Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Il (mio) potere

Ci sono diversi modi per utilizzare il potere.

Uno (quello più diffuso) è il classico fondato sull’arroganza, ben ritratto dalla famosa scena del film Il Marchese del Grillo con Alberto Sordi: io so’ io e voi non siete un cazzo.

A me gli arroganti, gli affaristi, i cialtroni non mi sono mai piaciuti (“mi” rafforzativo).

Quando ne ho la possibilità, mi piace utilizzare il mio (poco) potere per semplificare la vita delle persone, non per ingarbugliarla.

Così ho fatto qualche giorno fa, prendendomi la responsabilità di superare le resistenze di un’assicurazione e di una banca (due istituzioni che quando vogliono complicarti la vita, non hanno niente da imparare, da nessuno), per evitare inutili lungaggini a una nostra dipendente.

Ma ti prendi tu la responsabilità?” mi ha chiesto una mia collega, sgranando gli occhi.

Certo che me la prendo io. – ho risposto – Vai tranquilla.

Ovviamente il tutto si è concluso positivamente.

Sotto la mia responsabilità.

Un’Emozione Da Poco

Annunci

25 aprile 2019 Posted by | Storie ordinarie, Vita lavorativa | | 5 commenti