Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Quel che resta del giorno (il libro)

Un grande libro, una storia scritta in modo magistrale da uno che si vede che ha vinto il Nobel per la letteratura (Kazuo Ishiguro, Nobel per la letteratura 2017).

La storia di per sè è una di quelle nelle quali non succede niente: un maggiordomo (Stevens) si fa una settimana di ferie in giro per l’Inghilterra e ne approfitta per fare una visita all’ex governante (Miss Kenton), che potrebbe tornare a lavorare insieme a lui.

Ma il viaggio è l’occasione per Stevens per rivedere la sua vita, il suo rapporto con i suoi datori di lavoro, il suo concetto di fedeltà e di dignità. E un tarlo si insinua nella sua mente: nella sua vita non c’è stato posto per l’amore, soprattutto per quello che poteva nascere con Miss Kenton, che se n’è andata quando si è sposata e gli ha scritto che il suo matrimonio è in crisi e ricorda piacevolmente il periodo del suo lavoro insieme a Stevens.

Non svelo come finisce la storia, dico soltanto che raramente ho letto un libro scritto in modo così magistrale (a parte Sebastiano Vassalli), che non si dilunga in inutili elucubrazioni e che fa riflettere su quello che la propria vita avrebbe potuto essere e invece non è stata.

P.S.: ovviamente ho voluto vedere anche il film.

19 settembre 2022 Posted by | Libri, Rimpianti | | 3 commenti