Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Addio, Cavaliere Errante

Di fronte alla morte me lo chiedo sempre: ora lei/lui saprà già cosa esiste nell’aldilà?

Se tutto finisce con questa nostra miserevole vita, oppure se ci spostiamo semplicemente in un’altra dimensione.

La ragione opta per la prima soluzione; il cuore per la seconda.

Sarebbe bello incontrare di nuovo i miei genitori, i miei parenti e amici che se ne sono andati, sempre troppo presto.

Discutere di poesia con Dante; di filosofia con Socrate; di letteratura con Vassalli…

Incontrare i fetentoni che scontano le loro pene.

E magari, perché no, incontrare anche il Cavaliere Errante, che se n’è andato così, senza preavviso, senza un commento.

Chissà se starà già godendosi questa primavera che stenta a iniziare in compagnia dell’amata figlia.

E chissà se da lassù trova il tempo per commentare le nostre piccole vicende.

Addio Cavaliere, ovunque tu sia in questo momento.

7 Maggio 2021 Posted by | Storie ordinarie | 7 commenti