Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Mi sposo la badante

badanteMaschio, sessantacinquenne, pensionato, benestante, scapolo e misogino.

Ha vissuto negli ultimi vent’anni con la madre, negli ultimi anni malata di alzheimer.

Dal momento in cui è andato in pensione, se ne è occupato direttamente, giorno e notte, finché negli ultimi mesi, spossato, ha assunto una badante.

Dopo la morte della madre, qualche mese fa, la badante ha continuato a soggiornare nella sua casa.

Sai Aquila, domani vado in Comune. Faccio le pubblicazioni di matrimonio. Mi sposo con Nadia.

Esticazzi!

“Ma come fanno queste ucraine, russe o vattelapesca a venire in Italia e a farsi sposare in quattro e quattr’otto?” si chiede la consorte (mia) durante la cena.

“Come fanno? Fanno! Fanno quello che voi donne occidentali non sapete o non volete più fare: le donne.

E ho detto tutto.

 

4 marzo 2016 Posted by | Storie ordinarie | | 18 commenti