Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Se me lo dicevi prima…

A volte mi sembra di essere l’uomo del “Accidenti! Se me lo dicevi prima…

Con le varianti del “Se arrivavi prima…“, “Se t’avessi visto prima…“, “Se t’avessi conosciuto prima…

Non so se avete presente: quello che sembra che arrivi sempre un pelo troppo tardi. Che se invece fosse arrivato un pelino prima, la sua vita sarebbe cambiata da così a così.

L’eterno secondo (quando a gareggiare si è in due, però…).

Il fratello sfigato.

Insomma, mi sembra quasi di stare mangiando pane e cicoria di rutelliana memoria (quando il pane sta finendo, però…)!

P.S.: che poi, a questi qui, sono loro ad essere arrivati in ritardo! Perché se io fossi arrivato prima, loro mica ci stavano!

Se me lo dicevi prima…

26 giugno 2012 Posted by | Un po' di me | | 29 commenti

Tanto per rassicurare che esisto ancora…

Continuiamo a suonare,
lavorare in citta’
noi che abbiamo un po’ paura
ma la paura passera’
siamo tutti in ballo,
siamo sul piu’ bello
in un acquarello che scolorira’,
che scolorira’.

(ACQUARELLO)

19 giugno 2012 Posted by | Un po' di me | | 53 commenti

Ma l’Italia non è l’Italia…

Prima è toccato all’Irlanda e tutti a dire: ma l’Italia non è l’Irlanda!

Poi è toccato al Portogallo (a proposito, ma che fine ha fatto il Portogallo?) e tutti a dire: ma l’Italia non è il Portogallo!

Poi è toccato alla Grecia e tutti a dire: ma l’Italia non è la Grecia!

Ora tocca alla Spagna e si sente dire: ma l’Italia non è la Spagna!

Quando toccherà a noi (fra pochissimo) tutti diranno: ma l’Italia non è l’Italia!

😕

Non ci resta che piangere…

(ed emigrare il prima possibile)

12 giugno 2012 Posted by | Politica | | 46 commenti

Ray

Bradbury è anzitutto scrittore dell’uomo, del singolo essere umano con le sue paure, speranze, fobie, rimembranze, emotività e tutto il resto, sempre includendo i lati peggiori e migliori dell’essere umano, sempre senza scordare che nell’uomo esistono costantemente, in ogni istante della sua vita, due distinte e opposte pulsioni: quella verso il passato e quella verso il futuro.

Gianni Montanari – Introduzione a “34 racconti” di Ray Bradbury, Oscar Mondadori 1984

6 giugno 2012 Posted by | Libri, Storie ordinarie | , | 5 commenti

Il chiodo fisso

C’è che mi sono accorto di essere arrivato alla bell’età di cinquant… anni (     😎     ) e di non essere in grado di affrontare un chiodo fisso.

Cioè, non ho mai sviluppato alcuna autodifesa nei confronti dei chiodi fissi, forse perché prima d’ora non ne ho mai avuti. O se li ho avuti, se ne sono andati da soli.

Questo qua invece è subdolo, perché mi lascia fare e disfare, ma sta sempre lì pronto ad assalirmi quando abbasso un attimo la guardia.

Recentemente però ho fatto una cosa. Non so se sia quella giusta, però l’ho fatta.

Stiamo a vedere…

Clic!

(E ora voglio proprio vedere…)

4 giugno 2012 Posted by | Storie ordinarie, Un po' di me | , , | 29 commenti