsos, La verità è sempre un’altra, 1980

Anche perché pochi hanno voglia di sentirselo dire.

Perché dire la verità implica coraggio, soprattutto se si devono trovare soluzioni che costano, non solo in termini economici, ma soprattutto in termini sociali.

Cos’è che bisognerebbe dire e soprattutto fare?

Bisognerebbe dire che chi pensa che fra un mese, o sei mesi, un anno o due anni avremo sconfitto il Covid e quindi potremo tornare alla nostra vita normale come prima è un illuso.

Con il Covid ci avremo a che fare per anni.

Dovremo cambiare le nostre abitudini, le nostre città, le nostre scuole, il nostro modo di incontrare, vedere e parlare agli altri, i nostri ristoranti, i nostri concerti, i nostri cinema e teatri, ecc.

Dovremo abituarci a una sanità che deve utilizzare ingenti risorse umane ed economiche per vaccinare, tamponare, curare i malati di Covid.

Cambierà il nostro modo di lavorare, di andare in vacanza, di socializzare.

Il problema non è se chiudere alle 22 o alle 23; non è se andare a scuola al 60% o al 70%; non è Speranza o Salvini.

Dobbiamo (dovevamo) investire risorse nel cambiamento strutturale della nostra società.

Prendiamo la scuola. Avevo proposto (ingenuamente) nel mio Comune di rimettere in sesto le scuole frazionali, perché se serve spazio non ce lo possiamo inventare. Certo, questo vuol dire rivedere le modalità d’insegnamento, i trasporti, la vigilanza, ma questi strabenedetti soldi che arrivano dall’Europa cosa li utilizziamo a fare, se non per questi miglioramenti strutturali delle nostre città?

Non possiamo più avere i bar che nella superficie di una cabina telefonica ci fanno stare venti persone contemporaneamente: non si può più, altrimenti il cappuccio e la brioche continueremo a ingurgitarli sul marciapiedi.

Ho fatto degli esempi banali, ma la realtà è questa: ci sono un sacco di cose che non possiamo e non potremo più farle come prima.

A meno che non si scelga la strada verso la quale ci stiamo dirigendo: sopportare per i prossimi anni qualche centinaio di morti al giorno per Covid.

Ovviamente sperando che a morire siano gli altri.

22 aprile 2021 Posted by | Storie ordinarie | , | 5 commenti

Sono stato cazziato dalle Poste

Fino a pochi giorni fa, quando noi correntisti andavamo in Posta per qualche operazione, dovevamo inserire la carta postamat nella macchinetta posizionata vicino all’ingresso.

A quel punto sul display usciva il messaggio “togliere la carta per stampare lo scontrino“. Tu toglievi la carta e usciva lo scontrino con il tuo numero di prenotazione. Aspettavi il tuo turno e la cosa finiva lì.

Oggi pomeriggio, invece, sono andato in Posta per prelevare due spiccioli (che il mio conto non mi consente di più), ho inserito la carta ed è uscito sul video un codice QR con la scritta “inquadra il codice con il tuo cellulare“.

Sono rimasto lì un po’ interdetto.

Avrei dovuto estrarre dalla tasca il telefono, togliere la cover (perché è la cover del modello precedente e copre parzialmente la fotocamera), inquadrare il codice, ecc. ecc.

A quel punto mi sono accorto che sotto al codice stava la scritta “stampa lo scontrino“.

Ho cliccato con il dito e a quel punto, insieme allo scontrino, è uscito il messaggio: “LA PROSSIMA VOLTA PRENOTA UN APPUNTAMENTO!

Eccheccazzo!

Come complicare le cose semplici…

 

19 marzo 2021 Posted by | Diavolerie tecnologiche, Questa poi..., Storie ordinarie | , , | 6 commenti