Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

La lotteria della vita

occhi-1In attesa dell’inizio delle mie terapie, ogni settimana devo fare la medicazione del PIC.

Così, il venerdì in tarda mattinata mi reco al day hospital oncologico in città, per questa operazione della durata di una decina di minuti.

A quell’ora nel day hospital vi sono pochi utenti. Percorrendo il corridoio, passo davanti alle stanze nelle quali viene distribuita la terapia. Nelle stanze vi sono sedie e letti. Qualcuno è seduto, qualcuno discorre con gli altri, qualcuno mangia, qualcuno messaggia con il cellulare, qualcuno invece è sdraiato.

Venerdì scorso ho sbirciato all’interno di una stanza. In un letto vicino all’entrata stava sdraiata una donna, con il volto rivolto verso la porta. Era una donna dall’apparente età di circa  trent’anni, di bassa statura (per quanto ho potuto vedere) e bruttina. Portava occhiali rotondi con lenti spesse, dietro le quali spuntavano due occhi grandi. Aveva uno sguardo curioso, ma un po’ triste.

I nostri sguardi si sono incrociati per un attimo. Avrei voluto chiederle qual era la sua storia, ma forse non era affar mio.

Mi è venuta da pensare una cosa.

C’è chi nasce bello, ricco, intelligente, simpatico, sano.

C’è chi nasce brutto, povero, stupido, insopportabile, malato.

La vita è una lotteria, insomma.

E’ soltanto colpa o merito nostro se peschiamo la pallina giusta o quella sbagliata?

Bambini

Annunci

29 marzo 2015 - Posted by | Storie ordinarie | ,

13 commenti »

  1. Non credo che sia colpa o merito nostro beccare la pallina giusta….ma come poi giocarla sì!
    Buona giornata!

    Commento di Silvia | 30 marzo 2015 | Rispondi

    • Ammesso che si abbia tempo e possibilità di giocarsela…

      Commento di aquilanonvedente | 30 marzo 2015 | Rispondi

      • eee madonna….sempre ottimista tu!!!! 😛
        Dai che andrà tutto bene, pensa a passare delle buone feste intanto!!!! 🙂

        Commento di Silvia | 30 marzo 2015 | Rispondi

  2. Magari è vera la questione del karma, e quella dell’evoluzione delle anime… magari si nasce belli dopo tante vite da brutti, o si nasce brutti dopo aver male usato la bellezza nella vita precedente, chi può dirlo! 🙄

    Commento di Diemme | 30 marzo 2015 | Rispondi

    • Cioè, io nella vita precedente ero brutto? 😉

      Commento di aquilanonvedente | 30 marzo 2015 | Rispondi

      • Non ti crucciare, nella prossima dovrai per forza essere bello! 😆

        Commento di Diemme | 31 marzo 2015 | Rispondi

  3. penso sia una questione di caso.
    detto questo, un abbraccio!

    Commento di valeriascrive | 30 marzo 2015 | Rispondi

  4. Già … chissà ???
    Nasciamo, un giorno, e viviamo, rasentando, ed a volte assaporandole, poche felicità, e patendo pene innumerevoli, dolori per alcuni/alcune non di rado insopportabili …. fino a ritornare, attraversando un buio misterioso, donde venimmo !
    Questa … per tutti e tutte è la vita, amico caro, ci piaccia o non ci piaccia ! 😦

    Postescritto : Tu, nella vita precedente, “brutto” ?!? 😯
    Naaaaaaaaaaaa …. piuttosto
    DEFORME …. a giudicare dalla tua bellezza, davvero degna di Apollo, in questa vita ! :mrgreen:

    Commento di cavaliereerrante | 30 marzo 2015 | Rispondi

  5. Penso che al mondo ci sono persone fotunate e non se lo meritano e altre sfortunate e non se lo meritano: non dipende da noi essere belli o brutti, puoi migliorare certo; non dipende da noi se saremo in salute o meno, quindi dire che dobbiamo giocarcela noi mi sembra una sciocchezza.
    Prova a dirlo per esempio ad un bambino in Africa che nasce malato e senza cibo!
    Buona serata. Annalisa

    Commento di manutenzionepiscina | 30 marzo 2015 | Rispondi

  6. Io sono nata settimina, ci stavo per lasciare le penne ma evidentemente non era il mio momento quindi sono sopravvissuta però mi hanno fatto una fantastica trasfusione e mi sono beccata l’epatite C.
    Mi sono curata pare non ci sia più. Culo? Destino? Boh però secondo me la bilancia non è sempre uguale
    Per tutti se sia dovuto al karma ancora non lo so.

    Commento di harahel13 | 30 marzo 2015 | Rispondi

  7. A me sembra che quegli occhi…hanno la dolcezza del miele. E anche tu te ne sei accorto!
    Questa non è bellezza?
    Senti, Aquila, cosa dice Vittorino Andreoli:
    “Odio questa società della bellezza che uccide chi non ha misure auree, chi non possiede chiappe da mostrare, chi non ha un ombelico scavato e modellato. Odio una società del corpo e non della mente, della testa pettinata e non importa se vuota e inutile. Serve solo a sostenere un cappellino di seta e capelli incollati di rosso.”
    Un abbraccio speciale!
    Nives

    Commento di nives1950 | 1 aprile 2015 | Rispondi

  8. Per me gli occhi, lo sguardo di quella donna erano bellissimi.
    Molto meglio delle sgalettate che ancheggiano in centro.
    Mi sarei fermato, mi sarei seduto accanto a lei, ma non sempre siamo pronti a fare quello che desidereremmo.
    Forse è bene, forse è male.
    Chissà…

    Commento di aquilanonvedente | 1 aprile 2015 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: