Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

La mente colorata

E’ un libro bello tosto da leggere, soprattutto per uno che l’Odissea l’ha studiata (si fa per dire) più di quarant’anni fa.

Praticamente l’autore analizza la figura di Ulisse, le differenze con gli altri personaggi dell’Odissea e dell’Iliade.

Ulisse discende indirettamente dal dio Ermes, padre di suo nonno; ama la famiglia e la casa, ma ha una vera e propria passione per la mistificazione e l’inganno. E’ estremamente curioso e malfidente: mette tutti alla prova.

E’ interessante il racconto che l’autore fa del ritorno di Ulisse a Itaca e del suo riappropriarsi della casa, della famiglia, del trono e soprattutto della moglie.

Quando Ulisse torna a Itaca, la dea Atena lo rende irriconoscibile nelle vesti di un mendicante. Atena è la dea che lo protegge e lo ama con una dedizione totale. Tranne Penelope, nessuna figura femminile giunge così vicina alla sua mente e al suo cuore: tra i due vi è un’affinità spirituale fortissima e una complicità intellettuale limpidissima.

Ulisse, giunto a Itaca, si dirige nel recinto di Eumeo, il porcaro, e rischia di essere sbranato dai suoi cani. Poi incontra il figlio Telemaco, che dapprima lo scambia per un dio. Il giorno dopo, davanti al suo palazzo, incontra Argo, il suo cane: sebbene vecchio e malato, lo riconosce e scodinzola, ma non riesce ad avvicinarglisi e muore.

Ispirata da Atena e dagli dei, Penelope propone la gara con l’arco, promettendo di sposare il vincitore, anche se non ha alcuna intenzione di mantenere la promessa.

Il massacro dei Proci non viene addebitato a Ulisse: la mano è la sua, ma il volere è degli dei.

Durante la strage Penelope dorme (della serie: io non c’ero, e se c’ero dormivo). Poi scende nella sala e si siede di fronte al mendicante. Ulisse non riesce a guardarla e nemmeno a parlarle.

I due si parlano attraverso Telemaco, fin quando Penelope dice la parola risolutiva:

Se veramente è Odisseo e a casa è tornato, certo noi due

ci riconosceremo anche meglio: perché anche noi

abbiamo dei segni, che noi soli sappiamo, nascosti agli estranei.

Penelope cerca un segno, ma non un segno qualunque, un segno segreto, nascosto agli estranei, fondato sulla sua memoria e su quella di Ulisse. A questo punto Ulisse sorride, l’unico suo sorriso nell’Odissea: manda via il figlio e viene lavato, profumato e vestito. Poi si siede di fronte alla moglie e per la prima volta le si rivolge direttamente: la chiama “donna incomprensibile“, che si rifiuta di riconoscerlo. Anche lei lo chiama “uomo incomprensibile“, perché non capisce ciò che desidera da lui: un segno segreto.

Siccome Ulisse non porta prove, Penelope decide di procurarsele con l’astuzia. Si rivolge a Euriclea, la dispensiera, e le dice:

Orsù Euriclea, stendigli il solido letto

fuori del talamo ben costruito che fece lui stesso;

portate fuori il solido letto e gettatevi sopra il giaciglio,

pelli e coltri e coperte lucenti.

Ulisse rimane sconvolto: quel letto solidamente fissato nel suolo, con le radici immerse nella terra, irremovibile, è il centro della sua vita, racchiude tutti gli aspetti della sua esistenza; il rapporto religioso con Atena, l’ostinata irremovibilità del carattere, il matrimonio, la fecondità della moglie, la casa cresciutagli attorno, il suo potere di re.

Il letto è il grande e segreto segno che solo Ulisse, Penelope e un’ancella conoscono e allora lui inizia a raccontare come, più di vent’anni prima, lo aveva costruito: il letto costruito nell’ulivo è il segno sicuro del quale Penelope può fidarsi; piange, abbraccia Ulisse, lo bacia.

E poi, con l’incontro del padre Laerte, la storia si avvia alla fine: probabile che il poema sia rimasto incompiuto, perché gli ultimi versi sono un po’ anomali.

Cosa ci insegna l’Odissea: secondo l’autore che malgrado le inquietudini, le soste, i viaggi nei paesi dell’immaginazione e della magia, dobbiamo accettare la realtà come è: Itaca.

P.S.: immaginate se, a causa della fortissima emozione (o di un attacco precoce di alzheimer), Ulisse non avesse ricordato subito del letto costruito nell’ulivo…

Annunci

23 settembre 2018 - Posted by | Libri |

5 commenti »

  1. Ho aggiornato l’app. Vediamo se riesco a lasciare traccia del mio passaggio 😁

    Commento di lettricetecnologica | 24 settembre 2018 | Rispondi

  2. Che bello, mio caro Aquilotto. leggere un tuo commento dell’ Odissea … suggerendoci inoltre che gli ultimi versi forse non sono di Omero, che, con ogni probsbilità era già morto e quindi non potè concludere il suo leggendario Poema come voleva ! 😀
    °°°

    Commento di cavaliereerrante | 24 settembre 2018 | Rispondi

  3. Particolarmente pregevole, caro Ing. Aquilanonvedente, è il fatto che Tu abbia centrato, pur non discendendo da studi classici ( come lo studio del Greco antico e delle sue sfumature linguistiche ), il mistero del finale dell’ Odissea : se infatti l’ Iliade è il Poema della giovinezza e dell’ ardore, l’ Odissea, che Omero scrisse almeno 30 anni dopo, è il Poema della vecchiaia, e il grande Poeta non potè portarlo a termine, essendone sopraggiunta la morte !

    Commento di cavaliereerrante | 25 settembre 2018 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: