Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Il peggiore

MPS: BERSANI, DA 2001 BATTAGLIA IN PARLAMENTO SUI DERIVATIHo sempre pensato che Walter Veltroni fosse stato il peggior segretario del PD.

Segretario dei DS, portò il partito ai suoi minimi storici e nel 2001 lo abbandonò nelle mani del povero Fassino, per candidarsi a sindaco di Roma.

Visto che errare è umano, ma perseverare è una caratteristica della sinistra italiana, nel 2007 è stato eletto segretario del PD, che ha abbandonato nel 2009, dopo avere perso sia le elezioni politiche del 2008, sia le elezioni regionali sarde del 2009.

Pensavo fosse stato il peggiore, ma non era vero.

Il peggiore è stato (purtroppo) Pierluigi Bersani.

Forse sto diventando paranoico, ma quello che bisognava fare era talmente semplice, che i casi sono due:

1) o io sono un genio (ma lo escludo);

2) oppure i dirigenti del PD sono incapaci, oppure deficienti, oppure in malafede (o tutt’e tre le cose assieme).

Nel novembre 2011 Berlusconi è praticamente stato costretto a dimettersi. E’ stato giusto sostituirlo con Monti e un governo tecnico, perché eravamo diventati lo zimbello dell’Europa.

Monti doveva governare per tre-quattro mesi, non di più: a febbraio 2012 bisognava fissare le elezioni politiche.

Berlusconi si era praticamente liquefatto. Monti e il suo governo godevano di una stima di tutto rispetto, ma sarebbero stati in difficoltà a “salire in politica” con un loro partito. Grillo poteva ancora essere arginato.

Il centro sinistra avrebbe vinto alla grande. La crisi economica sarebbe stata affrontata da un governo eletto, che poteva fare riforme più equilibrate e avrebbe potuto avviare una riforma costituzionale in senso presidenzialista, perché i nostri meccanismi di governo devono essere resi più efficaci e si deve iniziare dall’alto, non dal basso.

Per il centro destra sarebbe stato difficile dire di no, perché quella del presidenzialismo è sempre stata una sua fissazione.

Con un po’ di accortezza, forse oggi avremmo un presidente della repubblica del centro sinistra, eletto dal popolo e non saremmo in questa situazione di cacca. Forse avremmo anche affrontato la crisi economica con una ricetta un po’ diversa da quella dei “professori”.

Forse… se non ci fossero stati questi dirigenti del PD, che sono riusciti a compiere una serie inenarrabile di disastri: hanno dilapidato un vantaggio elettorale enorme; hanno resuscitato il berlusca, che poco c’è mancato che non abbia vinto le ultime elezioni; non si sono accorti che un elettore su quattro avrebbe votato Grillo.

Ridiamo per non piangere…

20 aprile 2013 - Posted by | Politica, Storie ordinarie | ,

39 commenti »

  1. Hai fatto un’analisi molto precisa e non posso che essere d’accordo.
    Credo che la scelta di Marini sia stata la fatidica goccia. La gente è esplosa per un malcontento e per una delusione assolutamente motivati. Poi, ovviamente, si rischia di arrivare agli eccessi. Ma il danno fatto è grande e non vedo una facile risoluzione. A questo punto vedo in prospettiva delle possibili elezioni anticipate (in autunno?) in cui PDL e M5S si spartiranno i voti. Debacle totale per la sinistra, per chi ha votato sempre a sinistra e per chi ci ha creduto davvero. Non so che dire. A me viene un senso di soffocamento fisico-mentale. Ho bisogno di aria nuova e diversa. Vorrei poter credere e sperare in qualcosa e qualcuno. Ma sto vivendo, io in Sardegna, in una fittissima nebbia padana.

    P.S.: faccio molta fatica a ridere… come se non bastasse chiudendo la porta finestra della mia camera da letto (Molly entra ed esce e mi fa andare avanti e indietro), per chiuederla (un po’ diffettosa – quasi la mia età) ho fatto forza appoggiando il ginocchio (destro) sul vetro invece che sullo stipite. Rotto il vetro. Per portuna essendo la portafinestra a tre ante è solo un piccolo – si fa per dire – quadrato. Stanotte dormirò al fresco…

    Buonanotte, se così si può dire…

    Commento di Maria | 20 aprile 2013 | Rispondi

  2. Delle due l’ una ?!? 😯
    La prima che hai detto !
    GENIO ! :mrgreen:

    Commento di cavaliereerrante | 20 aprile 2013 | Rispondi

  3. Bellissimo articolo, come quell’altro abbastanza recente in cui esaminavi la sinistra e la situazione italiana con altrettanta lucidità. Bersani è proprio sordo a quello che succede fra la gente e alla giusta voglia di rinnovamento. Il PD ormai è più che sfasciato è un partito a coriandoli. La scelta di Marini e di Prodi quali candidati alla presidenza della Repubblica sa di vecchio, ha pure la muffa. Mi pare girasse la voce che voleva riciclare per quella carica anche Anna Finocchiaro,. Insomma, sembra quasi che debba qualche favore e che stia cercando di restituirlo in tutti i modi. Sta donna voleva piazzarla in tutte le cariche possibili e non è stata voluta, qualcosa vorrà pur dire, o no? perchè insistere?
    Ricordo un video dell’ottimo Zoro in cui prendeva in giro, da militante, la sinistra. In un momento di crisi la preoccupazione principale di tutti era la “liderscip”, ecco, ora un simile pensiero va più che bene.

    Commento di Luisa | 20 aprile 2013 | Rispondi

  4. Ciao … @AquilaGenius …. 😯
    Buon fine settimana !!! 😀

    Commento di cavaliereerrante | 20 aprile 2013 | Rispondi

  5. Ottima analisi, ma io, che in politica sono un’ ingenua, non faccio che rimuginare su due miei interrogativi, terra terra:
    • Cosa (quale “rivelazione”) temeva Bersani (e/o una parte del Pd) a proporre/far votare un candidato presidente della repubblica non gradito al PDL?
    • Cosa temeva di dover fare/approvare nella legislatura il PD votando Rodotà?
    Sono domande sciocche, lo so, ma, nell’ uno e nell’ altro caso, mi sa che qualche pedaggio lo avrebbe dovuto pagare.

    Commento di emma70 | 20 aprile 2013 | Rispondi

    • Per me, @Emma cara, non sono “domande sciocche” le tue, ma sono al contrario – se mi è permesso dirlo qui – domande intelligenti, legittime e, soprattutto, controcorrente . Ed aggiungerei, alle tue, quest’ altra domanda : perchè mai @peppegrillone, dopo aver negato ogni forma di collaborazione con PD ( dal cui programma ha riportato nel suo svariati punti fondamentali ), ed aver dileggiato con spregevole volgarità, tutti i vecchi da rottamare …. tutta “merda da mandare a casa”, per dirla alla sua brutta maniera, improvvisamente si è messo a sostenere col cuore in mano il “vecchio” @Rodotà, un eccellente giurista di cultura ispirata da sempre alla “sinistra indipendente”, che nulla ha a che vedere con l’ arruffata storia grilliana e casaleggiana e, meno che mai, con le scemate volgari urlate da costoro ???
      Ecco …. nel rispondere a queste domande, si potrebbe fare un’ analisi seria dell’ attuale contingenza politica !
      Quanto a @Bersani, se si ripresentasse alle primarie per l’ elezione del Segretario del PD, lo rivoterei ancora, e specialmente se l’ antagonista fosse @MatteoRenzi …. Ma questo non avverrà, “esattamente” come aveva detto @Bersani stesso ben “prima dell’ esito delle votazioni politiche e dell’ attuale stallo per l’ elezione del Presidente della Repubblica, elezioni politiche che, vorrei sottolineare ancora una volta, SONO STATE VINTE, BENCHE’ NON “STRAVINTE”, DAL CENTRO-SINISTRA …. sebbene il centro dello schieramento sia pressochè inesistente, e quantunque “le persone che votino a sinistra siano in Italia intorno al 30%”, mentre il 70% non vuole nemmeno sentir parlare di sinistra, e questo, come andrebbe onestamente ricordato, accadeva anche ai tempi di @Berlinguer, se ben ricordo e “cifre vere alla mano” !
      Dunque, @Bersani, come ha sempre detto, si chiamerà fuori dalla lotta per la carica di Segretario ( ma non dal partito e dal fare politica dentro il partito ), e quando questo accadrà e verranno indette le primarie, io continuerò a NON votare il piacione ( e sleale ) @Renzi, votando invece @Fabrizio Barca o @Ignazio Marino … se quest’ ultimo rinuncerà a correre per l’ elezione a sindaco di Roma ! 🙂

      Commento di cavaliereerrante | 20 aprile 2013 | Rispondi

  6. Sono assolutamente in contraddizione con quello che si è scritto qui. Prima di tutto che giudicare una persona si debba vedere in quale contesto esso ha agito cosi e perché lo ha fatto. Se si vuole pensare in modo semplice e fare una sorte di critica gratuita, allora si si può vedere le cose come sono state presentate. Ma proviamo a metterci al posto suo. Prima di tutto che il nostro personaggio si è trovato con una situazione poco invidiante. Io non so cos’avrebbe fatto ognuno di noi nella sua situazione. So che un alleanza con Berlusconi pare – a prima vista – inconcepibile. Ma vediamo i ragionamenti esposti.Vorrei ricordarti caro @Aquilla che nel 2011 quando Berlusconi lasciava il governo esso non poteva che essere affidato ad una squadra di tecnici. Il motivo era che ad uno spread di 540 non c’era tempo di campagne elettorale. Eravamo con un piede nella tomba. E poi, il governo tecnico ha il vantaggio di non avere connotazioni politiche (quindi un impedimento nel parlamento). Infatti, anche se scelte impopolari, è l’unico governo che ha riuscito di dare fiduccia internazionale. Il minimo. Ma queste cose li abbiamo dimenticato. Ma andiamo avanti. Nel febbraio 2012 si potevano fare le elezioni, è vero. Ma se guardiamo la linea ascendente – discendente del governo Monti, quel periodo è stato proprio la stagione più attiva del suo governo. Allora, se le cose cominciavano a mettersi a posto, mi chiedo, perché interrompere?
    Vorrei ricordare anche il fatto che dal 24 febbraio di questo anno, tutti (ma proprio tutti) ci aspettavamo da lui a fare le riforme. Non da Grillo (che è considerato il vero vincitore dal “popolo”), non da Berlusconi (che è considerato la sorpresa delle elezioni), e nemmeno da Napolitano ( che sapiamo bene che soluzioni “sagge” ha trovato). Ma Bersani cosa aveva in mano? Prima di tutto un Grillo sprezzante. Che lo ha rifiutato-umiliato perennemente. Poi un Renzi che non se ne frega minimamente della sinistra o del concetto social democratico, ma che per lui non sono altro che una rampa per lanciarsi sempre più in alto (la prova è stata le votazioni del presidente). Poi (perché non finisce qui) fuori dal palazzo si trova la gente che grida di “fare qualcosa”. Ma a queste condizioni il concetto di “fare qualcosa” vuol dire allearsi con l’unico disposto a farlo. Che purtroppo….. si chiama Berlusconi. Quindi, caro @Aquilla….. tu…. cosa “fare qualcosa” avresti fatto al posto suo?

    Commento di Valentino | 20 aprile 2013 | Rispondi

    • Per quello che vale il mio parere “errante”, caro @Valentino, approvo fin in@ fondo il tuo ragionamento “concreto e memore”, e la conseguente, lucida, analisi della cronaca italiana nell’ ultimo biennio !
      E come te, penso che al “piacione” ( e spocchioso …. oltre che sleale ) @Renzi della sinistra, democratica o meno, riformista e aperta …. non gliene potrebbe fregare meno, coeso e ossessionato com’ è dalla sua ambizione personale !
      Non lo voterei mai, nemmeno ‘con la pistola puntata alla tempia’ …. per quanto mi riguarda, mentre invece giudico “onesto e leale” l’ ottimo @Bersani, di cui comprendo l’ amarezza per la mancata elezione del candidato @Prodi a causa del tradimento di una parte del PD, che era la prova lampante che, quanto a collaborare col @berlusca ( cui @Prodi è inviso, e non solo perchè l’ ha battuto due volte alle politiche ) in un governone, @Bersani nè ci pensa nè ci pensava minimamente ! A quest’ uomo semplice e sincero, posso rimproverare solo una cosa ( che tuttavia è nel DNA di chi veramente è di sinistra ), e cioè quel sentimento insopprimibile di responsabilità che, di fronte alle necessità nazionali, fà schierare sempre a salvaguardia degli interessi del Paese, più che a difendere i propri meschini interessi di partito !

      Commento di cavaliereerrante | 20 aprile 2013 | Rispondi

    • Io non so cosa avrei fatto in Bersani perchè non sono un politico ma guardo solo ai fatti: come ha fatto Berlusconi in 3 mesi di campagna elettorale a rimontare in maniera così clamorosa? E’ solo bravura sua o c’entra pure una enorme sottovalutazione del suo avversario Bersani? Subito dopo le elezioni si è prostituito in 100 modi pur di combinare qualcosa con Grillo. Poi, l’unica volta che Grillo gli ha offerto un’occasione valida con la candidatura di Rodotà, lui rifiuta scontentando la base e bruciando ben due candidati (Marini e Prodi). Questo solo per parlare delle cose più eclatanti che mi vengono in mente.
      Ah, e so che a molti di sinistra duri e puri farà schifo Renzi, ma io conosco un sacco di persone di sinistra e delusi del centrodestra che lo avrebbero votato. Con il senno di poi è sempre difficile ragionare ma io sono convinto che, se le avesse vinte Renzi le primarie i risultati delle elezioni sarebbero stati molto diversi.

      Commento di gmdb | 20 aprile 2013 | Rispondi

  7. Una tale incapacità da assumere quasi una forma d’arte. C’è del genio nel riuscire a collezionare un simile numero di errori, cattive valutazioni, incapacità nel comprendere i desideri della base, ecc…

    Commento di gmdb | 20 aprile 2013 | Rispondi

  8. Se ti candidi io ti voto. 🙂

    Commento di l'elettriceincucina | 20 aprile 2013 | Rispondi

  9. Cosa doveva fare Bersani?
    E’ presto detto.
    In primo luogo, dimostrare al cosiddetto “popolo del centro-sinistra” che i due principali soci fondatori del PD (e cioè gli ex DS e gli ex Margherita) in questo progetto ci credono veramente e quindi, senza cincischiamento alcuno, attribuire i loro patrimoni al PD, senza se e senza ma. Ricordiamoci che il PD è nato senza un soldo in cassa, se non per quei cinque euro versati da chi, come il sottoscritto, in quel progetto ci ha creduto e ha ricevuto in cambio una pergamena (cartacea) che oggi serve per pulirsi organi del corpo deputati a funzioni sicuramente “vitali” ma altrettanto poco “politiche”.
    In secondo luogo, doveva assolutamente evitare che un governo tecnico prendesse decisioni che hanno cambiato radicalmente (in peggio) la vita di milioni di italiani. Doveva appoggiare Monti per il tempo strettamente necessario per arrivare alle elezioni nella primavera del 2012. Se c’è riuscita la Grecia, messa peggio di noi, non vedo perché non poteva farlo anche l’Italia. C’era lo spread a 540? Ma ormai l’abbiamo imparato tutti che lo spread, così come la Borsa, salgono e scendono per cause e motivazioni non sempre attinenti alla situazione politica del Paese. Come siamo messi ora, dovremmo avere uno spread a 1.000 e una Borsa chiusa per lutto, e invece…
    In terzo luogo doveva appropriarsi delle istanze di cambiamento che emergevano nel Paese, non proponendo il “cambiamento” dopo le elezioni, ma prima. L’Italia ha una forma di governo ancora basata su un sistema elettorale proporzionale, dove i partiti più sono piccoli e più hanno potere d’interdizione sulle decisioni. Per spezzare questo gioco occorre cambiare il sistema dalla testa, e cioè dalla carica più alta: il presidente della repubblica, che deve essere eletto direttamente e assumere formalmente (e non di sotterfugio) poteri più ampi di quelli cha ha attualmente. Invece Bersani, come tutto il gruppo dirigente del PD, passa metà della propria vita nei palazzi romani, completamente avulso dalla realtà. Questi qua non sanno quanto costa la benzina, il pane, le patate, il latte; non sanno cosa bisogna fare (e pagare) per fare un accertamento diagnostico, per ristrutturare una casa, per fare un contratto per il gas o l’energia elettrica. Quando escono dai loro palazzi, sono circondati dai loro adulatori, che appena aprono bocca li soffocano di applausi e così non si sono accorti che un elettore su quattro avrebbe votato @peppegrillone.
    Vedete, io vivo nella stessa terra da cui viene Bersani. Conosco i suoi “bracci destri”, Migliavacca ed Errani; conosco anche gli altri dirigenti provinciali del PD. Se dovessi scrivere quello che so e che penso di loro rischierei la denuncia. Posso soltanto dire che quella di queste settimane per me è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: questi dirigenti il mio voto non l’avranno più. E non parlo delle primarie, ma del voto vero e proprio.

    Commento di aquilanonvedente | 21 aprile 2013 | Rispondi

    • Eh sì… vivere in un mondo “dorato” e distante dalla gente crea fratture enormi. Sembra di vivere in mondi diversi. E non è per niente piacevole. Vorrei dare a loro mille euro di stipendio mensile e mandarli a “vivere”. FAre la spesa, pagare la benzina, l’assicurazione, il condominio, le spese mediche, le spese extra…. Dover dire ai tuoi figli: no, aspettiamo al mese prossimo (e questo mese non si sa bene quando arriverà). Sperare di non ammalarsi e di non avere necessità di una visita specialistica o di farmaci particolari…. Vivere perennemente con la sensazione di avere una spada di Damocle che in quasiasi momento ti può cascare sulla testa. Vorrei capire se qualcuno di loro ha mai provato cosa significhi vivere in questo modo.
      Io mi reputo una persona, nonostante tutto, fortunata.
      Rispetto ad altre persone che vivono peggio di me.

      Commento di Maria | 21 aprile 2013 | Rispondi

    • Caro @Aquilanonvedente, incomparabile amico mio con cui “concordo e condivido” non pochi aspetti esistenziali, primi fra tutti il rispetto dovuto ad ogni singola persona e la dignità irrinunciabile comunque muti il mondo intorno a noi …. su quanto hai ora esposto ( non rispondendo comunque alle domande di @Emma e mie, e a ben vedere neppure alle osservazioni di @Vale, se non per dire, legittimamente, quello che, nei panni di @Bersani, avresti fatto Tu …. ), continuo, amaramente, a non essere d’ accordo con te !
      Tu, parli di “vittoria che era già in tasca” al Centro-sinistra, dissipata – a favore del @pornonano e di @peppegrillone – per l’ insipienza di @Bersani, e con lui dei dirigenti del PD, non ostante sia scientificamente documentato : 1) che “i sondaggi pre-elettorali” ( era infatti in base a questi che, tutti, credevamo che il Centro-sinistra avesse già vinto ) non hanno alcuna valenza futura, se non quella di essere uno strumento serio per valutare “a posteriori” ( e cioè ad elezioni avvenute ) l’ andamento dei flussi e degli spostamenti degli elettori – 2) che gli elettori stessi decidono, in gran numero “addirittura il giorno prima di recarsi alle urne”, di votare ora di qua ora di là come gli suggerisca il mattino o gli astri, a prescindere dai programmi elettorali, e non di rado in base ad irrazionali umori – 3) che in Italia, dati alla mano a partire dal 1948, ma potremmo benissimo spostare la data al 1921 ( data di fondazione del PCI ), la sinistra “vera” ha un bacino di elettori convinti valutabile intorno al 30% dell’ intero elettorato al netto dei non votanti, mentre il 70% ha in odio tutto ciò che porti il nome, o riconduca comunque, a parti o interi di sinistra “vera” – 4) che l’ esistere tuttora di correnti l’ un contro l’ altra armate all’ interno del PD ( ciò che costituisce il vero male di questo partito-laboratorio ), non lo si può eliminare nè con disposizioni del Segretario del partito, nè con atti fondativi, nè con qualunque mezzo coercitivo che esuli dalle singole volontà ( ed ambizioni personali ) dei componenti della dirigenza – 5) che il @pornonano “è l’ uomo più ricco d’ Italia”, e dispone di capitali e risorse che tutti i partiti assommati nemmeno si sognano, e che costui non conosce limiti quanto a corrompere e a comprare chi gli aggrada o gli sia utile per mantenersi a galla !
      Definisci inoltre lo “spread” un fantoccio farlocco che nulla ha a che vedere con la situazione politica italiana ( e qui, mi trovi agli antipodi con il tuo pensiero ), nè spendi una sola parola, ritornando alle elezioni “solo vinte, quantunque non stravinte” da @Bersani & C., per additare l’ ignominia di @Monti ( nemmeno io, prima delle elezioni, avrei immaginato che arrivasse a tanta insipienza politica …. questo lo confesso : lo sentivo, rispetto a me che sono di sinistra, dall’ altra parte della barricata, ma lo stimavo “come avversario serio”, ed ahimè mi son dovuto amaramente ricredere ) e di @Ingroia, i quali – senza la benchè minima possibilità di arrivare a qualche risultato, hanno scioccamente presentato liste “anche per il Senato” in Lombardia, Piemonte, Veneto, Campania e Sicilia, con ciò non ottenendo che briciole elettorali, ma di fatto favorendo la vittoria numerica del gruppo di destra @Pdl-Lega, e sottraendo così almeno 40 Senatori allo schieramento di Centro-sinistra !
      Ma di queste cose e di altre attinenti alla politica, mi piacerebbe parlare con te, “documenti alla mano”, guardandoci negli occhi, amico mio, più che giocando a rimpiattino in un blog, costretti entrambi a galleggiare nel mare infido dei luoghi comuni e delle acque agitate dai “j’ accuse” fatti di coriandoli e dagli anatemi facili e scontati !
      Stammi bene, @AquilaGenius …. si può pensarla, in politica, anche in maniera contrapposta, ma l’ amicizia, se sinceramente condivisa, non ne risulterà mai scalfita d’ un acca !

      Commento di cavaliereerrante | 21 aprile 2013 | Rispondi

  10. Se lo spread non cresce (o abbassa) e tutto il merito del governo che si trova in quel momento, Aquila. La politica influisce in piccola misura sul suo innalzare o abbassare. Poi, la Grecia non è che c’è l’ha fatta. Ricordiamoci che in Grecia sono state elezioni politiche fino a quando l’arco politico e diventato una sorte di appoggio ad un governo tecnico. Nessuno in Grecia si assume politicamente la pesantezza delle riforme. In Italia invece l’unico che ha voluto farlo è stato Bersani. Perché Bersani prima di essere un politico è un economista. A mia opinione. Ricordiamoci soltanto che l’ultimo governo Prodi aveva lui come ministro dello sviluppo economico. E per non creare l’impressione di fare pubblicità, si può andare su Wikipedia per vedere cosa ha realizzato in quel periodo. A dir la verità Aquila, anche io abito sulle terre da dove proviene Bersani. Ho la residenza a Bettola (più di cosi 🙄 ). Ma non ha nessuna importanza. Quello che voglio dire, ora Bersani si ritira…. resteranno a sbranare i resti del PD i sciacalli come il @pornonano e @ilsignor”sono tutti morti”. Perché lo faranno. La spontanea rivolta pro-Rodotà lo ha dimostrato. E la sinistra cosa fa? Ci sono due possibilità. Stringere uniti spalle a spalle per compattarci di nuovo. Oppure guardare passivi come la sinistra si sbriciola. E per velocizzare il processo è semplice. Si debba criticare. Criticare. Criticare. Il problema pero è…. chi può ispirare la fiduccia in un nuovo governo che possa “risolvere i problemi”?
    Berlusca? O forse Grillo?. Ma…. magari Renzi? O forse Vendola? Beh… ci sarebbe anche Monti. O magari Casini? O Maroni.
    Tu chi consideri più “votato” ad essere capo del governo?

    Commento di Valentino | 21 aprile 2013 | Rispondi

    • Scusami l’ intrusione, caro @Vale “bettoliano” ( mi sa che, o prima o poi, mi ritiro anch’ io da quelle parti vostre dove non tramonta, mai e poi mai nemmeno a schioppetate, lo smog parapadanico 😯 , non fosse altro che per stare talvolta, a pranzo o a cena o a colazione o a caffè o a bicchier di vino (rosso) soltanto, con te e con @Aquilapiucchevedente 😀 ), ma gli ambiziosi che si sbranano e non si fondono nel PD non l’ avranno vinta, poichè da quell’ unico partito-laboratorio oggi esistente uscirà – a mio parere non errante, il migliore, stanne certo ! Quanto a capo del governo, penso che, seriamente, @Napolitano chiamerà il meglio oggi a disposizione, una figura di prestigio capace di consolidare una politica economica interna virtuosa ( ma assai più equa … e ripartita in base a ciò che si possieda, e non più alla “ndò cojo cojo” ) e riavviare verso ben più ampi orizzonti la strategia europea italiana, mirata ad accelerare il processo per avere, come è stato scritto dai Padri costituenti, una unità non solo finanziaria e monetaria, ma soprattutto “politica e sociale” !
      Quanto a @bersani che stimo tantissimo, ha comunque lasciato il segno anche in questi frangenti, se ci ricordiamo che fu lui, e soltanto lui, ad imporre l’ elezione degli attuali Presidenti delle Camere, due figure veramente al di sopra delle parti, oneste e ben conosciute in tutto il mondo “per meriti propri” ! :
      A bentoit … @Vale caro, aspettando il nostro rapace sempre con stima ed amicizia !!! 😀

      Commento di cavaliereerrante | 21 aprile 2013 | Rispondi

  11. Caro @Cavaliere. Quando mi riferisco a quello che ha fatto Bersani non lo faccio minimamente per via politica. Ma quella economica. Ricordiamoci che oggigiorno non paghiamo più per la ricarica telefonica grazie a lui. Certo, qualcuno può contorcere il naso (sono soltanto 3-4 euro) ma rapportato a quante ricariche facciamo in un anno sul nostro telefono…. la somma e da considerare. Poi ricordo della legge Bersani sulle assicurazioni auto. Dove un figlio (nipote, sorella, cugino) si può appoggiare al suo parente e beneficiare di sue credenziali nel pagare meno. Anche questa è una bel risparmio.
    Vogliamo andare avanti? Bhe, che ne dici del conto corrente? Che prima non si poteva nemmeno scogliere. E che c’erano banche arrivate a chiedere anche 500 euro per poter chiuderlo? Per non parlare della possibilità d’oggi di aver diritto di ricalcolare i mutui. O cambiarli con un altra banca )operazione assolutamente impossibile nel passato). Ricordiamoci anche che è stata unica persona a fare una guerra alla casta dei farmacisti. O dei distributori di carburante. O della lotta (non riuscita) per la liberalizzazione dei TAXI. Dove in tutto il mondo alzi due ditta per fermare un Taxi. Ma in Italia…. devi avere il numero della centrale (oppure chiami 1240 tataratarata).
    Ecco. Sono queste le cose che li ho percepito io dal economista Bersani. Forse come politico non è cosi proficuo. Ma attaccarlo perennemente in stile grillista (e non mi riferisco ad Aquila) con l’intento di denigrare gratuitamente (e sempre a scopo politico)…. sono spiacente. ma vado controcorrente. Anche perché (come dicevo prima) che lo vuole demolire….. non lo fa a scopo di “amour pour la patrie”.
    P.S. Non sono un ammiratore di Napoletano. Ma scegliere Rodotà, perché lo vuole Grillo…….. NO GRAZIE

    Commento di Valentino | 21 aprile 2013 | Rispondi

  12. Ancora una cosa. Ovviamente che sei “benvenue” dalle nostre parti. Mi farebbe un enorme piacere trovarmi a tavola davanti ad un piatto immenso di salumi piacentini (dove non mancherebbe la famosa coppa piacentina) ed una bella bottiglia di Guturnio. Sopratutto ora, prima che i “alpini” finiranno la nostra scorta. Perché… si sa…. anche i alpini sono ghiotti delle prelibatezze. 😆

    Commento di Valentino | 21 aprile 2013 | Rispondi

    • Concordo con te, caro @Valentino ( ehm … a proposito … io mi chiamo @Bruno 🙂 ) IN TOTO : ammiro da sempre @Rodotà, eccellente costituzionalista, uomo dolce e pacato, discreto e lungimirante, di gran cultura ed umanità, ma approfittare della sua bella figura per farlo assurgere a candidato Presidente della Repubblica come testa di ponte di @pepponegrillo e dell’ inquietante mondo oscuro che lui, @casaleggio ed @enrico sassoon ( che rispetto a @Rodotà, appartengono ad un mondo opposto … ) rappresentano, e facendoci anche i miliardi, beh …. sebbene a malincuore, dico anch’ io NO GRAZIE !
      E per rispondere alla cara amica @Luisa, il cui commento leggo ora …. non fu @Bersani che “pretese e smaniò” di fare il segretario del PD, ma fummo noi che “lo votammo liberamente” in grandissimo numero ( e lo rivoterei ancora … ) alle primarie per il candidato segretario che si tennero circa 4 anni fa ….. ed infine, per pura precisazione, le dimissioni di @Bersani stesso, quelle di @RosyBindi e degli altri dirigenti …. anticipate di circa 6 mesi rispetto ad ottobre p.v. quando si sarebbe dovuto tenere il Congresso Nazionale del PD, le ritengo un atto doveroso, moralmente ineccepibile e, diciamolo pure, “politicamente onesto” !
      Per me, e cifre alla mano, il Centro-sinistra, HA VINTO le elezioni politiche, e se non le ha stravinte, bisogna chiamare @Monti ed @Ingroia sul tavolo del giudizio ma, ciò malgrado, ragionando fra gente politicamente onesta, coloro che l’ hanno guidato ( @Bindi, @Bersani, @Letta, @Franceschini …. ) si dovevano – come hanno già fatto – dimettere, poichè comunque l’ obiettivo di ottenere con lo schieramento di Centro-sinistra un governo saldo non l’ hanno raggiunto !
      E allora, poichè il PD non ha nè un padrone che prenda a zampate in culo i riottosi o che li taciti con i quattrini o i bunga bunga, nè un guru dal ciel disceso che decide sol lui ( insieme a soci occulti ) cosa dire e cosa fare, avanti con le primarie per eleggere il nuovo segretario PD e vinca il migliore ! 🙂

      Commento di cavaliereerrante | 21 aprile 2013 | Rispondi

  13. Ognuno deve saper riconoscere i propri limiti. Bersani come ministro dell’economia ha fatto belle cose. Sicuramente è un uomo onesto, ma non è adatto a fare il leader politico. Non ce la fa. O è mal consigliato, ma la faccia ce la mette lui, o se le decisioni le prende da solo le sbaglia ugualmente.. Persino Rosy Bindi se n’è andata scocciata perchè in questi mesi nessuno l’ha considerata. Se non si parlano e non si ascoltano tra di loro,perchè dovrebbero parlare e ascoltare la gente, i loro elettori? Quel 30% di elettori di sinistra non è un numero che rimarrà tale in eterno se il partito se ne frega di loro. Nessun commerciante può permettersi di non curare il servizio che offre alla clientela perchè tanto ha i clienti fissi. Se il servizio scade la gente si serve altrove. Se le idee come i beni offerti sono più o meno gli stessi anche da altre parti, ma il servizio offerto è più curato, ecco che i clienti-elettori migrano.

    Commento di Luisa | 21 aprile 2013 | Rispondi

    • Luisa, sono perfettamente d’accordo con te.

      Commento di Maria | 21 aprile 2013 | Rispondi

      • Perfetto @Marì ! 😀
        Tu sei d’ accordo con @Luisa …. io con @Valentino, due donne voi, due uomini noi ! 😯
        @Aquila … mi senti ?!?
        Dai …. senza toccare alcun CD del “lo” @883 ( se ancora ne hai …. ), metti cortesemente un pezzo musicale, possibilmente ballabile …. ehm …. lento, romantico, capace di farci sognare ….
        Ci facciamo un bel ballo ?!? 🙄

        Commento di cavaliereerrante | 21 aprile 2013 | Rispondi

  14. Devo dire che non considero il commento di @Luisa sbagliato. Anzi, e molto saggio. Questa pero non toglie la mia opinione. Dare la colpa a Bersani per quello che combina la destra la sinistra ed il populismo (rivoluzionario) mi pare ingiusto. Ma Italia è cosi. Oramai la conosco. Si vuole una testa da tagliare.
    P.S. Cara Luisa. Volevo fermarmi un attimo sul esempio “commerciale” che hai esemplificato. Ovviamente paragonandolo alla politica.
    Quindi ascoltavo alla radio (non dico il posto per non fare pubblicità) sulla tossicità dei alimenti. E si parlava specialmente sui COLORANTI che si mettono nelle bevande. Cioè i succhi di frutta. Tutti d’accordo che fa male. Che la quantità del colorante è nocivo. Che è una fonte di tumori e non solo. Che si debba fare più ricerche per restringere – se non eliminare – la quantità. Che proprio queste polveri chimiche comportano a delle problematiche di salute cominciando dalla infanzia. Insomma, medici, persone che chiamavano, invitati, etc etc…. parlavano di questa sostanza “demoniaca” che si trovava nel interno dei nostri “ben sani succi di frutta”. Ma…. nel nocciolo di questa “rivolta” unanime, compare una telefonata. Una telefonata da un produttore di questi succhi. Eh si…. proprio lui… quello che avvelenava la nostra salute per “arricchirsi” lui (perché diciamolo chiaro… l’impressione era questa). E che cosa ha detto questo produttore?
    “Carissimi invitati ed radio ascoltatori. Lo sapevate che per esempio un arancia se la spremo non è di colore arancione? Il succo di arancia, infatti, è semplicemente trasparente. Cioè….. incolore. Se io spremo le arance e non metto lo zucchero (un altro prodotto da voi demonizzato) ed il colorante, la mia aranciata non me la compera nessuno. Perché non ha un aspetto commerciale. Perciò, io per non essere sopraffatto dalla concorrenza devo assolutamente aggiungere questi due prodotti (detto da voi) nocivi. Chi di voi comprerebbe una bottiglia di succo di arance che ha dentro un liquido incolore? Nessuno. Allora per favore, smette a incolpare me, visto che vi offro un prodotto che voi lo volete cosi. Grazie.”
    Ricordo… che per qualche secondo è stato in grande silenzio imbarazzante.
    Tornando alla politica…. diciamo che Bersani avrebbe potuto mettere un po di “colorante” in più (come Grillo… che di colorante non si risparmia). E forse si sarebbe salvato. Ma con quale seguito?

    Commento di Valentino | 21 aprile 2013 | Rispondi

  15. Diciamoci la verità, quel produttore di aranciata ha ragione. Il gusto della gente è stato educato in un certo modo. Siamo abituati a sapori decisi per quanto artificiali e così pure ai colori forti ottenuti pure questi con espedienti. Il tutto è consentito dalla legge. Se si beve un bicchiere d’aranciata una volta ogni tanto non succede niente, ma dobbiamo essere consapevoli di cosa stiamo bevendo. Acqua 88 %, succo d’arancia 12%, anidride carbonica e coloranti. Non è succo d’arancia. La natura stessa di quel prodotto rende necessario “l’aiutino” affinchè si riesca a berla. La stessa cosa vale per gli Hamburger di McDonald’s. Mangiarli qualche volta non fa male, cibarsene regolarmente si. Eppure la gente sa anche scegliere. Mi pare fosse in Puglia che dei giovani avevano aperto una paninoteca vicino a McDonald’s. Sembrava una sfida impossibile eppure alla lunga la genuinità dei loro prodotti aveva fatto la differenza. Non credo fosse stato necessario regalare orsetti, o altri gadget, ogni dieci euro di spesa per incentivare il consumo. La qualità offerta come si deve aveva fatto in modo che il fast food americano chiudesse. Una piccola vittoria, forse, ma di grande significato. Ci sarà sempre chi alla genuinità continuerà a preferire gli aromi artificiali e il facile regalino, ma c’è anche chi fa ragionamenti diversi e su quelli bisogna lavorare. Qualità offerta come si deve anche in politica 🙂

    Commento di Luisa | 21 aprile 2013 | Rispondi

  16. Porco boia, ragassi!
    Non è che uno può prendere l’auto, caricarci su quattro amici, dirigersi a cento all’ora verso un burrone e poi, arrivato a dieci metri dal precipizio, dire a quello che gli sta seduto da parte: “Ora prendi tu il volante, che io non so che cazzo fare!”
    Come minimo quello ti risponderà: “Adesso io mi butto fuori!”
    😯
    Io non so chi avrei proposto come presidente della repubblica o come premier.
    Io so quello che avrei fatto un anno e mezzo fa: mettere in campo tutta la forza del PD per votare nella primavera del 2012.
    Ma non perché molto probabilmente il PD avrebbe vinto le elezioni, ma perché quella sarebbe stata la scelta migliore per l’Italia, perché quando ci sono dei problemi, è la politica che deve risolverli.
    Del PCI si diceva che fosse un partito guidato da intellettuali che vivevano come operai. Se vuoi rappresentare qualcuno, devi essergli vicino anche nel modo di vivere, devi “indossare i suoi mocassini”. Non puoi guadagnare venti, trenta, quarantamila euro al mese, perché non potrai mai e poi mai sapere cosa pensa quello che deve mantenere una famiglia con un ventesimo del tuo reddito e con la paura di perdere pure quello.
    Se proprio c’era da spaccare il PD, l’avrei fatto un anno fa e avrei fatto pulizia di tutti quei dirigenti che nel PD non hanno creduto e non ci credono.
    Avrei preteso che ex DS e ex Margherita facessero confluire i loro patrimoni nel PD, perché altrimenti si prendono in giro gli iscritti e i militanti.
    Non c’era da “edulcorare” alcun messaggio. Bisognava soltanto modificare radicalmente i comportamenti.
    Avrei eliminato il sistema di tesoreria unica per gli enti locali, per pagare i cosiddetti debiti della pubblica amministrazione. Quanti sanno che i soldi che i Comuni e le Province incassano finiscono su un conto bancario infruttifero che fa cassa non per loro, ma per lo Stato?
    Avrei modificato radicalmente la governance delle fondazioni bancarie, che raccolgono milioni e milioni di euro dei cittadini e li distribuiscono secondo logiche che definirle clientelari è un eufemismo.
    Avrei sciolto le finte cooperative che pagano i lavoratori la metà di quello che spetta loro.
    Di cose da proporre e da fare ce n’erano e ce ne sono migliaia.
    Invece cosa ha fatto il PD e il suo segretario in particolare?
    Prima ha detto di essere arrivato primo ma di non aver vinto.
    Poi ha cercato di fare un governo, non si sa bene con quale maggioranza. L’ha chiamato “governo del cambiamento”, senza capire che il primo cambiamento da proporre stava proprio nel candidato premier.
    Poi, dopo un mese, ha abbandonato la partita perché si doveva eleggere il presidente della repubblica.
    Prima ha proposto Marini, in accordo con il PDL.
    Trombato Marini, ha preso la strada opposta, proponendo Prodi, in aperto contrasto con il PDL.
    Poi ha rieletto Napolitano, senza spiegare per quale motivo Napolitano dovrebbe riuscire a fare oggi quello che non è riuscito a fare ieri, cioè un governo. Perché adesso Napolitano può sciogliere le Camere? Ma tutti dicono che non bisogna assolutamente andare a votare, quindi il motivo non può essere quello.
    Il motivo vero, forse, è che anche questa crisi è “eteroguidata”, cioè c’è qualcuno fuori dai nostri confini che ha fornito qualche “dritta” per sciogliere una matassa inestricabile.
    La mia opinione rimane sempre quella: emigrare.
    P.S.: se vorrete venire dalle mie parti a farvi un goccetto di gutturnio o di ortrugo, siete i benvenuti… :mrgreen:

    Commento di aquilanonvedente | 21 aprile 2013 | Rispondi

    • io a TE ti darei il Nobel (di non so che cosa… devo ancora decidere….).
      Più che d’accordo. Purtroppo la vedo anche io in questo modo e non mi consola molto.

      P.S.: dato che ti ho proposto per il Nobel vuoi non offrirmi un gutturnio o un ortugo? Ma mica un goccetto. Allunghiamo il braccino ogni tanto…. che a me un goccino non mi fa un fabbo di niente. Donna sarda sono… :mrgreen:

      Commento di Maria | 22 aprile 2013 | Rispondi

  17. Ortrugo ?!? 😯
    Ecchedè ?!?
    Un sugo d’ ortica ?!?
    Una rughetta orticata ?!?
    E’ un vino all’ ortica ?!?
    CHEDE’ ?!?
    Ah … voi parapadani in veste di “promessi emigranti” … ne avete di “delizie” a casa vostra ! :mrgreen:

    Commento di cavaliereerrante | 21 aprile 2013 | Rispondi

  18. Quello che “avresti” fatto tu @Aquila e utopia pura. Anche perché avresti dovuto combattere D’Alemaniani, Prodiani, Franceschini, Renziani o Bindiani. Suicidio puro. Poi, è facile dire oggi cos’avresti fatto ieri. Per quanto riguarda la crisi “eteroguidata”….. mi dispiace. Non ho l’abitudine di credere nel dietrologie.

    Commento di Valentino | 21 aprile 2013 | Rispondi

  19. E se c’è anche un piatto di pisarei e fasò…. miam

    Commento di Valentino | 21 aprile 2013 | Rispondi

    • 😛
      il cavaliereerrante mica le conosce queste cose…
      lui è abituato ai rigatoni con la paglia…

      Commento di aquilanonvedente | 21 aprile 2013 | Rispondi

  20. Ahò … voi due parapadani … dechè parlate ?!?
    Si può avere un @traduttore simultaneo ?!?

    Commento di cavaliereerrante | 21 aprile 2013 | Rispondi

  21. Sono cose che si assaggiano caro @Cavaliere…. non si traducono….

    Commento di Valentino | 21 aprile 2013 | Rispondi

    • giusto
      buonanotte

      Commento di aquilanonvedente | 21 aprile 2013 | Rispondi

      • io sono sarda ma qando si tratta di mangiare e bere… capisco qualsiasi lingua e qualsiasi daletto!!! 😉

        Commento di Maria | 22 aprile 2013 | Rispondi

  22. buonanotte 🙂

    Commento di Luisa | 21 aprile 2013 | Rispondi

    • buonanotte 😛

      Commento di aquilanonvedente | 21 aprile 2013 | Rispondi

    • Altro che buonanotte. Ora che ho visto la foto…. scendo in cucina…. ho un piccolo languorino… slurp

      Commento di Valentino | 21 aprile 2013 | Rispondi

      • piatto leggero leggero prima di andare a letto… o mi sbaglio? Ma magari porta conforto e porta consiglio.
        Notte a tutti. Qui temporale, pioggia e freddo e io me ne vado nel lettone a cercare un po’ di sonno.

        Commento di Maria | 22 aprile 2013 | Rispondi

  23. Magari Bersani preso singolarmente non è neanche male, ma manovrato da D’Alema ha dato un’immagine di sé davvero penosa.

    Commento di kylie | 23 aprile 2013 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: