Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

La famiglia del Mulino Bianco

famiglia-mulino-biancoLa famiglia del Mulino Bianco, lo sappiamo, è diventata il simbolo della famiglia perfetta e, proprio per questo, perfettamente irrealizzabile.

I genitori giovani e già simil-manager, i figli belli, bravi, educati, il nonno in perfetta salute; tutti che fanno colazione nella natura, svegliandosi di buon umore già lavati e pettinati; che vanno al lavoro o a scuola in bicicletta; e se questo è l’inizio della giornata, figuriamoci la fine…

Il sito del Mulino Bianco ripercorre tutta la storia degli spot e quindi anche dell’omonima famiglia.

Io non ho mai puntato alla famiglia del Mulino Bianco (che peraltro mi sembra abbia una funzione pubblicitaria e non un intento educativo), ma alcune buone abitudini secondo me andrebbero perseguite.

Se possibile, al mattino è bello fare la colazione insieme. Questo presuppone che i componenti della famiglia abbiano tutti gli stessi tempi, ovviamente. Una colazione anche breve, ma nella quale ci si dia la carica per il resto della giornata (e non soltanto in senso calorico). E se uno dei componenti svolge un lavoro per il quale si alza due ore prima di tutti gli altri ed esce di casa quando tutti ancora dormono? Ovvio che in questo caso non sarà presente e che vi saranno altri momenti nella giornata o nella settimana nei quali si recupererà (N.B.: per svegliarsi di buon umore è necessario coricarsi di buon umore…).

A mezzogiorno, è difficile che tutti i componenti della famiglia possano pranzare insieme, al giorno d’oggi. Se avviene, tanto meglio, ma se non avviene, secondo me è opportuno scambiarsi una breve telefonata (niente messaggi, per favore) per sapere se va tutto bene.

La cena della sera è il momento clou per ritrovarsi. Occorre che qualcuno si sia dato la briga di cucinare, ovviamente, perché anche la qualità del cibo è importante. E parlo di qualità nel senso ampio del termine, intendendo anche l’impegno che ci ha messo chi lo ha preparato: meglio un semplice piatto di pasta cucinato con impegno (magari tenendo conto dei gusti delle persone) piuttosto che un’aragosta cucinata “un tanto al chilo”.

Si dovrebbe quindi cenare a televisore spento e scambiandosi le informazioni non soltanto sulla giornata appena trascorsa (che, in teoria, potrebbe anche avere una prosecuzione nel dopo cena), ma anche su tutte quelle altre cose delle quali si reputa opportuno parlare.

E per finire, si va a letto non da incazzati, ma sereni e tranquilli. Se si è incazzati (capita) ci si disincazza prima di coricarsi.

Ho condensato la mia teoria su alcune abitudini di vita familiare, che non devono essere imposte ma dovrebbero discendere naturalmente dal cuore della famiglia, e cioè da quella comunanza di obiettivi che ne formano il nucleo. E cos’è la famiglia se non condivisione di obiettivi di vita? Mi si potrebbe obiettare che la mia è utopia, è una favola, e forse è vero, ma io non ho detto che occorre fare così. Ho detto che bisogna cercare di fare così, bisogna provarci. Bisogna fare in modo che ogni componente della famiglia sappia di trovare negli altri comprensione e appoggio per risolvere i problemi (tradotto: empatia, cosa molto difficile da mettere in pratica).

La famiglia deve essere il luogo nel quale una persona trova la forza per andare avanti; un rifugio, ma anche un punto di ripartenza.

Non mi dimentico che ci sono anche le persone sole, per scelta o per obbligo.

Il discorso sulle persone sole. E’ più complesso e si svolge su un altro piano. Non rientra nel mio obiettivo di oggi, ma è alle persone sole che va la mia simpatia. Anche a quelle persone che si sentono sole in mezzo agli altri; a chi è solo e a chi si sente solo (anche in famiglia).

Annunci

11 gennaio 2017 - Posted by | Un po' di me |

25 commenti »

  1. Hai ragione quando dici che è nella famiglia il punto di partenza. La forza la si deve trovare lì…ah poi per quanto riguarda il mulino bianco, io l’ho visto quello dello spot…il primo! ahahah fantastico.

    Commento di lali1605 | 11 gennaio 2017 | Rispondi

    • La forza… la famiglia deve aiutare a trovarla, non farla sprecare.

      Commento di aquilanonvedente | 11 gennaio 2017 | Rispondi

  2. Hai ragione su tutto, saggio amico … ma, sulla solitudine mi sembra mooolto più esaustivo il vecchio detto :
    MAJO SOLI, CHE MALE ACCOMPAGNJATI ! :mrgreen:

    Commento di cavaliereerrante | 11 gennaio 2017 | Rispondi

    • Ovvio…

      Commento di aquilanonvedente | 11 gennaio 2017 | Rispondi

      • Essì … ovvjo, basta tojere MAJO e aggjungere MEJO ! 😀

        Commento di cavaliereerrante | 11 gennaio 2017 | Rispondi

  3. Ma lo sapete che il mulino bianco esiste veramente? E’ nel comune di Chiusdino ( provincia di Siena), lì hanno girato i primi spot! Per il resto concordo con tutto, anche se io ho avuto la sfortuna di avere una famiglia poco “empatica” ….

    Commento di nonsonosola63 | 11 gennaio 2017 | Rispondi

    • Essere empatici non è facile, ma almeno bisogna provarci. Io ho alcuni rimorsi per non esserlo stato è ancora adesso, dopo anni, a volte mi tormentano.

      Commento di aquilanonvedente | 11 gennaio 2017 | Rispondi

  4. La penso come te, la famiglia è la base, il discorso della solitudine è un po’ complicato…a volte se ne ha anche bisogno e ci isola volontariamente. Buon pomeriggio 🙂

    Commento di Silvia | 11 gennaio 2017 | Rispondi

    • Sì, a volte è necessario stare soli. Momenti propri, da non condividere con nessuno. Poi si ritorna.

      Commento di aquilanonvedente | 11 gennaio 2017 | Rispondi

      • esatto 🙂

        Commento di Silvia | 11 gennaio 2017 | Rispondi

  5. Certo la famiglia è la forza ma è anche vero che la sana solitudine ossia il ritaglio dei propri spazi a volte ci deve essere

    Commento di lali1605 | 11 gennaio 2017 | Rispondi

  6. è meraviglioso pranzare assieme, a volte 😀

    Commento di itacchiaspillo | 11 gennaio 2017 | Rispondi

    • Già. Pranzare e parlare guardandosi negli occhi, non nel televisore.

      Commento di aquilanonvedente | 11 gennaio 2017 | Rispondi

  7. Lo senti il forte applauso che ti arriva dalla Sardegna? E non è un utopia o una favola. La vita della famiglia ideale che hai descritto può essere reale, può esistere.

    Commento di Mapy | 12 gennaio 2017 | Rispondi

    • L’indirizzo!
      Voglio l’indirizzo! :mrgreen:

      Commento di aquilanonvedente | 12 gennaio 2017 | Rispondi

      • Vuoi che @Mapy ti dia l’ indirizzo, eh ???
        Aggratise, I suppose ! 😯
        Ennone, caro il mio @Aquilotto : Tu … caccja i 400 euri, e siamo pari ! :mrgreen:

        Commento di cavaliereerrante | 12 gennaio 2017 | Rispondi

      • A casa mia 😊
        Venite! Siete i benvenuti!

        Commento di Mapy | 12 gennaio 2017 | Rispondi

        • Grazie @Mapy, verremo … io bussando coi piedi, ed @Aqui bussando con le mani ( che lo possino … ) ! 🙂
          Comunque, colgo l’ occasione per REGALARGLI un pò di Roma …. poichè la MAGIKA è come il buon peperoncino : profuma tutte le pietanze e fà bene al cuore ! 😀
          °°°

          Commento di cavaliereerrante | 12 gennaio 2017 | Rispondi

          • W la Torres! 😁😁😁😁

            Commento di Mapy | 12 gennaio 2017 | Rispondi

  8. Commento di cavaliereerrante | 13 gennaio 2017 | Rispondi

  9. Secondo me è realizzabile in parte, finché i bimbi sono piccoli, io mi rendo conto che non passo molto tempo con la mia famiglia, per passarci più tempo dovrei rinunciare agli amici, allo sport, agli interessi, perché tolto il tempo lavorativo non ce ne resta molto in comune. ..
    Pongo anche un altro problema, io alla mia famiglia voglio molto bene, però soprattutto con mia mamma a causa dei nostri caratteri trovi scontro facile e ho notato che la frequentazione peggiora questa situazione, mentre nel periodo che ho vissuto fuori casa e ci vedavamo ogni 15 giorni era tutto idilliaco

    Commento di Hadley | 16 gennaio 2017 | Rispondi

    • Credo che ognuno dovrebbe dedicare alla famiglia il tempo che ritiene opportuno, tenendo presente però che non vi è possibilità di recupero, in nessun senso.
      Per quanto riguarda i caratteri poco concilianti, meglio che si separino subito, tenendo presente anche in questo caso che è più facile litigare che andare d’accordo.

      Commento di aquilanonvedente | 16 gennaio 2017 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: