Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Qui non si tocca!

Ho trovato molto interessante questo articolo, con relative citazioni e pubblicazioni.

Anche se sull’articolo di Baldoni e sulla sua lettura della sessualità maschile, qualcosa da obiettare l’avrei.

Ma in questo periodo sono mooooooooooooolto impegnato!

P.S.: ricordo che da bambino, in vacanza da alcuni zii, pure io un’estate sono stato molestato da un altro bambino più grande, forse già adolescente, vicino di casa. Ovviamente non è successo niente di “eclatante”, non ricordo di averne parlato con altri e non ricordo nemmeno minacce o cose simili. Fino a uno o due decenni fa ricordavo il nome di battesimo dello stupidone, ora mi sono dimenticato pure quello. Forse è vero che la cosa mi ha segnato, perché la categoria dei pedofili proprio non la sopporto!

Lo so che non è usuale confessare una cosa simile via blog, ma tant’è… Mi perdonerà Bibùlo se gli ho sottratto qualche minuto del mio tempo, che ultimamente viene dedicato quasi esclusivamente a lui.

PP.SS.: quello della foto è Aragorn, uno dei protagonisti principali de Il signore degli anelli di J.R.R. Tolkien, nell’interpretazione di Viggo Mortensen nel film di Peter Jackson.

Annunci

7 marzo 2012 - Posted by | Guerra al terrore, Libri, Sani principi | ,

16 commenti »

  1. Hai ragione. E’ davvero molto interessante. C’è sempre qualcosa da imparare, questa è una mia convinzione che si rafforza ogni giorno di più.

    Sul fatto che sia più facile confessare su un blog… io lo capisco perfettamente. Anche a me è capitato di parlare di argomenti tosti, per me. E parlarne per certi versi mi ha aiutato a vedere le cose con spirito più distaccato e con meno sofferenza.

    Per quanto riguarda la pedofilia, ho solo un ricordo abbastanza chiaro. Da bambina una sera stavo portando il mio cagnetto a passaggio e incontrai il tipico uomo in impermeabile che mi si piantò davanti e aprì l’indumento. Aveva i pantaloni ma erano sbottonati e… insomma. Scappai a gambe levate e tornai subito a casa. Ma non dissi niente a nessuno. Forse mi vergognavo, non lo so.

    Buon bibùleggiamento…

    Commento di maria | 7 marzo 2012 | Rispondi

    • A confronto di quello che accade oggi, il tipo che apre l’impermeabile appare quasi ridicolo, anche se capisco che per una bambina non deve essere piacevole.
      Ma non potevi aizzargli contro il cane?

      Commento di aquilanonvedente | 9 marzo 2012 | Rispondi

      • Hai ragione, a posteriori avrei potuto anche farlo. Ma l’istinto mi ha fatto scappare. Non ero distante da casa ma mi sono sentita “in salvo” solo una volta entrata dentro il portone.
        Io credo che atti terribili di pedofilia si siano sempre verificati.
        Solo che ora se ne parla. Li si denuncia. Mentre un tempo era prassi tacere.

        Commento di maria | 9 marzo 2012 | Rispondi

  2. Anch’ io, qualcosa da obiettare con @Enzo Baldoni …. ce l’ avrei, @Aquilanonvedente, ma agli “@Angeli Custodi” ( quelli veri in carne ed ossa, come @Enzo o @Gianni Rodari o altri … ) cosa mai potremmo rimproverare ?
    Di aver conservato dentro, con pulita magia, l’ innocenza e la fantasia dei bambini ?
    O di essere stati, sempre, dalla parte giusta, pure quando i capelli inargentavano e le infamie della violenza insanguinavano il mondo ?
    O di aver volato basso, rasentando il terreno, per meglio stare fra la gente ed aiutarla in volo ?
    Sono passati quasi “otto anni” ( se ben mi ricordo … ) da quando le povere spoglie insepolte di questo grande ‘free-lance’ – che amava la vita, la gioia e l ‘avventura – furono ritrovate in circostanze mai chiarite …. e la fretta consumistica, ahinoi cinicamente immemore, ne ha già cancellato il ricordo presso chi ama il lutto rapido in voga sui mass-media, eppure non poco di lui resta, nei fumetti o nei suoi articoli di inviato speciale o di pubblicitario o di “piccolo scrittore”, nelle sue azioni di volontariato, nei suoi viaggi di ricerca del senso della vita o nella blogsfera stessa, essendo stato @Enzo fra i primi ad utilizzare il blog come strumento di comunicazione e/o confronto .
    Dunque, @Mauro, grazie …. per avercelo ricordato Tu col tuo stile, nulla avviene mai “per caso” !
    @Bruno …

    Commento di cavaliereerrante | 7 marzo 2012 | Rispondi

    • Baldoni è morto il 26 agosto 2004, un giorno particolare in un periodo particolare della mia vita.
      Era il periodo delle decapitazioni, quello…

      Commento di aquilanonvedente | 9 marzo 2012 | Rispondi

  3. Sull’argomento della pedofilia io consiglio un film visto qualche anno fa (uscito nel 2004).
    Un bellissimo film a mio avviso.
    Da vedere.

    http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=35485

    Commento di maria | 7 marzo 2012 | Rispondi

    • Ne ho sentito parlare, ma non l’ho visto.
      Quando ho tempo, recupererò.

      Commento di aquilanonvedente | 9 marzo 2012 | Rispondi

      • Se ti capita di vederlo, poi dimmi cosa ne pensi.

        Commento di maria | 9 marzo 2012 | Rispondi

  4. Un argomento difficile da trattare di sicuro.

    Bacio

    Commento di Kylie | 7 marzo 2012 | Rispondi

  5. Questo progetto lo conoscevo anche se ammetto di non aver mai trattato l’argomento con i miei bambini. Almeno non direttamente. E’ un pò tosto. 🙂

    Commento di Rory | 8 marzo 2012 | Rispondi

    • Manco io l’ho ancora fatto, perché forse come tutti (o tanti) penso di essere al sicuro da questo problema, di riuscire a vigilare, a captare le stranezze. Purtroppo non sempre è così.

      Commento di aquilanonvedente | 9 marzo 2012 | Rispondi

  6. Io a mia figlia ne ho parlato e, per quanto abbia cercato di essere rassicurante, aveva molta paura e non vedeva l’ora di crescere: forse però la colpa di tutta quest’ansia non è stata mia, ma di tutto quello che si sentiva in giro.

    Pare che quasi nessuno sia immune da un’esperienza da bambino almeno di un tentativo. Io sicuramente ho incontrato il mio bravo pedofilo lungo la via, e non sapevo assolutamente niente: meno male che capì l’antifona e, dopo un po’ di domande maliziose, si dileguò.

    Commento di Diemme | 8 marzo 2012 | Rispondi

  7. Sfido tra noi chi non ha mai ricevuto attenzioni del genere, Aquila… Anche io le ho “ricevute”, dalla sorella della mia amica del cuore, più grande di me di circa 3 o 4 anni. Anche qui, niente di eclatante, qualcosa di molto soft… Da lei però, ho imparato cosa volesse dire “masturbazione” e ad un età mooolto giovane. Avevo 8 anni.
    Niente traumi, niente rimorsi… Anche perchè non l’ho fatta durare molto. E siamo tutt’ora amiche.
    Non so come sono riuscita a quell’età a capire che dovevo smetterla. Che non erano “cose da fare”. I miei, a parte non nascondermi il giornale Duepiù, che leggevo spesso, non mi hanno mai preparata a niente del genere. Ci sono arrivata da sola.
    Ma forse sono cresciuta negli anni leggermente migliori, rispetto ad oggi. Poco sesso in tv, niente internet, solo Duepiù e Lando. :mrgreen:

    Commento di mapina69 | 9 marzo 2012 | Rispondi

  8. Diemme e mapi: è vero, forse pochi non hanno ricevuto questo genere di attenzioni “da bambino”, ma forse ai tempi della mia giovinezza (che comunque si colloca dopo la seconda geurra mondiale :mrgreen: ) le cose erano un po’ meno pericolose.
    Ricordo che nella mia via abitava uno di questi tipi. Il messaggio chiaro e inequivocabile che mi arrivava dai miei genitori era molto semplice”: “stanne alla larga”. In un certo senso, ricordato con il senno di poi, mi sembrava anche patetico nei suoi tentativi di adescamento dei bambini (preferiva indubitabilmente i maschi) e comunque non si è mai sentita notizia di violenze (se perché non vi furono o perché vennero nascoste, questo non sono in grado di dirlo).
    Poi c’erano invece quelli di buone e ricche famiglie che pagavano gli adolescenti per prestazioni sessuali, se così vogliamo definirle, “leggere”. Alcuni di loro lo raccontano ancora oggi.

    Commento di aquilanonvedente | 9 marzo 2012 | Rispondi

  9. mi trovi su quattroamicialbar2.blogspot.com

    Commento di raperonzola54 | 11 marzo 2012 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: