Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Oggi si vota!

Oggi si vota.

Nel mio paese oltre alle europee si vota anche per l’amministrazione comunale.

E proprio per questa sono state settimane di fuoco.

Il sindaco uscente si ripresenta, con la sua coalizione di centro destra.

Ma il primo a “scendere in campo” è stato l’ex sindaco 2004-2014: allora con il centro destra, ora con una lista civica appoggiata dal PD.

Una parte del PD non  ha digerito questa scelta e ha dato vita a quella che definisce “l’unica lista di centro sinistra”, che candida l’ex sindaco 1995-2004, sconfessato però dal PD provinciale.

Un ritorno al futuro, insomma…

In questa baraonda, il soggetto che ha fatto una figura di m… è proprio il PD. Un manipolo di disperati che bazzicano nelle aule del Consiglio comunale ormai da decenni e che sono rimasti in crisi d’astinenza da poltrona ha pensato di aggregarsi a un pendaglio da forca che ha messo insieme una lista peggio di quella di centro destra (e ho detto tutto). Li conosco bene questi disperati per averci lavorato insieme per anni: è stato anche per merito loro che mi sono ritirato dalla politica.

Un partito non è fatto solamente di idee e programmi, è fatto anche di regole e di persone.

Da Bersani in poi questo PD mi convince sempre meno. E questo è un peccato, perché l’idea di partenza era buona, ma poi il PD è stato scalato da una congrega di farabutti che ha rovinato tutto.

Comunque i programmi di tutte e tre le liste sono delle liste di desideri che rimarranno irrealizzati, perché completamente scollegati dalle reali possibilità economiche del Comune.

Un programma elettorale dovrebbe invece contenere delle scelte e delle priorità, per essere una cosa seria. Se così non è, dovrebbero essere gli elettori a respingerlo per primi, perché altrimenti si riduce solamente a una presa per il culo. E invece tutti a correre dietro a chi promette di più.

E’ proprio vero: gli italiani votano la trippa!

Buon voto a tutte/i.

26 Mag 2019 Posted by | Politica | | 1 commento

E’ finita?

Più di una volta mi sono chiesto se fosse finita per me l’epoca del blog.

Vengo una volta la settimana, due se va bene (a volte nemmeno quelle), frequento raramente i blog degli altri, molti dei vecchi amici/amiche se ne sono andati, i commenti sono sempre più rari, così come le visite.

Eppure, malgrado tutto, per me è difficile chiudere tutto.

Su queste pagine (e su quelle precedenti) ho trascorso momenti bellissimi, ho condiviso tanto, ho conosciuto diverse persone (qualcuno anche “di persona”). Ho riso, ho pianto, ho sofferto, mi sono preoccupato e ho gioito.

Ora mi si stringe il cuore quando clicco sul nick di qualche amico/a e salta fuori una pagina non trovata, un blog cancellato oppure rimasto fermo ad anni fa.

Ho iniziato il 26 luglio 2006, quasi tredici anni fa.

In tredici anni ne sono accadute di cose… Ho fatto scelte, alcune giuste, altre sbagliate. Me ne assumo tutte le responsabilità, senza dare la colpa a qualcun altro.

Questo nick mi ha tenuto compagnia nei momenti bui, in quelli difficili, è stato quasi un alter ego che mi ha seguito volontariamente, consapevolmente, costantemente, delicatamente. Come faccio a dargli il benservito?

Io proseguo, può darsi che abbia ancora bisogno di lui…

 

21 Mag 2019 Posted by | Ricordi, Rimpianti, Smancerie pseudo-sentimentali, Storie ordinarie, Un po' di me | , , , , | 9 commenti

Socrate, Platone e Aristotele

Niente da dire: sono queste le basi della nostra civiltà occidentale.

Non so se siano migliori o peggiori della altre, ma queste abbiamo.

Non c’è cristianesimo che tenga: quando qualcuno starnazza di recupero delle radici cristiane dell’Europa, dice una enorme minchiata.

Il cristianesimo è stato un prodotto della cultura mediorientale, che non a caso si è sviluppato dapprincipio proprio in Medio Oriente e nell’Africa settentrionale. Soltanto in un secondo momento ha trovato terreno fertile a Roma.

Le nostre radici, il nostro modo di ragionare sono nati con questi tre signori; sono nati in quella terra bagnata da tre mari, frantumata in migliaia di isole e ridotta quasi alla fame.

Noi siamo figli loro.

Questo libretto è una “spruzzatina” di conoscenza di queste nostre radici.

Avessi più tempo (aspetto quota 95 per andare in pensione) mi piacerebbe approfondire il loro pensiero, la loro dialettica, i loro litigi, ma devo annegare nelle scartoffie e pertanto devo accontentarmi di queste poche pagine.

Addaveni’ la pensione…

19 Mag 2019 Posted by | Libri | | 4 commenti

Bisogna imparare a lasciarsi…

… quando è finita.

La canta Ornella Vanoni in una fantastica interpretazione, a Sanremo 2018.

E io che pensavo di terminare la mia grama vita in modo un po’ tranquillo e sereno (perché tutti abbiamo bisogno di serenità, ma io più di tanti altri).

E invece mi tocca ancora remare contro corrente.

Pazienza…

Giorno per giorno
Senza sapere
Cosa mi aspetta
Non è in mio potere
Gioia e tristezza
Sempre davanti
Stanze vicine
Comunicanti
E in fondo sentire che niente finisce mai
È un tempo infinito il presente 
Non passerà
Bisogna imparare ad amarsi in questa vita
Bisogna imparare a lasciarsi quando è finita
E vivere ogni istante fino all’ultima emozione
Così saremo vivi
Gabbia di ossa          
Libero cuore
Hai preso dolcezza
Da ogni dolore
Conservo l’infanzia
La pratico ancora
La seduzione mi affascina sempre
E in fondo sentire che esisti felicità
Abbracciami ancora una volta  
Mi basterà
Bisogna imparare ad amarsi in questa vita
Bisogna imparare a lasciarsi quando è finita
E vivere ogni istante fino all’ultima emozione
Così saremo vivi
Bisogna imparare ad amarsi bisogna imparare a lasciarsi
Bisogna imparare ad amarsi
A perdonarsi
Giorno per giorno
Senza sapere
Cosa mi aspetta
Ma voglio vedere.

La cura – Franco Battiato

 

17 Mag 2019 Posted by | Storie ordinarie, Un po' di me | , | 7 commenti

Il grande spirito

Eravamo in due ieri pomeriggio a vedere questo film.

Ero indeciso, ma alla fine l’ho apprezzato.

E’ un film diverso dalle solite commedie: non saprei come definirlo, è come se la realtà fosse più tangibile, più palpabile, come se si potesse toccare con mano.

Le interpretazioni di Rubini e Papaleo sono intense. Originale l’idea di ambientare un film tutto sui tetti di una città (Taranto in questo caso, con all’orizzonte le ciminiere e i fumi dell’Ilva).

Sono entrato al cinema con il sole e sono uscito che grandinava (ovviamente ero senza ombrello). La corsa sotto la pioggia mi ha reso felice (anche se mi sono beccato qualche cozzo sulla testa): sono vivo.

Imparare ad amarsi

12 Mag 2019 Posted by | Film | | 2 commenti

Tempi grami

Tempi grami mi attendono, in questa primavera che non vuole saperne di dispiegare le ali.

Non sto parlando della mia salute, che si mantiene regolare, ma di altre vicende, che purtroppo mi rendono la vita più pesante di quanto già sia.

Pensavo proprio stasera, mentre cenavo, come io riesca malgrado tutto a rimanere in equilibrio: altroché camminare sul filo!

A volte sento il bisogno di condividere, di sfogarmi, di chiedere consiglio, forse anche aiuto.

Ma malgrado tutto la fame non mi manca, il sonno neppure e la panza non se ne va neanche a minacciarla!

Almeno facesse bel tempo e potessi andare in bicicletta, ma qui c’è un tempo da polenta…

Uffa!

8 Mag 2019 Posted by | Un po' di me | , | 1 commento

Storia di Iqbal

Ho già parlato diverse volte della storia di IQBAL MASIH, il ragazzo pakistano ucciso nel 1995 dove che era diventato il simbolo della lotta allo sfruttamento del lavoro minorile.

Ma sento il bisogno di parlarne ancora, dopo aver letto questo libro.

Mentre leggevo la storia pensavo che sarebbe nostro dovere impedire che nel mondo vi siano altri bambini come Iqbal, costretti a lavorare in condizioni proibitive invece di andare a scuola e giocare (e ci sono pure quelli costretti a fare i bambini-soldato).

Ci fu un tempo (parlo degli anni settanta, perché negli anni sessanta ero troppo piccolo e negli anni ottanta era già troppo tardi) in cui quelli come me speravano di poter cambiare il mondo, o almeno di migliorarlo. Perché non ci dovevano più essere povertà, sfruttamenti, guerre. Anche quando facevamo politica nelle cose di tutti i giorni avevamo sempre questa sorta di afflato mistico, di tensione morale (mica tutti, ovviamente. Gli opportunisti c’erano anche allora).

Ma abbiamo fallito.

Se abbiano fallito gli uomini o le ideologie non lo so. So però che finché ci saranno ricchi troppo ricchi e poveri troppo poveri, ci saranno sempre anche gli Iqbal.

Perché gli Iqbal sono indispensabili per mantenere il nostro tenore di vita, che altrimenti non sarebbe compatibile con il resto del mondo, né dal punto di vista economico, né dal punto di vista ambientale. Noi ormai cosa produciamo? Noi distribuiamo soltanto e consumiamo. Consumiamo molto più di quanto sarebbe nelle nostre possibilità, ma le regole ce le siamo fatti da noi (ce la cantiamo e ce la suoniamo, per essere chiari) e allora il meccanismo regge; traballa, ma finora ha retto, bene o male.

Gli Iqbal non sono un incidente di percorso, non sono una deviazione dalla (nostra) retta via, ne sono parte integrante.

Attenzione però, non è che tutti siamo responsabili alla stessa maniera. E no, troppo comodo. C’è chi di responsabilità ne ha di più e chi ne ha di meno.Quello che differenzia la sinistra dalla destra sta proprio qui: prima cominciamo da quelli che hanno di più.

Alla faccia di chi dice che non c’è più differenza tra sinistra e destra.

Un amore così grande

5 Mag 2019 Posted by | Libri | | 1 commento

1956 L’anno spartiacque

Luciano Canfora riesce a narrare la storia come se fosse un grandioso romanzo.

Riesce a legare i fatti accaduti nello stesso periodo.

Riesce a raccontare gli antefatti.

Riesce a evitare quelle noiose e destabilizzanti note a piè di pagina, inserendo i richiami agli altri libri nel ragionamento.

Questo agile testo racconta quanto accaduto nel 1956, anno spartiacque non solo in Europa.

Tre fatti soprattutto sono accaduti: il XX congresso del Partito comunista dell’URSS, con il cosiddetto “rapporto segreto” di Krusciov che avvia la “destalinizzazione”; la rivolta in Ungheria con l’intervento delle truppe del Patto di Varsavia (ma in realtà solamente russe) per reprimerla;  la nazionalizzazione del Canale di Suez da parte dell’Egitto di Nasser, con il conseguente intervento militare di Israele prima e di Francia e Gran Bretagna dopo.

Racconta come sono stati vissuti questi avvenimenti in Europa e in Italia, soprattutto nel PCI.

Viene un po’ di nostalgia a leggere di quando (mezzo secolo fa) c’erano ancora i partiti con i relativi dirigenti (Togliatti, Nenni), ci si divideva anche su questioni ideologiche, il mondo era ancora diviso in due blocchi. Si era da poco usciti da una terribile guerra mondiale e i rischi di un altro conflitto non erano certamente spariti. C’erano ancora le potenze coloniali europee (Francia in primis) e mi viene difficile pensare con quali categorie mentali ragionassimo nei decenni immediatamente successivi, gli anni settanta e ottanta, prima della caduta del muro di Berlino.

E mi rendo conto che gli anni della mia giovinezza sono già storia!

Mamma mia…

P.S.: una cosa ho scoperto che mi era completamente sconosciuta e che vorrei approfondire. Il 29 ottobre 1956 le truppe israeliane attaccano a sorpresa l’Egitto e invadono la penisola del Sinai, puntando sul Canale di Suez. Oggi si sa che il suggerimento all’offensiva venne da Francia e Inghilterra, che il giorno dopo intervennero direttamente con le loro truppe. In questo contesto il governo francese propose all’Inghilterra una unione statale, cioè la formazione di un unico stato. La proposta fu respinta dagli inglesi, ma rimane una prospettiva fuori dall’ordinario. Chissà quale sarebbe stata la capitale…

2 Mag 2019 Posted by | Libri | , | 4 commenti