Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Se niente importa

se_niente_importaQuesto non è un libro a favore del vegetarianismo o del veganismo.

E’ un libro contro l’allevamento intensivo (compresa la pesca intensiva) degli animali che mangiamo.

Perché?

Primo: perché gli allevamenti intensivi producono animali malati, sia per farli resistere in condizioni ambientali terrificanti, sia per aumentare la produzione. Ovviamente, queste carni malate ce le mangiamo.

Secondo: perché l’allevamento intensivo di animali provoca disastri ambientali. Il bestiame contribuisce più dei trasporti ai cambiamenti climatici.

Terzo: perché negli allevamenti intensivi gli animali vengono sottoposti a condizioni ambientali terrificanti e a vere e proprie torture.

Jonathan Safran Foer è un giornalista americano di origini ebree. Il suo libro, come dovrebbero essere tutti i buoni libri, è ampiamente documentato: su 360 pagine, 90 sono di biografia.

Il fatto è, scrive Foer, che “una volta c’era un’etica verso gli animali, che poteva essere riassunta con mangia avendone cura“, un’etica che è morta di colpo. In molte culture tradizionali gli animali meritavano rispetto e vi erano pratiche e rituali specifici sul loro trattamento e sulla macellazione.

I geni degli animali vengono manipolati e nelle persone sorgono malattie  che i medici non sanno neppure come chiamare. La stessa origine della pandemia del 1918 fu un tipo di influenza aviaria. Il 95% dei polli sono contaminati, per esempio, da Escherichia coli e tra il 39% e il 75% della carne che arriva sui banchi dei negozi ne è ancora infetta. Per evitare che i consumatori si accorgano che la carne non ha proprio il sapore giusto, vengono iniettati brodi o soluzioni saline per dare il gusto, l’odore e l’aspetto del pollo.

I campi non possono assorbire le tossine contenute nelle deiezioni suine, che inquinano l’acqua e l’aria.

Non parliamo poi della pesca a strascico o con il palangaro, che porta a gettare fuori bordo circa l’80-90% degli animali che vengono catturati.

L’allevamento intensivo non è nato e progredito per produrre più cibo, ma per produrlo in modo che fosse redditizio per le grandi aziende agroalimentari, cioè è solo una questione di soldi: il suo obiettivo non è “nutrire gli affamati“, ma fare soldi. Il costo della carne è basso perché i costi ambientali vengono scaricati sulla società.

Ma gli allevamenti intensivi sono anche inefficienti: occorrono da 6 a 26 calorie di mangime per produrre una sola caloria di carne. Un bovino consuma 790 kg. di proteine vegetali per produrre 50 kg. di proteine animali, ha cioè un’efficienza di conversione del 6%. Sinteticamente, si può dire che per ottenere un kg. di carne occorrono circa 15 kg. di vegetali (soia, mais, grano).

Evito di parlare delle modalità di macellazione: la velocità dei processi produttivi porta a scuoiare anche animali ancora coscienti.

Qual è la soluzione? Mangiare meno carne, tornare agli allevamenti da pascolo e aumentare il consumo di cereali, legumi, verdura e frutta.

Questa ricetta si scontra con enormi interessi economici, perché cambiare il modo di mangiare significa cambiare il mondo.

7 settembre 2014 - Posted by | Libri |

18 commenti »

  1. Cellò! 🙂

    Commento di Rossss | 7 settembre 2014 | Rispondi

    • Ebbrava! :mrgreen:

      Commento di aquilanonvedente | 7 settembre 2014 | Rispondi

      • Ti consiglierei di leggere qualcosa di romantico o rischi di diventare un uomo troppo serioso. 🙂

        Commento di Rossss | 7 settembre 2014 | Rispondi

  2. Vabbè, ma non è che dovevi riportare tutto il libro. Mò è sicuro che non lo leggerò mai.
    Comunque dicono che mangiando meno carni rosse si evita il cancro. Dicono…

    Commento di Rossss | 7 settembre 2014 | Rispondi

  3. Nihil novi sub sole !
    Si stima che, intorno al 1860, nelle sconfinate praterie dell’ ovest USA, ricche di tenerissima erba grassa, pascolassero circa 60.000.000 milioni di bisonti ! In meno di 25 anni …. grazie al loro sterminio perpetrato dai “coraggiosi” @cacciatori bianchi muniti di fucili ‘a ripetizione’, ne rimasero appena un migliaio, e così finì la cultura dei @Pellirosse d’ America ….
    E’ un mondo schifoso questo ‘atomo opaco del male’ …. e noi facciamo ben poco per mutarlo ! 😦

    Commento di cavaliereerrante | 8 settembre 2014 | Rispondi

  4. È assolutamente vero, ho visto anche diversi servizi su questo argomento, poi che il consumo quotidiano di carne sia dannoso è ormai noto. Quindi meno carne e più verdura è la via migliore

    Commento di Silvia | 8 settembre 2014 | Rispondi

    • E più cereali…

      Commento di aquilanonvedente | 9 settembre 2014 | Rispondi

      • per meglio dire più fibre 😉

        Commento di Silvia | 9 settembre 2014 | Rispondi

        • Sai quante fibre ci sono nelle lasagne? 😀

          Commento di aquilanonvedente | 10 settembre 2014 | Rispondi

          • beh vabbè….mica le faccio tutti i giorni 😛

            Commento di Silvia | 10 settembre 2014 | Rispondi

            • Mmmhhh ….. @Aquila @Aquila …. che fai, tergiversi ??? 😯
              La prendi alla lontana trattando le lasagne come la volpe del buon @Esopo trattava l’ uva a cui non poteva arrivare poichè posta troppo in alto ???
              Guarda che la nostra @Silvia ….. ove volessimo ( e lei ne avesse il tempo …. visto che è impegnata e nella sua famiglia e nel lavoro ), non mancherebbe di invitarci a passare a casa sua per …. ehm …. una bella pappata di lasagne …. ed hai voglia Tu a dar di conto alle fibre con zelo degno d’ un certosino : sappiamo tutti ( e tutte ) quanto sei goloso di lasagne ( e non solo … ) fatte in casa, e come non disdegni di allungare le zampe sotto una bella tavola imbandita e di metterti il tovagliolo al collo ! :mrgreen:

              Commento di cavaliereerrante | 11 settembre 2014 | Rispondi

              • ….io il tempo per gli amici lo trovo sempre!!!!! E tu lo sai caro Bruno! 😛

                Commento di Silvia | 13 settembre 2014 | Rispondi

  5. Io dall’inizio dell’anno ho deciso di non mangiare più carne, proprio per non esserne complice.

    Commento di diamanta | 8 settembre 2014 | Rispondi

  6. Cheppoi …. la strada, ove volessimo cambiare un poco il mondo, sarebbe questa, ma capisco che è ardua da percorrersi da parte nostra, bombardati come siamo dal consumismo più becero e avvilente !

    🙂
    “Quando la terra fu creata con tutti
    i suoi esseri viventi, l’intenzione del
    Creatore non era di renderla vivibile
    solo agli uomini. Siamo stati messi
    al mondo insieme ai nostri fratelli e
    sorelle, con quelli che hanno quattro
    zampe, con quelli che volano e con
    quelli che nuotano. Tutte queste forme
    di vita, anche il più piccolo filo d’erba
    e il più grosso degli alberi, formano
    con noi una grande famiglia. Tutti noi
    siamo fratelli e ugualmente importanti
    in questa terra.”

    Dal ringraziamento degli @Irochesi

    Commento di cavaliereerrante | 8 settembre 2014 | Rispondi

  7. Sarebbe tutto vero se…..
    Se non ci fossero in calcolo che anche i prodotti vegetali sono gonfiati a pompa. Vedi l’esempio dei semi trattati, oppure delle OGM.
    Un esempio significativo. C’è il periodo della raccolta dei pomodori (ancora). Provate ad andare su un campo di questi pomodori e “rubare” uno dei suoi prodotti. Prendetelo…. ed assaggiatelo. Poi (dopo averlo sputato, perché ha un sapore schifoso) chiedetevi su quale pastasciutta arriverà nel vostro piatto.
    Cosa ci resta? Magari le foglie dei alberi nel più profondo bosco. Ma attenzione…. non fattevi beccare dalla guardia forestale. Le multe sono salate.
    A presto.

    Commento di Valentino | 8 settembre 2014 | Rispondi

    • E’ vero.
      Frutta e verdura non sono esenti da manipolazioni.
      occorre rivolgersi alle colture biologiche.

      Commento di aquilanonvedente | 9 settembre 2014 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: