Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Pensavo…

battaglia-di-azio-cleopatra-morente

Battaglia di Azio – Cleopatra e Marco Antonio morente.

Stamattina, nella sala d’aspetto dell’ospedale, in attesa che mi chiamassero per la TAC, leggevo il giornale e pensavo…

Leggevo la notizia della morte di Dj Fabo.

Leggevo e pensavo. Un po’ preoccupato, a dire la verità, perché l’ospedale della mia città mi fa sempre preoccupare. Lo associo alla malattia, non alla guarigione, come mi accade in altre strutture.

Pensavo a quanto può essere imprevedibile la vita. Una mia collega, più giovane di me di qualche anno, è stata colpita da SLA.

In certi casi c’è poco da fare: devi entrare nell’ottica di morire.

Se sei credente, sai che te ne andrai in un posto molto migliore di questo (ammesso che te lo meriti) e incontrerai di nuovo tanti parenti e amici che se ne sono andati prima di te. Se non sei credente, pensi che tutto finirà e non potrai nemmeno rimanere deluso.

Lascerai un ricordo in chi resta, buono o cattivo a seconda di come ti sei comportato. Finché qualcuno ti ricorderà, vivrai nei suoi ricordi.

Ma il problema non è tanto quello di morire, bensì morire con dignità, senza diventare delle fetecchie.

Ne ho già parlato qui, qui, qui e qui.

Ma il nostro è un Paese bigotto. Cioè, è un Paese anche bigotto: è un paese di ladri, di menefreghisti, di cialtroni e chi più ne ha più ne metta. E’ anche un Paese cattolico, e i cattolici sono famosi per pretendere che gli altri vivano secondo le loro regole. Quelle stesse regole che loro stessi per primi non rispettano, ma per le quali sono inflessibili nell’applicarle agli altri.

E’ per questo che tante persone che non vogliono diventare fetecchie in punto di morte devono emigrare.

E’ per questo che tante persone che vogliono rispettare le volontà dei loro cari devono lottare per anni oppure sfidare la galera per non farle diventare fetecchie.

Paese di m…

28 febbraio 2017 Posted by | Salute | | 13 commenti

Beata ignoranza

beata-ignoranzaE’ molto facile ironizzare sul nostro rapporto (morboso o superficiale che sia) con la tecnologia e in particolare con quella tecnologia che oggi non ci abbandona un attimo: lo smartphone e i suoi “fratelli”, computer e tablet.

Se ci penso, il mio primo smartphone (che uso tuttora) l’ho comprato nell’estate del 2012: quattro anni e mezzo fa. Sembra passata una vita (e nel mio caso di cose ne sono successe…). Con i due cellulari precedenti avevo a malapena il collegamento a internet; ed è bastato scaricare una app che l’apparecchio precedente è andato in tilt.

Ora invece la connessione con il resto del mondo non ci lascia (quasi) un attimo, in qualsiasi posto siamo e questo ha comportato una modifica delle nostre abitudini della quale ci possiamo rendere conto solo se facciamo uno sforzo per ricordare come eravamo messi prima.

Ma c’è ancora qualcuno che rifiuta questa modalità di vita (perché di questo si tratta)? C’è ancora qualcuno che nei momenti liberi (in bagno, sul treno, nella sala d’aspetto del dentista) legge un libro o un giornale oppure parla con qualcun altro, invece di estrarre l’aggeggio infernale e navigare, chattare, uozzappare, laicare (mettere i like) eccetera?

Su questo ironizza questo film di Massimiliano Bruno, del quale ho visto i precedenti Gli ultimi saranno ultimi, Tutti contro tutti, e che si avvale della bravura di Alessandro Gassmann e Marco Giallini (che però rischiano di fare la fine dell’origano sulla pizza), nonché di quella di Teresa Romagnoli nella parte della figlia di due padri.

Alla fine del film, dopo il piccolo ma inaspettato colpo di scena finale, tutti a posare lo sguardo sul cellulare: non si sa mai che nel frattempo non sia successo qualcosa di rilievo…

Seven seconds

26 febbraio 2017 Posted by | Film | | 11 commenti

Mah…

Uhm…

bibulo2

Clic?

Mah…

prego

 

 

23 febbraio 2017 Posted by | Libri, Storie ordinarie | | 20 commenti

Mamma o papà?

mamma-o-papaDiversi commenti dicono che questo film non sia un granché, che contenga episodi di violenza domestica, che non sia aderente alla realtà, ecc.

Effettivamente non è un film da Oscar, ma è comunque gradevole e gli episodi che non fanno ridere è perché fanno riflettere.

E questo lo dico pur non apprezzando particolarmente né Antonio AlbanesePaola Cortellesi.

In questo film viene capovolto quello che di solito succede nelle separazioni, quando entrambi i genitori vogliono l’affidamento dei figli e per questo molti di loro sono anche disposti a parlare male del coniuge. Qui invece i due “separandi” lottano per scaricare i figli all’altro, ma lo fanno in maniera goffa, inventandosi situazioni nelle quali i tre poveri ragazzi da carnefici dei genitori diventano loro vittime.

In realtà quello dell’affidamento dei figli in caso di separazione o divorzio è un problema grosso come una casa.

Dopo la legge del 2006 l’affidamento condiviso è la regola: si deroga soltanto se c’è una valida ragione per preferire l’affidamento esclusivo.

L’affidamento condiviso prevede che i figli mantengano rapporti equilibrati e continuativi non soltanto con i genitori, ma anche con i nonni e gli altri parenti; che i genitori decidano insieme le cose importanti per loro, per la loro educazione; che i compiti e le responsabilità vengano ripartite tra i due, eccetera eccetera.

Insomma, tutte cose bellissime, ma se queste non erano possibili nel matrimonio, come possono essere possibili nella separazione prima e nel divorzio dopo?

Per non parlare poi dei problemi logistici, nel caso in cui i genitori vogliano “scaricarsi” i figli per lo stesso identico tempo (ho già parlato qui di un delizioso romanzo sulle disavventure in merito). Meglio, tutto sommato, quando i figli diventano grandi e possono scegliere loro con chi stare e chi vedere o meno. In caso di figli piccoli, tutto è maledettamente complicato.

Certo, come film si poteva fare di più, ma comunque se proprio non c’è niente di meglio da vedere…

Musica!

19 febbraio 2017 Posted by | Film | | 14 commenti

Può capitare…

arrabbiato3Può capitare che al mattino, quando accendi il cellulare prima di uscire di casa per andare al lavoro, vedi che non è completamente carico, diciamo che sta all’80%.

Può capitare che pensi: macchissenefrega, in fondo sto in ufficio, mica devo fare chissà che cosa.

Può capitare che durante il giorno ricevi al massimo un paio di messaggi, niente di che.

Può capitare che quando esci dall’ufficio alle cinque ti ricordi che devi andare in città, in quel tal negozio, che chiude alle sei, a ritirare quella tal cosa.

Può capitare che te ne vai in città, arrivi al negozio e ci trovi due simpatiche (e non solo) signorine che ti dicono: il negozio si è trasferito! e ti forniscono il nuovo indirizzo.

Può capitare che non sai proprio da che parte sta via San Vidigulfo martire, e ci devi pure arrivare entro le sie, ma non c’è problema, tanto c’ho il navigatore sul cellulare!

Può capitare che quando sali in auto e accendi il cellulare ti accorgi che è quasi scarico, e allora ricordi che al mattino forse facevi meglio a caricarlo completamente, perché con il navigatore acceso, consuma più batteria di quanta riesca a ricaricare dall’auto.

Tutto questo può capitare, ma perché quando apri il navigatore, ti viene fuori il messaggio: è disponibile un aggiornamento delle mappe. Scaricarlo ora?

E se rispondi sì, ti dice che l’aggiornamento è pesante e la cosa potrebbe anche andare per le lunghe, mentre tu temi che il negozio chiuda e allora rispondi no e quindi capita che il navigatore non trovi via Vidigulfo martire, che probabilmente l’hanno rinominata la mattina di quel giorno stesso e quindi…

mavaffanculo!

Coro eccezionale!

 

16 febbraio 2017 Posted by | Diavolerie tecnologiche, Storie ordinarie | | 28 commenti

Cari miei sanvalentiniani…

Avete fatto tardi ieri sera?

Siete arrivati/e tardi al lavoro stamattina? Oppure non ci siete andati/e per niente?

Sappiate che l’INPS ha ricevuto precise disposizioni dal Ministero (quale, poco importa): controlli serrati sulle malattie post-San Valentino.

P.S.: questa cosa qui mica la sapevo…

 

15 febbraio 2017 Posted by | Smancerie pseudo-sentimentali | | 25 commenti

Ecchec…!

E’ che mi ha fatto proprio sbottare, dopo l’ennesimo “Ma che bravo Trump! Adesso caccia tutti gli irregolari. Dovremmo farlo anche noi.

E’ che i trumpisti all’italiana mi stanno sui coglioni. Sono quelli che se devono aspettare mezz’ora al pronto soccorso chiamano la polizia, poi inneggiano a un Paese dove se non hai un’assicurazione o la carta di credito, in ospedale ti danno un calcio in culo.

Prima gli italiani! – ho replicato – Prima mandiamo affanculo gli evasori fiscali, i mafiosi, i tangentisti, poi pensiamo a mandare a casa loro gli immigrati. Perché l’Italia mica l’hanno rovinata gli immigrati.

Ecchecazzo!

Aretha Franklin – Rolling in the Deep

11 febbraio 2017 Posted by | Storie ordinarie | , | 8 commenti

Robot da cucina

robot2Eh no, non parliamo dei soliti robot da cucina, più o meno tecnologici.

Qui parliamo di un sistema messo a punto dalla Barilla che è una roba più complessa, con tanto di forno intelligente che scansiona e legge le istruzioni di cottura: clicca qui.

La voce metallica che ci accompagna durante la cottura – trattandoci un po’ da deficienti, a dire la verità – mi ricorda quella dei navigatori per auto: la signora la chiamava mia figlia quando era piccola, quella che ci spiegava come arrivare in vacanza senza perderci (cosa che a me è sempre risultata alquanto facile).

Mi chiedevo se questa non fosse la logica conseguenza di tutte le trasmissioni di cucina che ci vengono propinate continuamente dalla televisione. Sì, perché uno vede preparare tutti quei piatti in quattro e quattr’otto e gli vengono i complessi d’inferiorità.

Però io tutto sommato non sono neanche troppo contrario a queste cose tecnologiche: ogni tanto si possono anche usare. Il problema è per chi si cucina. Perché secondo me c’è una differenza di fondo tra cucinare per sé stessi e cucinare per un’altra o altre persone. Che poi la cucina è un pezzo della vita: si dice che uno che mangia male poi vive anche male, ma è vero anche il contrario; uno che vive male non è che può ritagliarsi un angolo (di cottura) felice. La vita è tutta un incastro. O no?

Vabbe’, il discorso sarebbe lungo. Domani si lavora e bisogna andare a letto presto, che il lunedì è sempre una giornataccia.

Buona settimana a tutt quant.

Paolo Pa

5 febbraio 2017 Posted by | Cucina | | 9 commenti

Piccole truffe

Sull’ultimo numero di Altroconsumo c’è un articolo sulle piccole e grandi scorrettezze che le aziende utilizzano sulle confezioni dei loro prodotti per indurre il consumatore ad acquistarli.

Diciamo che sfruttando lacune legislative o “pigrizie” degli organi di vigilanza, si tenta di fare passare per pregiato un prodotto fatto con ingredienti scadenti o fresco uno che contiene conservanti.

L’ordine con cui i singoli ingredienti devono essere riportati in etichetta non è casuale: al primo posto deve essere riportato quello presente in misura maggiore e via via tutti gli altri. Ma non è previsto l’obbligo di indicare le dosi di tutti gli ingredienti, ma solo di quelli che compaiono nel nome e/o nella foto del prodotto.

Per esempio…

saikebon

In evidenza, in giallo fluo, la scritta “manzo” e uno si aspetta di trovare pezzi di carne nell’alimento.

Ma il manzo è lo 0,5% del condimento, che a sua volta rappresenta il 10% di tutto il prodotto.

Quindi, su 60 grammi di prodotto, vi sono ben 0,3 grammi di manzo (praticamente una capocchia di spillo).

gioiaverde-funghi

E se invece vogliamo mangiarci un piatto di tortellini ai funghi?

Compriamo questi, dove sulla confezione compaiono splendidi porcini e invece l’etichetta ci dice che

i funghi utilizzati sono per il 90% champignon.

buongrano

E se, per finire, siamo un po’ salutisti e preferiamo i biscotti con farina integrale, magari compriamo questi.

Peccato però che si tratti solo di farina normale, alla quale è stata aggiunta crusca (aumenta la fibra, ma manca il germe di grano, che c’è invece negli sfarinati integrali (e che sarebbe la parte più “nobile”).

Insomma, occhio all’etichetta, viene da dire.

Ma l’etichetta su tutte le cose, mica solo dei prodotti alimentari. Perché ho parlato di queste ultime? Perché stasera ho visto l’intervista di Virginia Raggi a opera di Enrico Mentana su La7: non mi è piaciuta per niente, l’intervista, ovviamente.

Il problema maggiore che abbiamo oggi non è quello delle polizze del sindaco di Roma, ma è quello di trovare tre miliardi e mezzo di euro in qualche settimana per evitare il commissariamento da parte dell’Unione Europea.

E non mi si dica che la gente vuole sapere delle polizze. E’ ovvio che se le metti in prima pagina su tutti i giornali, con tanto di titoloni altisonanti, e al primo posto nelle notizie dei TG, crei una sorta di curiosità da parte della gente. In questo modo, si riuscirebbe a creare interesse anche a quante volte va in bagno il mio vicino di casa, ma ciò non significa che sia una notizia importante.

Importante sarebbe quantificare quanto può costare a un lavoratore dipendente che deve andare al lavoro in auto il prossimo aumento del prezzo della benzina, per esempio. Pardon, aumento delle accise, lo chiamano. Ma questo lo lasceranno fare agli interessati, che lo misureranno direttamente nel loro portafogli.

P.S.: che poi a trovare i soldi aumentando la benzina o le sigarette, mica c’è bisogno di grandi economisti. Ero capace anch’io di arrivarci…

Buon uichend.

Francesco Guccini – Cirano

3 febbraio 2017 Posted by | Storie ordinarie | , | 13 commenti