Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

La memoria rende liberi

Adoro, ammiro e rispetto profondamente Liliana Segre.

La sua forza tranquilla, la sua semplicità e chiarezza nel raccontare, la sua lucidità nel ricordare i momenti più terribili della sua esistenza e contemporaneamente i più belli, come quelli legati al papà.

Nata nel 1930, nel 1938 ha subito le leggi razziali (“Il 15 settembre 1938 ho smesso di essere una bambina come le altre“), che l’hanno allontanata dalla scuola e progressivamente dalle cose della vita, finché nel 1943 viene arrestata dopo un tentativo di espatrio in Svizzera e l’anno successivo viene deportata con il papà ad Auschwitz-Birkenau, con un viaggio in treno di una settimana.

Arrivata lì, è stata separata dal papà, che non ha più rivisto ed è stata una delle poche a sopravvivere all’infermo del campo di sterminio (non si chiama campo di concentramento, si chiama proprio campo di sterminio).

E quando è tornata in Italia si è accorta che nessuno voleva sentire la sua storia e lei non aveva voglia di raccontarla e ha attraversato gli anni bui della depressione, fino a prendere coscienza della sua vita (“Ho provato, con silenzio, a dimenticare di essere ebrea, ma oggi so che non è possibile. Non si può smettere di essere ebrei“).

Liliana Segre, come (purtroppo) pochi altri fa parte di quella coscienza collettiva che sta scomparendo.

Quella coscienza che ci dice che il motto “italiani brava gente” è una stronzata, perché ne abbiamo combinate di cotte e di crude (da ultima, proprio l’invenzione del fascismo, mica ciufoli).

Me lo sono letto tutto nella giornata di oggi questo libro, perché non sono riuscito a staccarmene (se non per cucinare due linguine con cozze e vongole, ma proprio per tacitare lo stomaco, ecco).

Dieci euro ben spesi (i diritti d’autore di Liliana Segre sono devoluti alla Onlus Opera San Francesco per i poveri).

 

Annunci

14 aprile 2019 Posted by | Libri | | 2 commenti