Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Erano gli anni novanta…

Correvano veloci gli anni novanta.

Sono stati anni molto travagliati per me, da tutti i punti di vista: sentimentale, lavorativo, politico.

Ricordo che per un certo periodo mi innamorai di questa canzone.

Allora non c’era internet, youtube, gli smartphone, ecc., per cui una canzone che ti piaceva te la dovevi gustare alla radio quando passava, altrimenti dovevi comprarti il cd.

E io quello feci: cercai dapprima il nome della canzone, poi il cd che la conteneva e alla fine lo comprai.

Non ho mai capito perché rimasi così colpito da questa canzone, dato che non mi sono mai trovato nella situazione descritta.

Mah…

Misteri della mente.

Una serata insieme a te

19 febbraio 2021 - Posted by | Storie ordinarie

6 commenti »

  1. Dalle mie parti si dice: “dove c’è gusto non c’è perdenza” :-;

    Commento di ally | 20 febbraio 2021 | Rispondi

    • Che tradotto significherebbe? 😯 (sai com’è, padano sono…)

      Commento di aquilanonvedente | 20 febbraio 2021 | Rispondi

      • ‘Dove trovi piacere non hai nulla da perdere’ (ovvio nella maggior parte dei casi)

        Commento di ally | 21 febbraio 2021 | Rispondi

  2. In effetti è una canzone che “prende”, al di là delle singole parole.

    Commento di Diemme | 21 febbraio 2021 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: