Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Ricordami così

ricordami-cosiEbbene sì, lo ammetto: ci sono ricaduto per la seconda volta nello stesso giorno.

Dopo avere acquistato La ragazza del treno, mi sono fatto infinocchiare anche da questo, e non soltanto perché il New York Times lo ha definito “uno dei migliori romanzi dell’anno” (scorso, perché in America è uscito nel 2014), ma soprattutto dopo avere letto una entusiastica recensione su Repubblica del 24 luglio.

Orbene, la prima cosa che mi chiedo è semplice semplice: il libro vale i 21 euro del prezzo di copertina?

Può sembrare una domanda banale, ma non lo è. Ogni cosa deve valere il suo prezzo, e in questo caso la mia risposta è categorica: no.

La storia è banale: un ragazzino di 11 anni viene rapito in una cittadina del Texas e ricompare dopo quattro anni, riconosciuto per caso da una venditrice ambulante. Viene rintracciato e arrestato il colpevole, che alla fine della storia si suicida.

La storia, però, non ruota tanto intorno al rapimento, del quale poco viene scritto e molto si lascia immaginare, bensì sulle conseguenze che la ricomparsa dal rapito provoca nella sua famiglia: il padre, la madre, il fratello e il nonno paterno. Durante la scomparsa dal ragazzo, la famiglia non ha mai smesso di cercarlo, ma ha in un certo senso trovato un suo equilibrio che viene devastato dalla sua ricomparsa. Il padre ha continuato a svolgere il suo lavoro, concedendosi qualche scappatella con un’amante. La madre s’è messa a fare la volontaria in un centro di osservazione di delfini. Il fratello si è abituato all’assenza e sta man mano “ereditando” le cose dello scomparso. Il nonno prosegue nella sua vita, ma alla ricomparsa del nipote scoppierà il suo desiderio di vendetta, che però non potrà compiersi. Il finale è da volemose bene.

Il libro è scritto molto bene, ma vi sono continui flashback, molti dei quali non c’entrano assolutamente niente con la storia e che non la fanno nemmeno progredire. L’impressione mia è che l’autore abbia scritto la storia, per 100-150 pagine, poi l’editore abbia messo sotto un esercito di editor che ne hanno tirato fuori un libro di 450 pagine (come giustificare altrimenti il prezzo di copertina?), indubbiamente costruito con arte e maestria, ma appunto puzzante di “costruito”, non di raccontato.

Non so se ci faranno un film anche di questo, in ogni caso non lo vedrò.

Fleetwood Mac – Go Your Own Way

(mitica!)

Annunci

1 settembre 2015 - Posted by | Libri |

18 commenti »

  1. 21 euro sono davvero troppi per qualsiasi libro, che non sia un testo particolare, grazie per il consiglio eviterò di leggerlo, la canzone è straordinaria 🙂

    Commento di Silvia | 1 settembre 2015 | Rispondi

    • Concordo. Soltanto in vacanza al mare, quando si perde il senso della realtà (e dei soldi) si possono spendere 21 euro (scontati) per un libro che non sia un capolavoro.

      Commento di aquilanonvedente | 1 settembre 2015 | Rispondi

  2. Ma non ero io quella che leggeva schifezza? E vengo rimproverata in continuazione? 😀
    Comunque dal riassunto che hai fatto, non sembrerebbe così male!

    Commento di lettricetecnologica | 1 settembre 2015 | Rispondi

  3. Che schifezza di commento! Tutto sgrammaticato. Ma perché non rileggo mai prima di inviare????? Bella domanda 🙂

    Commento di lettricetecnologica | 1 settembre 2015 | Rispondi

  4. Ohibò … @Aquilarimpiangente, Tu persisti nell’ aggirarti fra “mucchi de monnezza”, ti curvi ogni tanto a raccattare un rifiuto sporco ( quantunque “furbastro” … ), sciaguratamente lo leggi e, infine, come il coccodrillo la cui digestione è sofferta assai, te metti a ppjiaggnje gronnanno lacrime farse !
    Ma perchè poi ???
    Aspiri forse al gemellaggio con la nostra coriacea @LettriceTeconologica …. condividendo secolei lo strazio delle letture sceme ed inutili ?!?
    Vero è che, in tal modo, fai da salvagente per chi legga il tuo commento ( magari convincendolo a scappare di fronte a cotale libraccio ), ma qui mi sembra che, pian piano, Tu stia diventando alquanto masochista !!! 😯
    Emmenomale …. che ti riscatti linkandoci quel bel pezzo dei @Fleetwood Mac cui davvero compete l’ attributo “MITICI” !!!

    Commento di cavaliereerrante | 1 settembre 2015 | Rispondi

  5. Devo smettere di leggere le tue recensioni di libri perchè spoileri sempre i finali o almeno una parte importante! 🙂

    Commento di lalettricefanciulla | 2 settembre 2015 | Rispondi

    • 😛 😛 😛
      Preferiresti che il finale te lo raccontassi tet-a-tet?

      Commento di aquilanonvedente | 2 settembre 2015 | Rispondi

      • Ahahahahah….non te lo posso scrivere il commento che ho in mente! 🙂

        Commento di lalettricevecchina | 19 settembre 2015 | Rispondi

        • 😯

          Commento di cavaliereerrante | 20 settembre 2015 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: