Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Ma però, a me mi sembra che…

Sto leggiucchiando qua e là un vecchio libro del compianto Aldo Gabrielli.

Trattasi di un Oscar Mondadori del 1977, talmente invecchiato che ogni pagina che si gira, si stacca dalle altre. Alla fine rimarrò con un fascio di fogli in mano, racchiusi in una copertina.

Lettura godevole, proprio perché soltanto chi conosce a fondo una materia può permettersi di giocarvi e di tradurla in linguaggio comprensibile anche ai neofiti (in senso lato).

Orbene, imbattommi nei capitoletti dedicati al “ma però” e al “a me mi“.

Ma però non è errore, come molti credono e come nelle scuole si continua a ripetere, non è neppure una inutile ripetizione. E’ una semplice locuzione avverbiale rafforzata che dà un tono particolare al discorso. Strano che non si discuta mai su altri rafforzamenti consimili, come ma invece, mentre invece, ma tuttavia, ma nondimeno, ma pure. Viene usato da autori classici e contemporanei.

A me mi: altra espressione da sempre condannata nelle scuole. Non è errore, non è da segnare con matita blu, e nemmeno con matita rossa (notare la virgola prima della “e” – ndr). Anche qui si vuole dare alla frase un’efficacia particolare, un particolare tono. Il mi pleonastico ha un chiaro valore rafforzativo. Non è un costrutto inventato oggi: è stato usato dai classici e addirittura da accademici della Crusca. Analogamente, sono anche corretti i costrutti “lo so che a te non ti va questa faccenda” e “a voialtri non vi dirò più niente“.

Quindi, dopo aver chiarito la questione, posso esprimere liberamente il mio pensiero: ma però, a me mi sembra che non sia tutto oro quello che luccica. Anzi…

Annunci

11 marzo 2012 - Posted by | Libri, Manate di erudizione | ,

15 commenti »

  1. Un commento, @Aquilacruscheggiante ?!?
    Te ne lascio “tre”, se permetti :
    1) @Aldo Gabrielli E’ UN GRANDE STUDIOSO DELLA BELLISSIMA ( E MARTORIATA ) “LINGUA ITALIANA”, ed il fatto che Tu lo rilegga e lo commenti … onora la tua fama di “scrittore” parapadano . 😀
    2) Poichè, tuttavia, la lingua italiana è oggi un mare tanto sconosciuto quanto poco praticato … facendo Tu rinascere dalle ceneri questo emerito Professore, corri il rischio di essere preso, letteralmente, “a ombrellate in testa” ! 😯
    3) Il @Bologna ha vinto a Roma stracciando la Lazio ( addirittura giocando in nove … ), ma la vecchia ( e artritica ) ex “signora del calcio italiano” ( “signora” s’ intende prima di essere braccata dalla Buoncostume … ) comincia a mostrare la corda, non ostante il tuo ( finto … ) “tifo” per i colori bianco-neri ! :mrgreen:
    @Bruno …
    Ps. Come va “Bìbulo II – A volte ritornano” ?!? Mi raccomando @Mauro : sposta l’ accento acuto sulla “i” …. L’ altro anno, ogni volta che a Roma entravo in una libreria dicendo “Vorrei acquistare il bel libro, scritto da un mio amico, intitolato “E se vinceva Bibùlo?” …. ce l’ ha ???” … invariabilmente mi raggiungeva una battutaccia da qualcuno dei presenti che, per finezza, qui non ripeto !

    Commento di cavaliereerrante | 12 marzo 2012 | Rispondi

    • Ahahahahhah…a Brù, ma che c’azzecca il punto 3??
      E poi aggiornati, oggi si compra tutto sul web! 🙂

      Commento di Rory | 12 marzo 2012 | Rispondi

      • Ah ah ah ah …. non lo sapevi ?!? 😆
        @Aquilanonvedente tifa col cuore :mrgreen: per il @Bologna, mentre @Aquilapiucchevedente tifa …. ehmm …. con la ragione 😯 per la @Juve, senza far torto alla @romanisti, che sovente ama sfruculiare ! 😀

        Commento di cavaliereerrante | 12 marzo 2012 | Rispondi

  2. Che poi, è l’uso che fa la lingua, e non viceversa. Purtroppo o per fortuna. 😉

    Commento di Diemme | 12 marzo 2012 | Rispondi

  3. Io non le userei queste espressioni in ogni caso.

    Buon lunedì!

    Commento di Kylie | 12 marzo 2012 | Rispondi

  4. “a me mi…” non si può sentire, nonostante ciò che dicano i professoroni dell’Accademia della Crusca.
    E poi dal 1977 (anno davvero bello perchè vi ha regalato me :mrgreen: ) la grammatica sarà cambiata e migliorata, no?

    Commento di anto | 12 marzo 2012 | Rispondi

  5. “A me mi” fa comunque schifo da leggere… 😉 Ma visto come scrivono le nuove generazioni con k da tutte le parti ed altri obbrobri, diciamo che si può considerare un errore minore…

    Commento di Giulio GMDB | 12 marzo 2012 | Rispondi

  6. Vedi che si ricollega al ragionamento che facevo io l’altro giorno?
    C’è sempre tanto da imparare.
    Questo è uno degli aspetti che mi affascina della vita.
    Aldo Gabrielli è stato un grande, senza ombra di dubbio.
    Tanto di cappello, insomma.
    Io a volte uso “a me MI…” ma lo faccio proprio come una forzatura e dentro di me sono convinta che sia un errore. Quasi per scherzo, insomma. Quando voglio sottolineare un qualcosa, direi.
    La lingua è un mondo favoloso e affascinante… accidenti…

    Commento di maria | 12 marzo 2012 | Rispondi

  7. Con “A me mi” e “ma però” ci hanno fatto una capa tanta che oramai andiamo in shock anafilattico al solo sentirli però… però diciamo che se nel discorso sono un po’ più staccati viene quasi spontaneo ripeterli.

    Per esempio, “A me, questa storia che lui l’andava sempre a prendere a saliva a casa con lei non m’è mai piaciuta” suona più naturale che “”A me questa storia che lui l’andava sempre a prendere a saliva a casa con lei non è mai piaciuta”, non vi pare?

    Commento di Diemme | 12 marzo 2012 | Rispondi

  8. Ma perbacco!
    Lo dicei che vossia sembreremmi preparato.

    Le regalerebbi un e-reader, ma però, il costo è ancora assai salato.
    Attendebbimo un altro tempo e..un altro stato.
    Ciao prof! 🙂

    Commento di Rory | 12 marzo 2012 | Rispondi

  9. @Aquila caro ( o cara “per concordanza” ?!? Boh … ), se non mi tacci di “dottomania o glottofilìa” 😯 , devo dire che, pur nei limiti della mia glotto-cultura ( autentici, aspri baluardi 😯 che non riesco, talvolta, a valicare … 😐 ) e nell’ ammirazione assoluta del Prof. @Aldo Gabrielli, ha ragione @Diemme=7, che non disdegna, ove si distacchino opportunamente le due allocuzioni, l’ uso dell’ inverecondo “a me mi” . 😀
    Infatti, se si considera “a mi”, anzichè complemento di termine, come un “complemento di limitazione o di argomento” ( nel senso di “a me” = quanto a me, per quanto mi riguarda …. ) ed il “mi” invece come complemento di termine, non è passibile di “ombrellate in fronte”, a chi lo pronunci e lo scriva, il dire o scrivere “per quanto mi riguarda, mi sembra che tu stia sbagliando”, oppure “quanto me, mi piace il gelato al pistacchio” . :mrgreen:
    Gli antichi @Greci, ad esempio, per dire “a me mi sembra che …. “, non di rado scrivevano “Perì emù dè emòi dokèi òti … intendendo appunto esprimere “quanto a me, mi sembra che … ” . Nei classici latini, invece, l’ uso della doppia allocuzione, non l’ ho mai trovata, e nemmeno nei classici scrittori italiani, se non quando volevano metterlo in bocca a personaggi di cui volessero sottolineare la scarsa dimestichezza con la lingua italiana .
    Quanto all’ uso di “ma però, ma invece … “, pur corretto grammaticalmente, lo trovo francamente brutto, cacofonico insomma ( da “kakòs” = brutto, cattivo + “fonè” = suono ), con buona pace del grande glottologo che, virtuosamente, ci hai riproposto all’ attenzione con questo tuo post, che “a me mi” sembra uscito dall’ Accademia della Crusca, se non dalla Scuola dell’ Arcadia ! 😀
    Un abbraccio … @Mauro, ed i miei più affettuosi saluti all’ Ing. @Pxxxxx, del quale @Dante ebbe a scrivere “più l’ ingegnere potè lo scrittore”, come dire “più che l’ uom potè il rapace” ! :mrgreen:

    Commento di cavaliereerrante | 13 marzo 2012 | Rispondi

  10. E’ che voi siete una compagnia di conservatori! 👿
    Scherzi a parte, è opportuno fare una piccola precisazione.
    Il Gabrielli scrive che queste due locuzioni non sono da qualificare come errori. Quante volte anch’io a mia figlia, dopo un “ma però” ho obiettato: “non si dice”. Sbagliavo, così come sbaglia la maestra quando lo segna errore. Gli errori grammaticali sono ben altra cosa.
    Altra questione è che queste due locuzioni “suonino male” nello scritto e nella lettura. E questo ci sta. Lo stesso Gabrielli a proposito del “a me mi” scrive che sarebbe bene evitarlo, soprattutto in ambito scolastico. Ma un conto è dire “foneticamente non suona bene”, un altro conto è dire “è un errore”.
    Ultima questione è invece quella del parlato. Queste due locuzioni – soprattutto la prima – si usano spesso, soprattutto da parte dei bambini, i quali applicano meccanicamente la regola del rafforzamento: “a me non mi piace”, cioè sottolineano che quella cosa lì non è proprio di loro gradimento.
    P.S.: comunque siete conservatori… :mrgreen:

    Commento di aquilanonvedente | 13 marzo 2012 | Rispondi

  11. Conservatori … a me e a @Diemme ?!?
    A ME E A @DIEMME ?!? 😯
    E CE LO DICI TUUUUUUU, UNO “SCRITTORE DI FAMAAAA PARAPADANAAAAAAAA” ?!?
    Chette possino ….. atte, @Aquilacecata …. a te ed ai parapadani tutti ! :mrgreen:
    Eccheccachio !
    Per me, au contraire, la lingua è come un albero nel rigoglìo dello sviluppo : se dalle radici ben interrate e “sane”, non crescesse un fusto robusto che ramifichi e verdeggi di foglie sempre-nuove, quell’ albero monco sarebbe buono solo per far legna …. e finirebbe presto per scomparire ! Così una lingua, se trascurando l’ evoluzione di chi la parli o scriva, la si riduca a “copia clonata del passato”, ma un conto è fortificare, rinsaldare, innestare, far sviluppare di nuova linfa una lingua, ad essa armonizzando neologismi ma mantenendo scrupolosamente le regole della grammatica, della sintassi e dell’ eufonetica, altra cosa è, per rimanere alla metafora dell’ albero, appiccicare ‘con lo sputo’ ai rami ogni fogliaccia raccattata supinamente per la strada e – peraltro – ‘sdimenticandosi’ allegramente ( o ‘somarescamente’ …. 😦 ) della sua grammatica e sintassi, oltre che della cultura dinamica ( e cioè attuale ed in evoluzione ) che esprime, e della sua bellezza che altre lingue, ahiloro, non hanno !
    Mi sa tanto, caro amico, che sul tuo comodino – accanto alla DIVINA COMMEDIA di un certo @Dante ed al famoso capolavoro “E SE VINCEVA BIBULO” che allietano le tue notti insonni, Tu debba “di corsa” metterci “anche” I PROMESSI SPOSI di un certo @Manzoni ….. Se ne avvarrà il famoso scrittore parapadano aquilehggiante ….. e …. ehmm …. le ossa di quell’ austero milanese che, alla bellezza ed alla grandiosità della Lingua Italiana, eresse un Monumento che non pochi scrittori, italiani o stranieri, DOVREBBERO studiarsi attentamente, per constatare ‘de visu’ cosa sia lo stile, e quali emozioni conferiscano alla storia narrata le carezze struggenti a quella stessa lingua con cui essa fu narrata “a tutti/a tutte” !!! 😀
    @Bruno ….

    Ps. Hai salutato per me il mitico Ing. @P ?!?

    Commento di cavaliereerrante | 13 marzo 2012 | Rispondi

    • Te volevo ricorda’ che er Manzoni s’è da tempo conquistato un posto stabbile tra i classici e sta sullo stesso rippiano de Dante, Leopardi, Foscolo, Verga, ma anche Cechov, Bulgakov etcetera etcetera… 🙂
      Piuttosto, già che ce semo, ho visto or ora che la giallorossa ha stretto un accordo con la Disney, affinchè Paperino, Topolino, Minnie, Pluto etc. etc. facciano i tifosi romanisti.
      Ettevolevobenvedere!!! A ME MI SA CHE MA PERO’ se nun c’avete quelli, chi è che tifa per una squadra (beh, squadra…) che sta praticamente a metà classifica, mentre la maggica se ne sta incollata a uno sputo al Milan? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

      Commento di aquilanonvedente | 13 marzo 2012 | Rispondi

  12. Uhm …. ahm … e ehmm … quella “maggica” …. è …. ommioddio …. la @juve ?!? 😯
    La vecchia ‘zebrona’ è riuscita, …. cci sua! … a svincolarsi dalle manette della @Buoncostume ?!?
    E’ lei che se ne sta incollata ad ‘uno sputo’ dai rossoneri dell’ eccellente duo @berlusca&galliani ?!? 😯
    Mica mi meraviglia … sai ?
    ‘Sta cacchio di @Buoncostume fà acqua da tutte le parti, da qualche anno …. e speriamo che @Monti rifondi ‘ex novo’ l’ intero reparto …. qui circolano a ‘piede libero’ elementi come @brunovespa e @giulianoneferrara che, ai tempi prima della @Merlin …. se ne starebbero rintanati nei loro lupanari del 3° ordine scaduti di rango, altro che tv ! :mrgreen:
    Quanto alla @Magggggika D.O.C.C.G. …. stiamo al 6° posto 😀 a pochi puntarelli dalla squadra del @berlusca …. e mancano ben “dodici giornate” ( …. diconsi “trentasei puntoni” ancora in palio ) alla fine del campionato …. che ti sei scordato gli aforismi del tuo corregionale glottologo, il Prof. @Trabbattoni ???
    NON DIRE GATTO, SE NON L’ HAI NEL SACCO !!! :mrgreen:
    Quanto ai fans … disneyani della nostra benemerita … ben vengano a godersela seconoi, ma attenzione a @Minnie : fossi in te, e visti i precedenti, non dormirei sonni tranquilli …. di questi tempi !
    @Bruno ….
    Ps. Ottima … la pila di libri sul tuo comodino, ma ti sei dimenticato – ahè te lo ricordo senza sussiego, eh ? … ma così …. alla buona – il buon Ing. @CarloEmilioGADDA, un altro padano …. cacchio !!! 😀

    Commento di cavaliereerrante | 13 marzo 2012 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: