Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Un sogno

Stanotte ho fatto un sogno.

O per meglio dire, stamattina mi sono ricordato di un sogno fatto stanotte.

Stavo passeggiando in campagna, in una piatta campagna della bassa. C’era il sole, ma non faceva caldo torrido.

Camminavo su una strada di terra battuta, su un terreno leggermente in salita.

A un certo punto ho visto davanti a me spuntare come dal nulla un paese, o per meglio dire un borgo.

Incuriosito e attirato da tale visione, ho deciso di raggiungerlo, ma improvvisamente la strada davanti a me ha presentato una biforcazione.

A sinistra, la strada diventava un viottolo sassoso, curvo, un po’ più stretto della via maestra, ma sembrava prendere la direzione del borgo.

A destra, la strada rimaneva in terra battuta, lineare, ma sembrava prendere una direzione opposta al borgo.

Io rimanevo di fronte a questo bivio, incerto sul da farsi, quando mi sono svegliato.

P.S.: non è vero che gli imbecilli, i deficienti, i cretini, i coglioni e i razzisti sono inutili. A volte ci fanno riscoprire figure, libri, situazioni delle quali ci eravamo un po’ dimenticati.

Perché come ha scritto giustamente qualcuno, gli imbecilli verranno dimenticati presto, ma di lei ci ricorderemo ancora per decenni e decenni.

Annunci

26 ottobre 2017 Posted by | sogni | | 5 commenti