Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

E’ arrivato anche il nostro turno…

Uno scorcio di Grazzano Visconti, in bassa Val Nure

Uno scorcio di Grazzano Visconti, in bassa Val Nure

Proprio qualche settimana fa pensavo che fra poco sarei andato in alta Val Trebbia a comprare i funghi freschi, quelli appena colti dai fungaioli e venduti nei negozietti di paese, in quei caratteristici paesini basso-montani circondati da quelle montagnole che se provi a scalarle di bucano tutte le ruote dell’auto (così non gli freghi i funghi…).

In Val Trebbia hanno devastato tutto il devastabile. Opere faraoniche per rendere la strada di fondo valle più sicura, più veloce, più agevole per i milanesi che, in moto, ci lasciano in media un morto ogni week-end, perché si sa che più la strada è dritta, più si corre, in un susseguirsi di raddrizzamenti e di incidenti continuo che va avanti da decenni.

La Val Nure invece la conosco poco, soprattutto la parte alta, ma mi ha stupito l’inondazione che si è verificata stanotte.

Leggeremo domani sulla stampa locale qualche esperto, non pagato dai Comuni o dalla Provincia, quindi non immanicato con la cattiva politica, che ci spiegherà il motivo di tutto questo?

E troveremo qualche sindaco, qualche assessore, che avrà il coraggio fare mea culpa?

"Circonvallazione" del comune di Coli-Perino

“Circonvallazione” del comune di Coli-Perino

Troveremo qualcuno che ci spiegherà perché  hanno speso milioni di euro per cementificare i fiumi e costruire faraoniche circonvallazioni?

Cliccate, cliccate…

Ora che ci sono morti, arriverà il presidente della Regione, i suoi assessori, i parlamentari, ecc.

Approveranno in quattro e quattr’otto qualche piano da una manciata di milioni di euro per cementificare qualcosa di nuovo.

Fino alla prossima pioggia…

Eppure soffia…

14 settembre 2015 Posted by | Storie ordinarie | | 18 commenti