Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Il bambino con la pagella

Questo bellissimo e tremendo disegno di Makkox spacca il cuore.

Ci pensavo ieri sera, perché la notizia – che in realtà risale al 2015 – ha fatto il giro di internet.

Ci pensavo mentre ascoltavo un coglione di sottosegretario leghista sparare le solite minchiate sull’invasione dei migranti.

Ci pensavo e mi dicevo: mia figlia a quattordici anni manco andava da sola in posta (non ci va neppure adesso, se è per quello) e questo qui ha affrontato un viaggio dal Mali.

Chissà quanta paura avrà avuto, chissà come avrà urlato quando avrà capito che il suo sogno si sarebbe spento in fondo al mare, chissà come avrà pregato.

E chissà come avrà sperato di potersi costruire una vita diversa, con in tasca quel suo piccolo, ingenuo passaporto che era la sua pagella scolastica.

Ascoltavo il coglione di sottosegretario leghista e pensavo: per risolvere questi problemi giganteschi occorre prima di tutto provare un po’ di empatia verso queste persone. Occorre prendere atto che noi siamo nati e vissuti in questa parte del mondo senza averne alcun merito. Avremmo benissimo potuto nascere dall’altra parte e su quel barcone ci saremmo noi.

Dobbiamo capire che questi non sono problemi dell’Italia e nemmeno dell’Europa, ma del mondo.

Ma il coglione di sottosegretario leghista continuava a starnazzare che ci sono sessanta milioni di persone che si muovono e che noi non possiamo mica prendercele tutte in carico e che il padre di quel ragazzo avrebbe dovuto metterlo su un aereo e mandarlo qui, perché allora noi sì che lo avremmo preso, ma così no, su un barcone no, e che diamine!

Sarebbe bastato che qualcuno gli dicesse smettila di dire stronzate, perché quando uno dice stronzate, non è che puoi controbattere con tanti ragionamenti. Se uno parla alla pancia della gente, tu devi diventare fermento lattico, altrimenti non hai speranze.

Ma cosa dovremmo rispondere a tutta la gente che ha votato il coglione di sottosegretario leghista?

Dovremmo forse dire che la risposta alle loro minchiate sta in Platone o Socrate? No, non possiamo, perché questi qui, che si ergono a difensori della cultura occidentale, manco sanno che erano questi due.

Dobbiamo essere più terra terra, perché altrimenti non capiscono.

E allora potremmo rispondere con la tipica affermazione che facevano i miei genitori quando arrivava a casa qualcuno di inaspettato, magari all’ora di pranzo: “Vieni, siediti, dove si mangia in tre, si mangia anche in quattro“.

Ecco, in queste poche, povere parole sta tutto il senso dell’accoglienza.

Ma questo il coglione del sottosegretario leghista non lo capirà mai… (almeno finché non si troverà lui stesso su un barcone)

Annunci

18 gennaio 2019 Posted by | Storie ordinarie | | 3 commenti

Quell’inusuale senso di… normalità!

Qualche settimana fa ho fatto i miei soliti esami del sangue di controllo.

Una mattina sono andato a ritirare l’esito in ospedale e, camminando verso il parcheggio, ho aperto la busta.

Ho iniziato a leggere riga per riga i diversi parametri, controllando se i miei valori stavano all’interno dei limiti prefissati.

Alla fine della lettura, ho provato una strana, insolita, inattesa sensazione: tutti i valori erano normali!

A dire la verità anche negli esami precedenti i valori erano a posto, ma stavolta, non so il motivo, mi sembrava una cosa diversa.

La settimana scorsa poi ho fatto una TAC: testa, torace e addome e oggi sono andato a ritirare il referto.

Mentre mi dirigevo verso l’auto, leggevo i risultati: tutto regolare, tutto nella norma, nessun segno di recidiva.

Anche le TAC precedenti erano regolari, ma anche stavolta mi sembrava diverso: ero stranamente felice.

Allora stasera mi sono psicanalizzato un po’ e mi sono chiesto: cos’ho provato di nuovo stavolta, rispetto a quelle precedenti? Sono più di due anni che faccio controlli e che si rivelano sempre negativi. Perché stavolta dovrebbe essere diverso?

Pensa e ripensa, sono arrivato a una conclusione: quella strana sensazione che ho provato prima alla lettura delle analisi del sangue e poi a quella della TAC era semplicemente un forte, anzi fortissimo desiderio di normalità.

Sì, ho bisogno di tornare a pensare, a vivere, a progettare come una persona normale.

Ho bisogno di essere una persona normale.

Ma per questo traguardo c’è ancora un passo che devo compiere.

Orsù…

Delirium Jesahel Sanremo

15 gennaio 2019 Posted by | Salute | | 7 commenti

Di virus, batteri, germi e ricordi

Sto bloccato a casa da una specie di influenza. Dopo due giorni di febbre a 39, oggi è in calo.

Spero che il vaccino, che quest’anno non mi ha protetto come negli anni precedenti, almeno ne accorci la durata.

Mi sono tornate in mente le influenze di quando ero bambino.

L’immancabile visita del medico che con la coda di un cucchiaio dava un’occhiata alla gola, le medicine dal gusto disgustoso, ma contemporaneamente quel senso di quiete e di protezione dato dalla presenza di mia madre.

I tempi, i suoni, le parole apparivano smorzati, attenuati; gli impegni sospesi, differiti; i cibi più invitanti, per superare l’inappetenza causata dalla malattia.

Perfino il sole sembrava che scaldasse di più, ma forse era soltanto il riscaldamento tenuto un po’ più alto del solito.

Semplici ricordi di un uomo influenzato…

La canzone dell’amore perduto

13 gennaio 2019 Posted by | Ricordi, Salute | , | 18 commenti

Cattivo

malo, malvagio, tramalvagio (arc.), bigio (arc.), croio (arc., fig.), malnato (fig., lett.), reprobo, improbo, nequitoso (arc.), niquitoso (arc.), rio (arc.), pravo (lett.) □ malacarne ● cattivone, cattivaccio □ cattivello, viziato ● erba cattiva, malerba, malapianta □ peste, birba (lett.), pestifero □ pecora nera ● meschino, gretto, basso □ spregevole, indegno, miserabile, abietto, tristo, tristoso (arc.), dolente (arc.), doloroso (arc.) □ tristanzuolo (lett.), tristarello (lett.), tristerello (lett.) □ ingrato □ viperino □ cinico □ malvolente (lett.), malvogliente (arc.) ● perfido, malevolo, maligno □ diabolico, luciferino, infernale □ velenoso □ rettile, serpe, serpente, tersite, drago (arc.) □ infido □ carogna, bastardo, fetente, puzzone (centr., fig.) stronzo (volg.), figlio di puttana (volg.), figlio di buona donna □ cane □ iena □ disgraziato, sciagurato □ cattivo soggetto, pessimo soggetto, poco di buono, sbandato □ malintenzionato □ mascalzone, filibustiere, canaglia, ribaldo, furfante, farabutto, marrano, maramaldo, delinquente, berrettino (raro, lett., fig.), birbone, briccone □ avanzo di galera, faccia patibolare □ sfruttatore, negriero (est.) □ da evitare, da cui è meglio stare alla larga □ malfamato ● [di donna] arpia, megera, strega, versiera (tosc.) □ cagna □ vipera, serpe, aspide ● orco □ cerbero □ mostro, belva, animale □  crudele, crudivoro (est., fig., arc.), diro (lett.) □ ferino □ scellerato, flagizioso (lett.), malferace (arc.) □ empio □ fello (arc.), fellone (arc.) □ aguzzino, torturatore, persecutore □ feroce, sanguinario, assetato di sangue □ sadico, perverso, curvo (arc., fig.) □ boia, macellaio □ nerone □ anima dannata, anima nera (come il carbone), tizzone d’inferno □ anticristo (est.) □ segnato da Dio (fig., pop.), segnato da Cristo (fig., pop.) □ diavolo, satanasso, diavolo dell’inferno □ genio del male, lucifero (raro, fig.), angelo del male □ incarnazione del diavolo, della malvagità, del male ● che non perdona, senza pietà, impietoso, duro, coriaceo, insensibile, disumano, implacabile, spietato ● [di animale] aggressivo, pericoloso, feroce ● [di azione, ecc.] brutto, pessimo, tremendo, atroce, terribile, terrificante, orrendo, nefando, scellerato, riprovevole, orribile, imperdonabile, iniquo, mostruoso □ oscuro, torbido ● vomitevole, vomitoso, ributtante, ripugnante ● [pref.] caco

Non chiedetemi cosa sono questi, perché si capisce benissimo: sono sinonimi del termine “cattivo“.

Ma d’ora in avanti a raggruppare tutti questi termini basterà citare il nome di quell’indomito assessore del Comune di Trieste, tale Polidori, che ha gettato nel bidone dei rifiuti i miseri stracci di un barbone.

Guardatelo bene: Rambo gli fa un baffo a lui. Ha il coraggio dipinto in faccia. Il pericolo gli fa il solletico.

Pensate a quanto lavoro avrebbe questo qui a Roma: hai voglia a gettare nei cassonetti tutta la spazzatura che sta in strada!

Voi vi/mi chiederete: ma questo qui secondo te è cattivo?

No, questo qui è semplicemente stronzo. Cattivi stanno diventando gli italiani: insensibili, meschini, menefreghisti.

Non c’è bisogno di parlare di stranieri o di barboni per accorgersene: basta girare per strada. La gente aspira i messaggi che arrivano dall’alto e si comporta di conseguenza.

Se Salvini può dire chissenefrega dell’Europa, io non posso dirlo del vigile, del pedone, del mio “subordinato” al lavoro, delle tasse da pagare?

Domani mattina ho convocato una riunione in ufficio tra i cosiddetti dirigenti aziendali. Una delle cose che voglio dire è che in azienda siamo tutti colleghi:  dal direttore (cioè io) alla signora che fa le pulizie. Perché sul piano organizzativo le mansioni si distinguono non tra chi sta in alto e chi sta in basso, ma tra chi è responsabile del proprio lavoro e chi è responsabile anche del lavoro altrui.

Ma è una battaglia persa.

Ho l’impressione che ci sia qualcuno che ha una gran voglia di guerra, ma uno come quel Polidori, che a fare la guerra se la fa sotto solo a nominarla. Sono i nostalgici dell’armiamoci e partite. Le guerre le fanno sempre gli altri, i poveri in prima battuta, cioè quelli che dalle guerre non hanno niente da guadagnarci, ma in molti casi sono i primi a volerle fare. Salvo accorgersi della fregatura quando è troppo tardi.

Vabbe’, ho sproloquiato abbastanza.

Vi saluto e buona settimana.

Mamma mia

Dimenticavo per le gentili signore: vi site riposate dopo la sfacchinata di stanotte?

6 gennaio 2019 Posted by | Guerra al terrore, Questa poi..., Storie ordinarie | , , | Lascia un commento

The langoliers

Più che una storia, un incubo (come tutte le storie di King) per i passeggeri del volo 29 American Airlines per Boston, che si svegliano e scoprono di essere rimasti solo in una decina: tutti gli altri – piloti compresi – sono scomparsi.

Ma la cosa più terrificante è che è scomparso anche il mondo sotto di loro e quel poco che resta sta per essere inghiottito dai langolieri.

Nelle storie di King c’è sempre un significato recondito, nascosto. Forse questo è che il passato non ritorna, inghiottito, fatto a pezzi, sbranato. E se si rivive qualcosa del passato è una cosa nuova: mai rimuginare su quello che si è perso, ma concentrarsi su quello che rimane.

Degno ultimo libro letto quest’anno, che si spalanca sull’ignoto con una serie di inquietudini non da poco.

Mi guardo alle spalle solo per rivedere le storie che mi hanno accompagnato: sono passato attraverso i quattro libri della Ferrante de L’amica geniale (lo so, devo ancora commentare l’ultimo, quello finale, ma ci sto ancora pensando, e comunque non ho intenzione di vedere la serie tv); Cristo si è fermato a Eboli, L’Agnese va a morire, fino ad arrivare al monumentale M.

Una sedicina di libri (si può dire sedicina, no? Se si dice quindicina…).

Buoni propositi per il 2019: arrivare al 2020.

Buon anno a tutte/i

31 dicembre 2018 Posted by | Pensieri disarcionati, Smancerie pseudo-sentimentali, Storie ordinarie, Un po' di me | , , | 18 commenti

Moschettieri del Re

Avevo bisogno di un paio d’ore di spensieratezza e sono andato a vedere questo film.

La prima cosa che ho notato sono gli splendidi paesaggi nei quali è ambientato, che sono quelli della Basilicata, nei pressi di Matera, a Montescaglioso.

La seconda cosa che ho notato è che sono più brave le protagoniste femminili che non quelli maschili, che interpretano i moschettieri.

La terza cosa che ho notato è che non ho capito il finale (ma questo probabilmente è un problema mio).

Malgrado tutto, un paio d’orette (una e tre quarti, per la precisione) sono trascorse piacevolmente, malgrado la trama del film sia alquanto debole, a fronte di un’idea iniziale apprezzabile.

Film molto spinto dalla pubblicità, che secondo me non sono proprio sicuro che si meriti il prezzo del biglietto (nove euri, più uno per il caffè).

 

29 dicembre 2018 Posted by | Film | | 8 commenti

E arriva pure questo Natale…

Ce l’ho fatta anche quest’anno” è stato il mio commento ieri sera all’arrivo del Natale 2018.

Non era così scontato.

E non saranno scontati neppure i prossimi Natali.

L’ecografia della settimana scorsa ha certificato che i miei organi interni sono a posto, che non si vedono anomalie.

E’ un altro tassello che mettiamo sulla strada non della guarigione, bensì di quella che io chiamo la resistenza.

Intanto il barista di ieri sera (un mio coetaneo) era in preda a una grave forma di Parkinson. Mi hanno poi spiegato che ha in atto una terapia sperimentale che gli ha portato qualche miglioramento, ma era messo alquanto male.

Stamattina, mentre facevo la spesa, osservavo la gente affaccendata nella scelta dei regali e nel fare incetta di cibarie, come se dovesse arrivare una carestia e pensavo che io il Natale non lo sopporto più: è diventato la festa dell’ipocrisia e quest’anno sono contento di non dovermi sottoporre all’ennesimo, infinito pranzo/cena da cinquemila calorie a testa.

Ricordo invece con estremo piacere alcuni Natali del periodo della mia adolescenza. Quando le vacanze natalizie rappresentavano la possibilità di stare svegli fino a tardi, a divorare quei libri gialli che amavo tanto.

Bei tempi…

Mo’ però smetto, perché altrimenti faccio la solita tirata nostalgica e poi dite che sono vecchio.

In ogni caso,

23 dicembre 2018 Posted by | Salute | | 25 commenti

La prima pietra

L’ho visto venerdì sera, all’UCI (a me non piace molto andare all’UCI, perché tendo a perdermi tra le diverse sale, ma era l’unico posto dov’era in programmazione).

Carino, ma mi aspettavo qualcosa di più.

La parte migliore, recitata a mio parere splendidamente da Serra Yilmaz, è quella della nonna del bambino musulmano che innesca tutto il patatrac lanciando una pietra contro una vetrata della sua scuola, proprio nel giorno in cui deve svolgersi la recita natalizia.

Il film è un concentrato dei nostri pregiudizi e dei modi ridicoli con i quali a volte cerchiamo di mettervi una pezza, in realtà peggiorando la situazione.

Ma accanto alle risatine e ai sorrisi che strappa, fa capolino una domanda: ma come facciamo ad affrontare una società che – volenti o nolenti – sta diventando sempre più multiculturale? Qualcuno ci aiuta? No, molti spargono odio e basta, ma questa non è una soluzione…

P.S.: sempre molto comode invece le poltrone dell’UCI.

PP.SS.: mai viste tante donne sole al cinema.

16 dicembre 2018 Posted by | Film | | 2 commenti

A piccoli passi…

Martedì sono stato in auto dalle otto di mattina alle sei di sera.

Tolte due ore per gli impegni ai quali ho dovuto assolvere, fanno otto ore di autostrada.

Otto ore di code, rallentamenti, incidenti, guidatori distratti, assonnati, al telefono; a un certo punto mi si è attaccata al posteriore una donna alla guida di un fuoristrada che si dimenava tutta, evidentemente c’aveva l’autoradio a manetta. Ho pensato: spero di non dover frenare, perché altrimenti questa mi entra dentro la macchina difilato: fortunatamente il tampinamento è durato poco, perché alla prima rotonda se l’è filata da un’altra parte (e ha tampinato un’altra auto).

Mentre percorrevo le patrie autostrade, da un posto all’altro, pensavo che io ormai non sono più fatto per questo mondo: troppa fretta, troppo stress. E poi troppa arroganza, troppo menefreghismo, troppo consumismo, insomma, troppo di tutto.

A un certo punto ho anche spento l’autoradio: viaggiare in silenzio capita raramente. Concentrarsi sul suono del motore, sulla strada che scorre, sul sole del tramonto che ti acceca.

Vorrei circondarmi di antiche e belle parole: di quelle profonde, quelle che ne bastano quattro-cinque per riflettere tutta una sera. E invece siamo circondarti da parole che non durano nemmeno il tempo di essere lette, spesso inconcludenti, contraddittorie, per lo più false, se non tragiche.

Parole parole parole

13 dicembre 2018 Posted by | Un po' di me | , | 15 commenti

Costa Rica

Una notizia buttata lì così, in trentunesima pagina: “Il Costa Rica, il primo Paese senza un esercito“.

Il 1° dicembre 1948 Josè Figueres, vincitore di una guerra civile lampo, depose armi e divise, i militari divennero civili e i fondi dell’esercito furono dirottati su istruzione e sanità.

Figueres guidò un governo di unità nazionale per 18 mesi, per dare un nuovo assetto al Paese: scrivere la Costituzione, dare il diritto di voto a donne e neri, nazionalizzare le banche, abolire l’esercito e assicurare istruzione e sanità gratuite, votare un’Assemblea costituente.

Oggi il Costa Rica è una delle democrazie più stabili del mondo, un piccolo Paese che ha detto no alle perforazioni petrolifere per sviluppare l’ecoturismo e produce tutta l’energia elettrica da fonti rinnovabili.

Mattuguarda… potrei anche cambiare la mia destinazione alle Auai…

 

 

11 dicembre 2018 Posted by | Questa poi..., Sani principi | | 5 commenti