Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Perché (penso) che Bersani stia sbagliando strategia elettorale

bersaniCerto, io non sono sicuramente un guru delle campagne elettorali, quindi la mia opinione vale per quel che vale.

Penso che il PD, e Bersani in particolare, stiano sbagliando strategia elettorale, su due punti in particolare.

Primo: Bersani ha sposato la teoria del cosiddetto voto utile: chi non appoggia (cioè non vota) per il PD, fa un favore a Berlusconi. La teoria del voto utile è sempre stata – e ancora lo è – appannaggio di Berlusconi. Ovviamente viene giustificata con l’esigenza di avere un solo e chiaro partito vincitore, che non debba andare a mendicare voti ad altri partitini più o meno rompicoglioni. Orbene, se i due maggiori partiti volevano effettivamente questo, bastava che approvassero una leggere elettorale di stampo maggioritario puro, il che, tradotto in soldoni, vuol dire: in ogni collegio elettorale viene eletto parlamentare il candidato che prende più voti. Punto. Questo sistema elettorale convoglia i voti (e i seggi) verso i partiti maggiori, che in genere sono due, uno di destra e uno di sinistra (e finiamola con ‘sto centrodestra e centrosinistra, che ce li abbiamo soltanto noi in Italia). Senza bisogno di doppi turni, come propone Bersani: il doppio turno apre un mercanteggiamento asfissiante. Le eventuali alleanze vanno fatte prima. Nella cosiddetta Prima Repubblica, la DC e il PCI, che erano i due maggiori partiti di governo e di opposizione, non si sono mai sognati di sbandierare la teoria del voto utile.

Secondo: ho espresso in tempi non sospetti la mia allergia nei confronti di Renzi, ma non capisco per quale motivo oggi il PD non lo utilizzi nella campagna elettorale. Se è vero (ed è vero) che Renzi nel corso della sua campagna elettorale per le primarie ha raccolto consensi al di fuori dell’elettorato tradizionale del PD e se è vero (ed è vero) che Renzi è rimasto a far parte del PD, allora non si comprende proprio per quale ragione il partito non lo metta a frutto (con il suo consenso, ovviamente) anche in questa campagna elettorale. Questa cosa non la si comprende, maremmamaiala… E’ come se dovessi fare una corsa e indossassi una scarpa sola.

Ecco, questi sono i modesti dubbi di un modesto osservatore…

Musica!

17 gennaio 2013 Posted by | Politica, Storie ordinarie | | 17 commenti