Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Posti in piedi in paradiso

Beh, chevvolete chevvidica? A me Carlo Verdone è sempre piaciuto, con i suoi personaggi un po’ strampalati e le sue storie lievi.

Quando voglio passare un paio d’ore serene, con i suoi film vado a colpo sicuro.

Echissenefrega se i finali ultimamente possono apparire un po’ melensi. Nella vita i lieto fine sono così rari, almeno nelle storie inventate lasciamoceli, no?

In questo film si prende spunto dalla convivenza forzata nello stesso appartamento di tre mariti-padri separati e in difficoltà economiche, a causa dei loro obblighi di mantenimento di figli ed ex mogli o amanti.

Questa situazione sfocia in una serie di episodi tragicomici, a mio parere ben interpretati sia dai protagonisti, sia dai personaggi di secondo piano.

Marco Giallini interpreta bene la figura del cialtrone scapestrato, mentre Pierfrancesco Favino abbandona le arie da “divo” e si cala in un personaggio alquanto realistico.

Ottima anche l’interpretazione di Micaela Ramazzotti.

Alla fine i tre “sfigati” riusciranno a riannodare in parte i fili slacciati delle loro vite e si esce dal cinema con una piccola iniezione di ottimismo, che di questi tempi non fa mai male.

4 marzo 2012 Posted by | Film | | 17 commenti