Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

E allora, già che ci sono, vi racconto il mio sogno di stanotte

Perché mi sono svegliato ed ero tutto agitato, come quando vi capita di avere vissuto veramente un sogno.

Ricordo che dovevo prendere il treno, io e la mia famiglia.

Stavamo tornando a casa non ricordo da dove. Nel sogno ce l’avevo presente dove eravamo andati, ma al risveglio ne avevo un ricordo molto vago: forse Venezia o giù di lì.

Il treno era molto bello, pulito e veloce, una specie di metropolitana di superficie, comodo e luminoso.

Mia moglie e mia figlia prendevano posto in una carrozza; non vi erano scompartimenti chiusi ma poltrone di velluto a vista. Per me non c’era posto accanto a loro e allora mi andavo a sedere più avanti, vicino alla porta d’uscita. Accanto a me c’erano altre poltrone, ma erano vuote.

Il treno filava via veloce e io mi ero tolto il giaccone, mi ero messo comodo; portavo pure le borse di qualcosa che avevamo comprato. Ero in una posizione leggermente sopraelevata rispetto alla porta d’uscita e vedevo scorrere veloce il panorama.

Mi ero messo talmente comodo che l’arrivo mi colse impreparato.

Tutto ad un tratto la gente si riversò vicino alla porta d’uscita. Io allora mi alzai, ma fu a quel punto che accadde il patatrac.

Non riuscivo a infilarmi il giaccone. Mi cadeva il portafoglio. Nel raccoglierlo mi si svuotavano le borse e il qualcosa che c’era dentro si spargeva a terra.

E nessuno mi aiutava.

Rischiavo di rimanere sul treno, di non uscire in tempo.

La gente scendeva veloce, anche mia moglie e mia figlia, ma io ero indaffarato a cercare di prendere il giaccone, le borse, il portafoglio e non so che altro.

Alla fine, quando tutte le persone erano uscite e le porte si stavano ormai chiudendo, riuscii a infilarmi in mezzo a loro, ma… perdendo il portafogli. E quello che mi preoccupava non erano tanto i soldi e neppure la carte di credito, ma i documenti, perché senza di essi non sapevo più che ero, con chi ero, da dove venivo e dove dovevo andare.

Un incubo.

Mi sono svegliato tutto agitato.

Domani mattina chiamo la psicoanalista della ASL. Noi abbiamo la consulenza psicologica gratuita (che culo!). Credo proprio che sia il caso di approfittarne, anche perché l’ultima volta che mi ha telefonato mi ha chiesto: “Da 1 a 10, qual è ora il suo livello di stress?

Sette” ho risposto e stavo pure in un periodo di tranquillitaà.

Quella si è meravigliata: “Lei lo sa vero che può venire da me, se ritiene?

E sì che lo so…

Annunci

3 dicembre 2017 Posted by | sogni, Un po' di me | , | 10 commenti