Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Buoni propositi

E’ da qualche giorno che ci penso e sono sempre più deciso: per l’autunno mi devo trovare un’attività extra lavorativa, qualcosa che mi liberi la mente, altrimenti rischio di farmi prendere dal vortice del lavoro.

Due anni fa, prima che mi ammalassi, volevo frequentare i corsi di cucina che la Biffi tiene in un paese del basso lodigiano, appena uno sputo a nord del Grande Fiume Padano. L’idea è buona, ma non avendo ancora raggiunto la normalità del tandem gusto/salivazione, ho paura di non riuscire a esprimere tutte le mie capacità culinarie.

Altra ipotesi è quella di iscriversi a un corso di recitazione. In realtà è tutta la vita che recito, però faccio finta di fare sul serio. Vorrei invece fare sul serio, ma facendo finta di recitare.

Oppure un corso di lingue, ma una lingua un po’ fuori dal comune, tipo, che so, cinese, arabo, islandese…

Oppure un taglio e cucito, oppure in informatica.

E perché no, uno di quei corsi  di storia delle religioni?

Insomma, ho solo l’imbarazzo della scelta.

Chitarra suona più piano

4 luglio 2016 Posted by | Cucina, Storie ordinarie | , | 17 commenti