Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

E domani…

… è già mercoledì.

Settimana corta, questa.

Poi ce ne andiamo tutti a bailar!

vamos a tequila

30 maggio 2017 Posted by | Questa poi... | | 6 commenti

I tre moschettieri

Forse ho già scritto da qualche parte che quando i problemi sul lavoro si fanno complicati, io ho bisogno di tuffarmi in storie appassionanti e intriganti, per distogliermi da loro.

Devo fare navigare la mente verso altri lidi, meglio ancora se in compagnia di eroi senza tempo.

E così è stato in queste ultime settimane, nelle quali mi sono immerso nella storia de I tre moschettieri, di Alexandre Dumas.

Una volta acquisita qualche breve informazione sulla Francia del seicento di Luigi XIII (un re che mi ricorda molto il principe Carlo d’Inghilterra, cioè un po’ coglione), del cardinale Richelieu (un gran bastardone, anzi proprio un figlio di buona donna), di Anna d’Austria (una bellissima regina trascurata dal suo consorte… povera…), ecco che seguire le avventure dei quattro amici di spada diventa quasi un gioco da ragazzi.

Perché c’è un filo comune che lega tutta la storia: è quello della fedeltà e dell’amicizia.

Ancora prima delle leggi, delle gerarchie, della cieca obbedienza, c’è il vincolo di fedeltà al quale i moschettieri rispondono, in un clima di esuberanza e di baldanza e di profondo legame tra loro.

Mi sono immaginato il romanzo pubblicato a puntate, con quanta trepidazione i lettori dovessero attendere l’uscita della puntata successiva.

Athos, Porthos, Aramis e D’Artagnan mi hanno fatto tornare indietro nel tempo, in un regno della fantasia nel quale dimenticare per un po’ di tempo tutti i casini del nostro bislacco mondo.

P.S.: non l’ho scritto, ma se volete lo confesso, ma non spifferatelo in giro. Io mi sento molto D’Artagnan!

29 maggio 2017 Posted by | Libri | | 12 commenti

Sapeste…

Sapeste cosa sta accadendo nella mia azienda…

Forse una delle situazioni più difficili che mi sono trovato ad affrontare fa quando ho assunto l’incarico di direttore (rectius: da quando me l’hanno affibbiato).

Una di quelle situazioni che esigono di essere affrontate anzitutto, secondo me, con la diligenza del buon padre di famiglia (cosa abbastanza rara al giorno d’oggi).

Autorevolezza al posto di autorità; capacità di mediazione ma fermezza sui principi; equilibrio e inventiva.

Insomma, in una parola: sticazzi!

Il fatto è che i problemi hanno tutti una caratteristica comune: c’è sempre chi lavoro non per risolverli, ma per aggravarli.

Comunque io ho le spalle buone e poi ho ben poco da perdere: l’incarico non l’ho cercato e se lo perdo chissenefrega.

E poi recentemente ho affrontato problemi ben più gravi: problemi di vita o di morte, e questi qui lavorativi mi fanno un baffo!

Buona settimana a tutte/i.

Minuetto

28 maggio 2017 Posted by | Sani principi, Vita lavorativa | , | 22 commenti

E poi non ti lamentare!

Oggi pomeriggio m’ha telefonato una società di ricerche di mercato per un sondaggio sulle elezioni prossime venture.

Mentre rispondevo alle domande, mi è tornata in mente una discussione avuta qualche giorno fa con un mio cugino.

Questo parente a un certo punto mi ha detto che sono anni che non vota più, perché gli fanno schifo tutti.

Beh – gli ho risposto io – ognuno è libero anche di non votare, mica è un reato. però chi non vota è come se delegasse agli altri il governo della cosa pubblica, e quindi secondo me non ha diritto di lamentarsi. Se tu mi chiedi cosa voglio da mangiare e io ti rispondo “Fai tu”, poi mica posso lagnarmi se m’hai fatto i cavoli bolliti (a me) e tu ti spazzoli le lasagne!

Un conto è andare a votare scheda bianca (come dire: io vorrei partecipare, ma non c’è nessuno che si merita il mio voto), ma disertare le urne ha un chiaro significato: decidano gli altri anche per me.

Quindi, caro cugino, nun me rompe li cojoni!

Musica!

Ah… scusate… dimenticavo:

21 maggio 2017 Posted by | Politica | | 13 commenti

Sto qua, sto qua… (sempre tecnologicamente sfigato)

Vabbe’, ricompaio dopo una settimana, ma solo perché è stato un periodo di fuoco, questo.

Un periodo nel quale, tornato a casa, mi sentivo praticamente svuotato (oggi mi sono chiesto se ne vale la pena…).

Comunque, più o meno ne sono venuto a capo.

Però, però, però… non sono riuscito a venire a capo della mia sfiga tecnologica.

La settimana scorsa si è rotto il mio aspirapolvere che c’ha tutta una tecnologia particolare per evitare le reazioni allergiche.

Visto che non riuscivo a trovare un centro di assistenza, ho inviato una mail direttamente all’azienda.

Mi hanno risposto, sempre via mail, di chiamare il loro coll senter, che mi avrebbero fatto fare un “piccolo” test telefonico per capire cosa si era rotto.

Ho telefonato al coll senter. Dopo avermi chiesto nome, cognome, data e luogo di nascita, residenza, numero di telefono, indirizzo mail e numero di scarpe, abbiamo fatto il test. Risultato: motore e batteria da buttare (a dire la verità, potevo anche arrivarci da solo, anche se mi pare strano che si guastino due cose contemporaneamente).

Soluzione: ordinare il pezzo di ricambio, pagarlo con carta di credito e attendere qualche giorno che arrivi tramite corriere. E così faccio (avevo alternative?).

Dopo qualche giorno arriva il pezzo di ricambio, lo installo, lo metto sotto carica e dopo qualche ora lo provo: funziona!

Mi congratulo con me stesso: in fondo non è stato poi così difficile.

Il giorno successivo stacco l’aggeggio per aspirare una cosina e… non funziona più!

Provo, riprovo, straprovo, ma non c’è niente da fare: si è rotto anche il pezzo che sostituiva quello rotto.

Così oggi ho chiamato di nuovo il coll senter. La fanciulla che mi ha risposto mi ha detto di non preoccuparmi: il pezzo è coperto da garanzia (volevo ben vedere, è durato un giorno!). Ora devo soltanto ricevere una loro mail, che conterrà un’etichetta speciale che dovrò incollare sul pacco nel quale infilerò il pezzo rotto e che il corriere verrà a prelevare e che forse verrà aggiustato, o forse verrà sostituito, comunque alla fine “è stato un piacere” e ha riattaccato.

Ma non è finita qui (sarebbe troppo bello).

Non sono ancora riuscito a farmi riconsegnare la mia cuching mascin comprata il 12 dicembre e portata ad aggiustare il 5 gennaio.

Ora, come saprete una cuching mascin è uno di quegli aggeggi che praticamente cucinano mentre tu fai dell’altro, cioè guardi la cuching mascin che sta cucinando!

Ho telefonato, ho scritto, ho mobilitato la mia associazione di difesa dei consumatori, ma non c’è stato niente da fare finora: pare che abbiano deciso di sostituirla, ma, si sa, con i dovuti tempi tecnici. E questi tempi tecnici, a quanto pare, possono durare mesi, anni, forse non basta una vita intera per avere indietro quello che si è pagato in anticipo e che non si riesce a riavere indietro.

Cioè, ho fatto in tempo a cucinare soltanto un risotto, un misero risotto!

Ma non è finita qui (sarebbe fantastico).

Domani devo andare a comprarmi il nuovo cellulare.

E potete capire con quale spirito lo faccia.

P.S.: questa canzone mi calma e mi rasserena.

Buon week end a tutt quant!

 

19 maggio 2017 Posted by | Storie ordinarie | 26 commenti

Settimana di m…

E’ iniziata male subito da lunedì.

E’ proseguita peggio martedì.

E’ stato un disastro mercoledì.

Su oggi è meglio stendere un velo pietoso.

Da un po’ di tempo non me ne va bene nemmeno una.

Lo so che gran parte della colpa è la mia, nel senso che quando le cose vanno male devi restare calmo, lasciare sbollire la rabbia, prenderle per il verso giusto e tentare di raddrizzarle. Se ti fai prendere dal vortice dell’incazzatura, sei fregato.

Lo so bene, la teoria la conosco bene, ma in questo momento proprio non ce la faccio.

Ingigantisco qualsiasi problema, anche minuscolo.

E il week-end mi fa paura…

Musica

 

11 maggio 2017 Posted by | Un po' di me | | 29 commenti

Un angelo?

Sono quasi le 17, gli uffici sono ormai tutti chiusi e un povero direttore di una povera aziendina di provincia sta per andarsene a casa: mette a posto le scartoffie sulla scrivania, dà un’occhiata all’agenda con gli appuntamenti della settimana seguente, spegne il computer.

Quando… qualcuno bussa alla porta.

Il povero direttore butta là un “Avanti!” poco convinto, pensando Ma chi cazzo è che viene a rompere i coglioni a quest’ora?

La porta si apre lentamente e compare lei: un angelo.

Fluenti capelli corvini riccioluti, occhi verdi (credo), sguardo felino e…

“Buongiorno. Mi scusi direttore, sono la dottoressa… della medicina legale dell’azienda USL. Non volevo disturbarla, ma sono qui per…”

Oh… per qualunque motivo lei sia venuta, ora le occorrerà assistere un povero direttore che è rimasto fulminato da cotanta angelica visione.

“Sa, gli uffici al piano terra sono chiusi e allora ho visto il cartello direzione e mi sono permessa…”

Oh… ma si permetta pure. Qui siamo tutti molto permessivi.

“Allora mi accompagna lei a…”

Se l’accompagno? Ma mi consideri pure a sua disposizione. me e tutta l’azienda.

Vabbe’, le cose non sono andate proprio così, ma la dottoressa era veramente…

Veramente.

(Il primo obiettivo di un direttore deve essere il self control, perdinci!)

Caduto dalle stelle

5 maggio 2017 Posted by | Storie ordinarie | , | 13 commenti

Ok

Ho imparato da tempo a sopportare le contumelie di mia figlia.

Metto una pietra sopra al malumore, al nervosismo, agli sbalzi d’umore, insomma a tutto quello che caratterizza l’adolescenza. Con maggiori difficoltà, ma riesco a passare oltre anche all’arroganza (a fatica, lo ammetto, perché l’arroganza è uno dei mali di questo nostro tempo).

L’esperienza (la mia esperienza, in particolare) mi ha insegnato che nella vita ci sono cose più importanti.

Una di queste è il rispetto.

Perciò, quando sento che manca di rispetto (a me o a sua madre), allora mi arrabbio.

E quando mi arrabbio veramente io non urlo, anzi. Faccio silenzio. Tronco la discussione. Chiudo i rapporti.

In attesa di scuse che non arriveranno.

E in attesa che passi la bufera, perché la vita continua, malgrado tutto.

Ma non tutti i mali vengono per nuocere. Domani mattina si alzerà da sola alle sei per andare in gita. Si preparerà da sola i panini. Andrà in stazione a piedi e tornerà dalla stazione a piedi.

P.S.: stasera durante la cena mi sforzavo di ricordare un episodio nel quale avessi mancato di rispetto a mio padre, volontariamente. Non me ne è sovvenuto alcuno (notare la finezza letteraria…).

Arrabbiata

2 maggio 2017 Posted by | Notizie dal mondo fatato, Un po' di me | , | 19 commenti