Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Una generazione senza storia

Oggi, dopo aver parlato un po’ con mia figlia (discussione, discussione animata, litigio), ho pensato una cosa.

Quella degli adolescenti di oggi è una generazione senza storia.

Io avevo l’età di mia figlia circa quarant’anni fa, alla metà degli anni settanta.

I miei genitori avevano la mia età circa quarant’anni prima, cioè alla metà degli anni trenta.

Dalla metà degli anni trenta alla metà degli anni settanta sono successe tante cose in Italia, che io conoscevo, seppure a grandi linee.

Sapevo che alla metà degli anni trenta in Italia c’era il fascismo, che dopo alcuni anni è scoppiata una guerra mondiale che è durata cinque anni e che – per fortuna – si è conclusa con la sconfitta dei nazifascisti. Sapevo che dopo la guerra l’Italia si è ritrovata povera e semi distrutta, presa in mezzo alle tenaglie della guerra fredda e che poi dalla fine degli anni cinquanta c’è stato un periodo di boom economico e che poi alla fine degli anni sessanta ci sono state tutta una serie di contestazioni, fino ad arrivare negli anni settanta, con l’austerity e poi le nuove speranze, a breve smorzate sotto il fuoco del terrorismo.

Insomma, io e la mia generazione eravamo il prodotto di questa storia, che sentivo raccontare dai miei genitori e dai miei parenti oppure che leggevo sui libri.

Oggi non è più così.

Mia figlia non vuole sapere com’era la vita non dico quaranta, ma neppure vent’anni fa. Non le interessa, non esiste la vita senza internet e senza cellulari. Non esistono i libri, se non quelli scolastici.

Ma non conoscere la storia di quelle persone che ti vivono accanto e che è la storia del tuo Paese ti rende una generazione monca, senza storia.

Il futuro non promette nulla di buono per la nostra disastrata Italia…

Offline

2 dicembre 2017 - Posted by | Notizie dal mondo fatato, Un po' di me | ,

12 commenti »

  1. Mi dispiace per tua figlia, è importante conoscere il passato…

    Commento di Silvia | 2 dicembre 2017 | Rispondi

  2. Per Natale regalale “La passione ribelle” di Paola Mastrocola, magari il messaggio passerà (se lo leggerà).

    Commento di Diemme | 2 dicembre 2017 | Rispondi

  3. E’ sconfortante … non il fatto che gli adolescenti come tua figlia siano ignari della storia del loro Paese, bensì che noi genitori non siamo stati capaci di interessarli a quegli avvenimenti !!!
    Ed anche a scuola, non è che ci siano Insegnanti all’ altezza, capaci cioè di appassionare alla storia i loro allievi … anche là è tutto un frecantò di sumaraggine, ignoranza, ipocrisie e quant’ altro !

    Commento di cavaliereerrante | 3 dicembre 2017 | Rispondi

    • mi spiace ma non sono d’accordo, ci vuole predisposizione all’ascolto, la volontà di ascoltare…altrimenti hai voglia ad insegnare ti scontro contro un muro!

      Commento di Silvia | 3 dicembre 2017 | Rispondi

      • Silvia cara … ma la volontà all’ ascolto, da parte degli adolescenti, sono i genitori ( o i nonni ) che in casa la debbono suscitare, o a scuola gli insegnanti ! Invece, normalmente, si assiste al fatto che ci sono alcune famiglie alle quali, della storia, non gliene potrebbe fregare di meno, o, a scuola, esistono insegnanti ( impegnati a far quadrare i conti ad ogni 27 del mese ) che la storia o non la sanno insegnare con passione, oppure essi stessi poco ne sanno, e di quel poco agli studenti non glene frega nulla ! No … amica mia, io insisto a dire che il primo passaggio sia quello di appassionare gli adolescenti … e poi discutere con essi !

        Commento di cavaliereerrante | 3 dicembre 2017 | Rispondi

        • sicuramente, ma non mi sembra questo il caso….io mi riferivo al post di Mauro

          Commento di Silvia | 3 dicembre 2017 | Rispondi

    • Hai voglia a insegnare, se l’altro non ti ascolta e non vuole ascoltare.
      Qui siamo di fronte a un problema antropologico.
      Non bastano più i sociologi, gli psicologi, gli educatori.
      Qui ci vogliono degli antropologi che ci spieghino cosa è cambiato nella testa di questi giovani, cosa l’ha causato e come ci possiamo difendere (perché cambiarle mi sa che sia un’impresa al di là delle nostre forze).

      Commento di aquilanonvedente | 3 dicembre 2017 | Rispondi

      • Ing. Aquilotto … ma Tu sei arcisicuro che, chi voglia farsi ascoltare dai giovani, sia anche capace di appassionarli al punto di spiegargli, loro ascoltando con rigore, la Storia ???
        Io … no, non ne sono affatto sicuro, poichè quotidianamente vedo giovanissimi che se ne fregano della storia del loro paese, mentre altri che, pur giovanissimi, fanno della storia non solo motivo di studio, ma anche di interesse precipuo ! 🙂

        Commento di cavaliereerrante | 3 dicembre 2017 | Rispondi

        • Appunto.
          Mica dico di essere capace di spiegare e di fare interessare alla storia.
          Ma chi è cosciente che non nasce dal nulla, ma da un passato, gli insegnanti e gli insegnamenti se li va a cercare, non aspetta che gli arrivino “in bocca”, perché altrimenti siamo daccapo.

          Commento di aquilanonvedente | 3 dicembre 2017 | Rispondi

          • Eggià ! 😐

            Commento di cavaliereerrante | 3 dicembre 2017 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: