Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Contromano

Oggi sono andato a vedere l’ultimo film di Antonio Albanese, Contromano.

Premesso che non sono mai stato un fan di Albanese, ho avuto modo di apprezzarlo nel film L’abbiamo fatta grossa con Carlo Verdone.

Considerato che non vi erano molte alternative che mi ispiravano, ho deciso di vedermi questo, anche perché il tema del film è quello dell’immigrazione, che oggi rappresenta una questione quasi universale con la quale misurarsi.

Il film è gradevole; alcune scene sono esilaranti (come quella con Davide Anzalone, che interpreta un disabile).

Albanese interpreta Mario Cavallaro, un cinquantenne proprietario single di un negozio di calze, metodico e cavilloso, quasi bizantino, il cui unico hobby è coltivare un orto sul terrazzo di casa.

Ma il suo mondo, che vorrebbe immobile nelle sue abitudini ultradecennali, sta cambiando vorticosamente e in peggio: gli stranieri imperversano ovunque, anche davanti al suo negozio, dove si piazza un venditore ambulante senegalese di calze che gli ruba tutti i clienti.

Allora a Mario balza in testa un’idea geniale: riportare il fedifrago nel suo paese, perché se tutti facessero così, il problema dell’immigrazione sarebbe automaticamente risolto.

In un travagliato viaggio verso il Senegal, Mario impara a essere un po’ più tollerante, finché alla fine le parti si ribalteranno (non dico di più per non togliere il gusto della sorpresa).

Tornato a casa, mentre mi gustavo un cono alla stracciatella e croccantino, pensavo che è già passato più di un mese dalle elezioni e il centro destra aveva promesso di rispedire a casa loro seicentomila immigrati irregolari, diecimila al mese per cinque anni: hanno già un mese di arretrato.

Ma pensavo anche che c’è chi dice che il flusso di immigrati attuale è niente rispetto a quello che avverrà nei prossimi decenni: di fronte all’inaridimento delle terre, milioni di persone emigreranno verso le zone ricche del pianeta. E allora non ci saranno muri capaci di contenerli.

Ma tant’è: c’è chi pensa di risolvere tutto con le ruspe…

Nord sud ovest est

8 aprile 2018 Posted by | Film | | 6 commenti