Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Quando è troppo, è troppo…

Facciamo due rapidi calcoli.

Forse dovrebbero illustrarceli i partiti, ma si sa che sono impegnati in ben altre discussioni.

Un lavoratore dipendente per avere uno stipendio netto di circa 1.500 euro al mese, deve avere un reddito lordo di circa 28.000 euro all’anno.

Mi si perdonerà qualche arrotondamento, ma gli ordini di grandezza sono questi.

1.500 euro corrispondevano, una volta, a circa duemilioni e novecentomila lire, cioè a un signor stipendio.

Orbene, ammettiamo che a questo (oggi) povero lavoratore dipendente un mese venga liquidato un premio di produzione di 1.000 euro.

La domanda è: di questi 1.000 euro, quanti gliene rimangono in tasca?

Il conto è presto fatto.

Su 1.000 euro, anzitutto ci paga i contributi previdenziali, circa 92 euro.

Sull’imponibile di 908 euro, ci paga l’IRPEF nella misura del 38%, cioè 345 euro.

Sullo stesso imponibile di 908 euro, ci pagherà poi le addizionali regionali e comunali all’IRPEF, che, prendendo a esempio il mio Comune, saranno rispettivamente l’1,73% e lo 0,5%, cioè rispettivamente circa 15,7 e 4,5 euro.

Totale: dei 1.000 euro iniziali, gli rimangono da scialacquare ben 543 euro (arrotondati), cioè il 54% del lordo (se è un dipendente pubblico, gli rimarrà anche meno, perché c’ha anche il contributo sul TFR).

Lo Stato si è preso il 46% dei suoi soldi. E se ne prende anche di più, se il povero lavoratore abita, per esempio, in una Regione in deficit sanitario, che quindi ha dovuto aumentare l’aliquota dell’addizionale regionale IRPEF.

Intendiamoci: lo Stato si è preso il 46% del reddito extra di una persona che guadagna 1.500 euro al mese, mica di uno che ne guadagna 15.000.

Senza scadere nella facile demagogia antitasse, mi chiedo: è morale questo?

Me lo chiedo perché ieri il presidente del Consiglio ha pensato bene di smorzare le illusioni di chi, leggendo i giornali due giorni prima, aveva letto che era stato elaborato un dossier per una possibile riduzione dell’IRPEF: niente riduzioni per ora.

Allora, vogliamo dire che un’aliquota IRPEF del 38% per la fascia di reddito tra i 28.000 e i 55.000 euro è troppo elevata, perché va a colpire soprattutto i redditi bassi e/o medio bassi?

Vogliamo dire che non è giusto che lo Stato si prenda quasi la metà del reddito extra di un lavoratore dipendente che, se ha alle spalle una famiglia, deve fare i salti mortali per arrivare a fine mese?

Vogliamo dire che il blocco prima parziale e poi totale del cosiddetto fiscal drag è stato un furto ai danni soprattutto dei redditi medio bassi?

Non mi piacciono le affermazioni tipo “mettere le mani nelle tasche degli italiani“, così care al puttaniere con la bandana e ai suoi sgherri, ma qui una regolata dovremmo darcela

Pierluigi, vogliamo dire qualcosa, non dico di sinistra, ma almeno di sensato?

(E magari la discussione sui matrimoni gay la facciamo dopo, eh?)

Pitzinnos in sa gherra

Annunci

17 agosto 2012 - Posted by | Politica |

42 commenti »

  1. Concordo. Ciò premesso, cosa vogliamo fare?

    Commento di Diemme | 17 agosto 2012 | Rispondi

    • Io posso fare ben poco. Comportarmi da cittadino “normale”, chiedere scontrini e fatture (che diventano sempre più una rarità). Non devo dimostrare di pagare le tasse, dato che lo faccio automaticamente.
      Ci sono persone che vengono pagate appositamente per “fare”. Se non ne sono capaci, si tirino da parte…

      Commento di aquilanonvedente | 17 agosto 2012 | Rispondi

      • Ma tu figurati se si tirano da parte. Io, oramai, mi sento sempre più in regime non dico di dittatura, ma feudale, con vergognosi soprusi dei “signori” nei confronti di vassalli, valvassori, valvassini.

        Commento di Diemme | 17 agosto 2012 | Rispondi

  2. 😯
    Hai …. perfettamente ragione !
    E staremo a vedere …. se la ragione prevarrà sulle ipocrisie, o se queste – ancora una volta – avranno la meglio !
    Io, resto comunque ‘amaramente’ fiducioso ! 😦

    Commento di cavaliereerrante | 17 agosto 2012 | Rispondi

  3. Il problema è che tra poco gli italiani “non politicanti” le tasche non le avranno nemmeno… per risparmiare sul costo dei vestiti! 😕

    Commento di Godot | 17 agosto 2012 | Rispondi

    • Rimanere senza tasche è passabile.
      Peggio è rimanere senza mutande… 😐

      Commento di aquilanonvedente | 18 agosto 2012 | Rispondi

      • Beh… ma con o senza tasche?! 😯

        Commento di Godot | 18 agosto 2012 | Rispondi

  4. Ma la questione dei matrimoni gay fa molta più notizia e fa sembrare tanto più buoni e progressisti. La verità è che lo sanno benissimo che ci sono altre priorità, ma o non ci sono idee, o non riescono a portarle avanti con la dovuta grinta e il risultato non cambia. Si “rimboccano le maniche” per dipingere la facciata quando entra l’acqua dal tetto.

    Commento di Luisa G. | 17 agosto 2012 | Rispondi

  5. Più che d’accordo.
    Una di quelle realtà che vivo sulla pelle, come la maggior parte di noi.
    Con uno stipendio che non arriva ai mille euro mensili, aspettavo il premio di produzione di aprile.
    Premio di produzione sudato e meritato, a detta non mia ma dei capi.
    Di circa 1400 euro lordi puoi ben immaginare cosa mi è rimasto in tasca.
    E’ vero che lamentarsi e basta serve a poco.
    Ma in questo momento vedo poca chiarezza ovunque.
    Anche io nel mio piccolo mi comporto, sempre e comunque, da cittadina onesta e che pretende onestà.
    Ma non è sufficiente.
    L’abbiamo già detto e mi ripeto.
    Nei momenti di crisi come questa che stiamo vivendo, i grandi ricchi diventano ancora più ricchi, i poveri diventano dei morti di fame, quelli che prima vivevano dignitosamente rischiano di diventare poveri. O qualcosa di molto simile. Non si sono vie di mezzo.
    Faccio fatica a essere ottimista,
    Molta fatica.

    Commento di maria | 17 agosto 2012 | Rispondi

    • Lamentarsi, secondo me, è già qualcosa. Vuol dire che non si “beve” tutto quello che ci viene propinato.
      Per quanto riguarda l’ottimismo, io da tempo non so più cosa sia.

      Commento di aquilanonvedente | 18 agosto 2012 | Rispondi

  6. bella la canzone… un ricordo pieno di affetto per il grande Andrea Parodi,

    Commento di maria | 17 agosto 2012 | Rispondi

  7. hai proprio ragione: quando un brav’uomo come te comincia a dare i numeri, è davvero troppo! 🙂
    Urgono ferie. :mrgreen:

    Commento di Rory | 17 agosto 2012 | Rispondi

  8. Sappiamo bene “a chi sia dovuta”, la causa motrice di questa crisi che pure arriva da lontano e ci coinvolge tutti, e sappiamo anche chi, dal sangue della povera gente, si sia arricchito a dismisura …. ma in un post è inutile, caro @Mauro, affrontare l’ argomento : si rischia di (ri)cadere nel luogo comune dell’ “ammazza ammazza son tutti una razza” … e di @santoni blateranti idiozie da sgangherati pulpiti mentre i loro conti in banca gongolano, ne abbiamo fin troppi sulle balle, e non solo fra i politici corrotti o imbecilli !
    Quindi, nel rispetto che si debba a chi soffra e non ce la fà più e senza dimenticarci di “come e dove” si possa sperare di aiutare il nostro Paese ad uscire ‘sano’ dall’ angoscia economica, e noi e tutti gli altri dal rischio ( o dalla realtà … ) della miseria e del fallimento dello Stato, preferisco voltare pagina … e motivato dalla canzone che ci hai linkato Tu ( con saggia, eccellente scelta di blogger, stavolta …. ), vorrei dedicare questa indimenticabile canzone del grande, struggente Artista @Andrea Parodi, alle @Signore …. bellissime …. apparse qui, dalla veemente @Diemme nella sua più vera versione ‘avatarica’, alla dolente e saggia @Maria, dalla bellissima e discreta @Luisa alla risuscitata ( e attesa …. ) @Rosanna …. e …. perchè no ? …. alla tua @sposa promessa …. e che Dio vi benedica tutte, e non ci faccia mai perdere la vostra preziosa amicizia ! 😀
    @Cavaliereerrante …

    @Andrea … di padre genovese e mamma sarda, scelse infine la sua radice isolana, e benchè siano anni ormai che se ne è andato … la sua voce, la sua figura nobile, la sua ricerca di purezza …. ci parlano sempre, come se, non di rado, si sedesse accanto a noi a cantare con la sua voce irraggiungibile le canzoni del cuore, quelle che non tramontano mai, le uniche capaci di farci sorridere o piangere, ma portandoci …. e che importa seper poco ? …. via da questa vita infame che ci corre davanti !

    Commento di cavaliereerrante | 17 agosto 2012 | Rispondi

    • Bellissima canzone d’amore. Forse una tra le più belle mai scritte 🙂
      p.s. bella anche Pitzinnos in sa gherra 🙂

      Commento di Luisa G. | 17 agosto 2012 | Rispondi

      • Cara @Luisa … c’ è, in qualche posto del paradiso …. una radura declinante sul mare !
        Alberi sempreverdi, in questo fazzoletto di terra non terra, contendono alle nuvole i colori, mescolando il verde al bianco …. ed arcobaleni iridati lo congiungono struggentemente alla polvere che calpestiamo …
        Non dolore là, non rimpianti per sorti immeritate, non più solitudini e sofferenze dell’ anima … ma armonie di spazi infiniti che si rivestono d’ eternità … proprio come nel sogno che non ci abbandona mai ! 🙂
        Non di rado, in essa sostano con le loro chitarre, tre angeli meravigliosi : @Ivan Graziani, @Fabrizio De Andrè e @Andrea Parodi …. che benignamente, come sempre fecero in vita, ci sorridono, ci rincuorano, ci confermano che, dell’ esistenza nostra, non tutto è brutto e sporco …. non tutti agiscono miseramente solo per sè stessi …. ma, al contrario, coesistono con quelle indegnità che, ahinoi, conosciamo, Poeti ed Eroi che contro quelle miserie si batterono, ciascuno con le armi che aveva, ed è grazie a loro se ancora in una sera d’ estate …. guardiamo stelle non più lontane da noi e sospiriamo “Sì, ad onta di tutto, la vita è ancora bella” !
        @Cavaliereerrante ….

        Commento di cavaliereerrante | 17 agosto 2012 | Rispondi

    • “risuscitata”?? 🙂
      Io sono in fase di totale relax.
      Cmq, per tornare al “malcontento popolare”, mia mamma poco fa ha detto: “quel bas…do” di Fini prende 15.000 euro di pensione, cominciassero a farli da lì i tagli” . Ovviamente l’ha detto in dialetto. Ecco, questa frase é un pò “di sinistra” ma è anche sensata. Io le ho risposto che è una frase utopistica…o si dice utopica…o utopiaca??? 🙂
      vabbè…quella cosa lì.
      Beh, mi ha fatto ripensare al tuo post e sono ri-passata a farvi un salutino.
      Ciau. 🙂

      Commento di Rory | 17 agosto 2012 | Rispondi

      • ehi, ma chi è la sposa promessa??? Che mi son persa??

        Commento di Rory | 17 agosto 2012 | Rispondi

        • Guarda Rory, non lo so neanch’io, siamo in due ad esserci perse 🙄

          Commento di Diemme | 17 agosto 2012 | Rispondi

          • me sa che se la suonano e se la cantano in due…’sti due. Ihihihih…

            Commento di Rory | 17 agosto 2012 | Rispondi

      • In fase di “totale relax” ?!? 😯
        Beh … allora, è il momento di allungarci una tua foto in slip …. ! 😀
        Mica per niente, eh ?
        Per “documentazione” !!! :mrgreen:

        Commento di cavaliereerrante | 18 agosto 2012 | Rispondi

    • grazie, Bruno. Canzone bellissima e a me molto cara dato che è della mia terra. Solo una precisazione; sono tutto tranne che saggia e dolente… 🙂 saggia non lo sono mai stata e mai lo sarò… e sono molto, molto serena.

      Commento di maria | 17 agosto 2012 | Rispondi

      • @Maria … cara amica …. sulla parola “dolente” non mi sono spiegato bene io ! Per me “dolente” … significa “avere il sentimento del dolore” per averlo provato nelle proprie carni … e saperlo quindi riconoscere “anche” negli altri …. e questo , per me nobile, sentimento, se non cancella del tutto la sofferenza privata ( ma comunque la lenisce … ), genera non di rado serenità, o meglio visione aperta della realtà e del comune nostro destino, semper dolens … al netto della fede !
        Quanto a saggia, per me lo sei …. checchè Tu ne dica o comunque Tu ti voglia giudicare ! 🙂

        Commento di cavaliereerrante | 17 agosto 2012 | Rispondi

        • grazie,,, un abbraccio

          Commento di maria | 18 agosto 2012 | Rispondi

          • Un abbraccio … @Marì ?!? 😯
            Con questo clima nuziale di sponsali aquileschi e attaccamenti di cappello in nuce ?!?
            Naaaaaaaaaaaa …. stamattina non mi basta !
            Eqquindi ….. per te …. SMACK SMACK !!! 😳

            E crepi l’ avarizia !!! :mrgreen:

            Ps. Guarda @Maria … che è tempo che Tu ritorni a scrivere, eh ??? Via “Le bende” … e al diavolo tutto !
            Non dimenticare che c’ è “un tempo per piangere” ( e con l’ amico nostro, @Aquilapiangente, abbiamo fatto il pieno …. 😥 ) e c’ è “un tempo per sorridere” …. e quel sorriso tuo aspettiamo, senza pressarti …. quando vorrai Tu ….. ma presto ! 😀

            Commento di cavaliereerrante | 18 agosto 2012 | Rispondi

    • Un bellissimo augurio.

      Commento di aquilanonvedente | 18 agosto 2012 | Rispondi

  9. Uhm tema difficile…
    Qualche nozione di economia politica ce l’ho. E l’ho pure rispolverata a inizio estate, causa debiti scolastici (altrui).
    Secondo le più accreditate teorie economiche in periodi di disoccupazione è necessario incrementare la domanda di beni da parte dei cittadini, aumentando le disponibilità nelle loro tasche. In questo modo la gente compra, le imprese devono incrementare la produzione e sono costretti a utilizzare tutti i macchinari e assumere lavoratori.
    Ma d’altro canto siamo in un periodo di inflazione altissima e quindi cosa bisogna fare? Ovviamente fare una manovra restrittiva e togliere moneta dalle tasche degli italiani. Come? Tagliando salari e stipendi per prima cosa e poi anche la spesa pubblica.
    Adesso come conciliare le due soluzioni che sono totalmente opposte? E comunque i salari non possono scendere entro un certo limite perchè altrimenti intervengono i sindacati (giustamente direi); se i salari non scendono, le imprese non assumono, intanto noi non produciamo abbastanza e dobbiamo ricorrere all’estero. E magari importiamo altra inflazione….Insomma sembra il cane che si morde la coda!
    Il problema è che l’economia da soluzioni ad un problema alla volta, in Italia i problemi sono mille.
    Ovviamente il governo tecnico è stato chiamato a trovare una soluzione che i politici, a caccia di voti, non erano in grado di trovare. Inoltre siamo in un contesto europeo e dobbiamo rendere conto pure agli altri Paesi…
    Onestamente non crederei mai alle notizie che dessero per certo un abbassamento delle tasse.
    Poi che sia morale far pagare quasi il 50% di tasse, è un’altra faccia della medaglia. Ovvio che non è giusto e ovvio che siano colpiti le fasce deboli della società, ma è anche vero che sono quelle che più facilmente possono essere martoriate in quanto non hanno la possibilità di portare capitali all’estero e sottrarli al Fisco!
    Comunque la teoria è teoria, la realtà è tutta un’altra storia!
    E’ vero che c’è il lavoro nero: ma quando puoi scegliere tra morire di fame e lavorare in nero, che si fa?
    E’ vero che non si chiede sempre fattura: ma quando sei costretto a contare i centesimi, risparmiare una decina di euro non è mica male!
    Tanto per fare due esempi concreti!
    (se ho detto qualche fesseria, perdonatemi!)

    Commento di anto1977 | 18 agosto 2012 | Rispondi

  10. Cacchio ! 😯
    @Antonè …. e ti tenevi tutta questa ‘onesta e lucida’ scienza tutta per te ?!?
    Miiiiiiiiizzicaaaaa …. giù il cappello ! :mrgreen:

    Commento di cavaliereerrante | 18 agosto 2012 | Rispondi

    • in realtà non amo molto commentare questo tipo di post, ma ogni tanto mi intrufolo anch’io in queste discussioni

      Commento di anto1977 | 18 agosto 2012 | Rispondi

  11. Pierluigi?!!! PIERLUIGI?!!
    Ma è morto Pierluigi, e con lui quello che crede di rappresentare, solo che non se n’è accorto e vaga in una realtà parallela con tutti i suoi galoppini. E mica solo lui, anche parecchi altri fanno parte ormai dei PIU’ da tempo, solo che non vogliono passare oltre, perchè sono troppo attaccati alle cose terrene, hainoi, e per pagare la loro permanenza in questo mondo di vivi pagatori, a noi ci fanno i salassi. Manteniamo i morti insomma. Oh, il problema è che sto morbo attacca e fa vittime, la loro permanenza nel mondo dei vivi ha di fatto infettato altri, ad esempio e senza fare facili demagogie come giustamente dici tu, ma riportando solo la realtà, è morta la democrazia, è morta la giustizia, è morto il senso del pudore e della vergogna ed è morta pure la percezione della realtà. Se cosi non fosse, loro stessi avrebbero avuto da tempo il pudore e il contegno di passare “oltre” e liberare questo paese stremato dalla loro insana malia. Perchè amico mio, NON E’ ETICO E NON E’ MORALE che qualcuno prenda decine se non centinaia di mila euro l’anno per fare il funzionario statale eh!!! Alla fine, a ben guardare è un impiegato. E la pensione la prende come tutti gli altri al compimento del 62° e con 40 anni di contributi eh!! Non dopo un legislatura. Ma ragassi, siam mica passi??
    Risposta: si, passi, ciechi e sordi…sigh! 😉
    Ciao pennuto!

    Commento di ziaraspa | 18 agosto 2012 | Rispondi

    • @ziaraspa: ” è morta la democrazia, è morta la giustizia, è morto il senso del pudore e della vergogna ed è morta pure la percezione della realtà”: ma perché hai maledettamente ragione? Vorrei tanto poterti dare della pessimista, e invece la tua è una mera constatazioni di fatto, anzi dei fatti, quelli sotto gli occhi di tutti Occhi, ahimé, totalmente impotenti.

      Commento di Diemme | 18 agosto 2012 | Rispondi

  12. Ho letto da qualche parte che c’è un partito che sta facendo una campagna elettorare buona per vincere ma non per governare, visto che i problemi del nostro paese sono troppo gravi per chiunque.
    IO faccio parte di quella categoria di lavoratori che prendono sempre meno e comincio ad infastidirmi!

    Commento di kylie | 18 agosto 2012 | Rispondi

  13. L’Italia in cui viviamo: http://donnaemadre.wordpress.com/2009/05/16/ma-noi-chi-siamo/

    Io credo fermamente che dovremmo trovare il modo per rifiutare con più forza l’infamia di cui stanno ricoprendo e inondando il nostro Paese.

    Commento di Diemme | 18 agosto 2012 | Rispondi

    • Stanno ?!? 😯
      Non tutti !
      Ed è quelli, che dobbiamo votare … e verificare poi che facciano proprio ciò per cui li abbiamo votati, e cioè gli interessi dell’ Italia e degli Italiani, non pecore autoctone quest’ ultimi ( i tempi e la Storia lo impediscono, insieme alla mancanza di materie prime basilari … ). ma “pares inter pares” in Europa ! 😀

      Commento di cavaliereerrante | 18 agosto 2012 | Rispondi

  14. Caballero, non tutti? E se non tutti quanti, e di quei quanti dicce nome, cognome, se hanno pagato l’IMU e quanto hanno dichiarato negli ultimi 5 anni 😀 poi forse, se ne può parlare. Io invece penso nessuno dei nomi noti si possa salvare, perchè per rimanere fino ad ora col naso fuori della merda hanno dovuto imparare l’arte del compromesso e del do ut des. Sono tutti concordi nell’individuare con certezza il “sacrificabile” che poi saremmo noi, il loro stesso elettorato. Loro e tutti i loro megaprivilegi, vergognosi per usare un aggettivo dolce, quelli non li toccano, nessuno è disposto, su questo tasto nessuno fa opposizione, mozione approvata all’unanimità.
    E Pantalone paga il 46% di prelievo fiscale. Si potrebbe fare causa allo Stato per USURA!!

    Commento di ziaraspa | 19 agosto 2012 | Rispondi

    • Beh, facciamola…

      Commento di Diemme | 20 agosto 2012 | Rispondi

    • Beh … Zia @Raspa … qui di nomi di @cialtroni e @cialtronesse, non ne sono stati fatti … e dunque non vedo perchè dovrei farne io “di quelli virtuosi”, o pensi veramente che non ce ne siano ??? Intanto – e questo è un dato pubblico – di tantissimi @Parlamentari si conosce il 730, e sappiamo che le tasse le pagano fino all’ ultima lira, di altri non sappiamo niente … ma li conosciamo uno per uno, e sappiamo chi si è arricchito sulla pelle degli @Italiani e chi invece non si è arricchito ! Mi dispiace, amica mia …. Tu sai quanto io ti stimi, ma non potrei mai seguirti su questa visione “che tutto sia merda” : capisco e comprendo lo sfogo, ancor più capisco ( e credimi, per quel poco che posso, cerco di aiutarlo ad andare avanti … ) chi non arrivi al ’27’ o chi si veda privare del proprio lavoro ( una cosa orribile … insopportabile, che ci avvelena la vita ) …. ma, e scusami per questa mia ostinatezza, preferisco star fuori dall’ “ammazza ammazza son tutti una razza” ! 😦
      @Cavaliereerrante ….

      Commento di cavaliereerrante | 20 agosto 2012 | Rispondi

  15. spendi troppi soldi in guanti di gomma, per questo non ti tornano i conti…..

    Commento di elinepal | 19 agosto 2012 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: