Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Chiedo il minimo: non essere preso per i fondelli

E ammetterete che ho usato un notevole feirplei

A cosa mi riferisco? Alla nostra disastrosa situazione politica, ovviamente. Perché fare politica è un po’ come andare in bicicletta: una volta che hai imparato, è per sempre e il fiuto per le prese per il culo rimane (il feirplei è durato pochino…).

Allora, facciamo il punto: Berlusconi è finito? Può darsi, fosse per me sarebbe finito già da anni, ma tant’è. Quello di cui non sono convinto è che sia finito anche il berlusconismo.

Se questo è vero, occorre fare quello che si fa in tutti i paesi seri: andare alle elezioni. Se è vero che siamo in una situazione di emergenza, adottiamo soluzioni d’emergenza: si vada a votare fra un paio di mesi, all’inizio di gennaio. Due mesi sono più che sufficienti per preparare le elezioni, non c’è bisogno di aspettare sei mesi, un anno o un anno e mezzo.

Se è vero che siamo in una situazione di emergenza, per affrontarla la politica deve avere il sostegno della gente. E il sostegno si misura soltanto con il voto: chi vince ce l’ha, chi perde no.

Si dice: ma siamo in emergenza e quindi serve un governo di emergenza.

Va bene, se serve lo si faccia pure, ma soltanto dopo che sono state indette le elezioni a gennaio, per il tempo necessario per evitare che il puttaniere faccia altri danni. Non un giorno di più.

Si dice: dobbiamo fare decantare la situazione con un governo tecnico.

Cioè, fatemi capire. Allora la politica scende in campo soltanto quando le cose vanno bene? E’ come se il vostro meccanico vi dicesse: portami l’automobile solo se funzione. Se si rompe, non portarla da me.

“E che devo fare se si rompe?” gli chiedereste voi.

E quello alza le spalle: “Boh… – vi risponde – magari chiama il concessionario, così la butti e ne compri una nuova.”

Ecco, noi siamo nelle stesse condizioni: c’abbiamo dei politici che nel momento di difficoltà di tirano indietro, salvo poi lamentarsi che la gente si allontana dalla politica.

Pazzesco…

La realtà è molto più semplice: l’opposizione non è in grado di mettere in piedi un’alternativa a questo governo da operetta. Spera di prendere tempo affidando a qualche tecnico il compito di togliergli le castagne dal fuoco. Il quale tecnico, però, dovrà andare in Parlamento a trovare i voti per fare quello che deve.

Cioè, quello stesso Parlamento di nominati, di inquisiti, di incollati alla poltrona, da un momento all’altro dovrebbe diventare responsabile e appoggiare, senza nulla pretendere in cambio, un governo tecnico che faccia quello che i politici non sono in grado di fare?

Ecco, questa chiamasi presa per i fondelli e questo avrebbe risposto un grande.

Annunci

7 novembre 2011 - Posted by | Politica | ,

27 commenti »

  1. PRIMAAAaaa… d’altronde se mi nomini Totò… come si vede che ti ho influenzato!

    Commento di Godot | 7 novembre 2011 | Rispondi

  2. Sei influenzata? 😐
    Se ti serve qualcuno che ti scaldi i piedi…

    Commento di aquilanonvedente | 7 novembre 2011 | Rispondi

    • No non mi serve… perchèèèè qualcunooo ha detto che hooo dei piedoniiii! 😥

      Commento di Godot | 7 novembre 2011 | Rispondi

  3. Quasi mi turba ammettere che sono perfettamente d’accordo con te.
    Ma al millimetro.
    La sensazione di essere presa per i fondelli insiste e persiste.
    In modo inaccettabile.
    Amor proprio, orgoglio o voglia di sopravvivere?
    Un mix.
    Mi sento in colpa nei confronti delle figlie.
    Le ho messe al mondo in un luogo spregevole, dove è troppo faticoso vivere.
    Ma piangersi addosso non serve a nessuno.
    Anzi, forse a qualcuno serve.
    A chi attualmente ci “governa” (mi viene da ridere o da piangere).
    Ma non esiste un’opposizione che possa meritarsi questo appellativo.
    Caspita….
    Che fare?
    (grandissimo Totò… indimenticabile… e pensavo: ma le nuove generazioni lo conoscono o se o sono perso?)

    si prova a dormire
    sogni d’oro

    Commento di maria | 7 novembre 2011 | Rispondi

    • Credo che occorrerebbe essere chiari con i figli: ci aspetta pane e cipolle. Una cipolla al giorno. Forse qualcuno dirà di volercene dare una e mezza, ma sempre a pane e cipolle saremo.

      Commento di aquilanonvedente | 7 novembre 2011 | Rispondi

      • E’ quello che sto facendo con mie figlie.
        Per lo meno ci provo.
        Però, sinceramente, speravo in qualcosa di meglio per loro.

        Commento di maria | 7 novembre 2011 | Rispondi

  4. Il berlusconismo, è morto ?!?
    Forse ….
    Ma non è morto il “berlusconiferismo” ( il suffisso “ferismo”, termine che deriva dal greco “phèro” = “io porto”, aggiunge alla parola a cui si attacca il significato di “tutto ciò che porta acqua al mulino di …. ), giacchè puntuale, come la cartella dell’ Agenzia delle Entrate quando non si è pagata una bolletta smarrita, o come l’ uscita dell’ uccellino dell’ orologio “a cucù” quando scatta l’ ora, ci arrivano – triti e ritriti, masticati e inghiottiti, digeriti e rimessi fuori “come nuovi” – il malpancismo incolume, l’ agitarsi del ‘dejavù’, l’ attacco irrazionale figlio del nulla e nemico della logica, l’ autoaccusarsi di ciascuno di noi nei confronti dei figli, gli anatemi all’ opposizione al governo “che non esisterebbe” …. e così via procedendo, rifiutandosi – la maggioranza ( ahimè ! ) di noi – al ragionamento pacato, all’ analisi delle cifre, alla riflessione “particolare” ed a quella “generale”, che imporrebbe di valutare ciò che accada in casa, considerando che “casa” non è isolata negli iperborei spazi del firmamento, ma è intarsiata con innumerevoli altre “case” qui giù sulla madre terra, “tutte case” con cui, piaccia o non piaccia, si deve necessariamente interferire .
    Giustamente, @Aquila, parli di “democrazia” e di numeri : bene, la democrazia ed i numeri, benchè “i numeri” siano sporchi, indagati, comprati, assoggettati al padrone, corrotti e corruttori nonchè ripugnanti, dicono ancora ( ahinoi !!! ) che questo sporco governo, questo governo devastatore dell’ etica e della onesta politica, “può esibire”, dopo aver aperto il suo infame portafoglio, un numero di parlamentari tale che l’ oscena sua maggioranza esiste, e dunque – a meno di improbabili dimissioni del @caporione nano – “può governare” (sic!) sfasciando ciò che resta del paese !
    Ma allora, se così stanno i numeri, Tu – e @Maria, che è d’ accordo con te al ‘piconanomillimetro’, ed i tantissimi altri che non si sentano più rappresentati da una opposizione ritenuta imbelle – non di opposizione democratica dovreste parlare, ma di “rivoluzione cruenta”, di discesa in strada con forconi, zappe, armi d’ ogni tipo, materassi e masserizie da trincea, e tutto ciò che serva per far rivivere la forca e la bastiglia, pronti tutti, al canto degli inni di guerra, a scatenare la sacrosanta rivoluzione per spazzare via ogni rigurgito d’ ignavia che ci opprima, altro che lo sberleffo di @Totò !!!
    Quanto alla opposizione, a “questa opposizione di sinistra”, i numeri ( questa volta puliti ed onesti ) amaramente confermano che, oltre il solito terzo dei voti degli aventi diritto al voto, non va, non è mai andata e difficilmente andrà, specie ora che gli egoismi ed il consumismo hanno limato gli ideali che non siano connessi al proprio tornaconto . E, secondo te, cosa dovrebbe fare ???
    Cosa potrebbe fare per scalzare il @nano subito ???
    Ecco : sarebbe opportuno che Tu, @Maria e gli altri che siano d’ accordo con te, ci diciate cosa debba fare, “ora”, il @PD e gli spezzoni che si richiamano ai valori della sinistra, per buttare via al secchione delle immondizie, questa maggioranza bastarda, più di quanto stia facendo, più di quanto si sia visto e udito e partecipato e condiviso sabato scorso a Roma dove, francamente, ho visto una impressionante moltitudine di persone di ogni età e di ogni ceto scendere in piazza ancora con la voglia di dire la sua e di battersi per gli ideali condivisi !
    @Bruno

    Commento di cavaliereerrante | 7 novembre 2011 | Rispondi

    • Mi sembrava di essere stato chiaro su cosa dovrebbe fare ora e subito il PD: chiedere che si vada a votare a gennaio.
      Smascherare il gioco del puttaniere, che invoca le urne soltanto quando è convinto di vincere (e non è questo il caso), oppure quando sa che non si voterà perché gli altri hanno paura di vincere (ed è proprio questo il caso).
      Dopo avere indetto le elezioni, formare un governo tecnico che impedisca, per un paio di mesi, al puttaniere di combinare altri guai.
      Presentare un piano per scovare i capitali frutto di evasione fiscale (ieri sera uno in tv diceva che per scovare quelli in Svizzera basterebbero un paio di mesi, ovviamente se la politica vuole farlo).
      Bloccare le opere inutili e concentrare le risorse sulla scuola, sulla sistemazione del suolo.
      Portare in parlamento una classe politica che sia di esempio ai cittadini, perché è da lì che si parte.
      Devo andare avanti?

      Commento di aquilanonvedente | 7 novembre 2011 | Rispondi

      • Vai avanti… mi piace.
        E’ proprio vero, accidenti.
        In questo momento il PD teme le elezioni proprio perché hanno paura di vincere.
        Di dover fare e dimostrare qualcosa.
        Stare all’opposizione, senza fare nulla, è molto più comoda.
        Ci si espone di meno.
        Molto triste.

        Commento di maria | 7 novembre 2011 | Rispondi

        • Io direi “ci si espone meno”.
          Questo “di” è di troppo, o no? 😀

          Commento di aquilanonvedente | 8 novembre 2011 | Rispondi

          • In questi giorni sei abbastanza insopportabile… 😦

            Ok, c’è un “di” di troppo e anche “comoda” invece di “comodo”.

            Ho preso l’insufficienza, prof? 🙄

            Commento di maria | 8 novembre 2011 | Rispondi

  5. L’attuale maggioranza è completamente allo sbando ma dall’altra parte nessuno spinge veramente per cambiare le cose perchè chiunque vada su in questo momento si troverebbe a dover fare scelte impopolari.
    In caso di elezioni già immagino la scena: sinistra che riesce a vincere sull’onda dello schifo per Berlusca, si trova alle prese subito con enormi problemi economici e politici da risolvere e le solite beghe interne per le troppe diverse anime che la compongono (PD, UDC, Rifondazione, Verdi vari, ecc.), dopo poco tempo si spacca e la gente delusissima per il nulla di fatto si ributta a destra.
    Alla sinistra quindi tutto sommato che Berlusca continui ad essere odiato o che si faccia un governo tecnico non va così male perchè intanto spera che la situazione miracolosamente migliori un po’ prima di affrontare nuove elezioni.

    Commento di Giulio GMDB© | 7 novembre 2011 | Rispondi

  6. No, non sono per niente d’ accordo …. alla sinistra ( ed intendo al PD …. ) “non va bene che le cose stiano così, sperando nel miracolo” !
    E questo perchè “tutti i dirigenti” del PD, ivi compresi i rottamandi di iffirenze, conoscono bene la situazione economica del paese, e conseguentemente sanno bene che, con il nostro debito pubblico sul groppone, miracoli non ce ne saranno, nè altri ci caveranno le castagne dal fuoco .
    E’ vero, invece, che lo stesso PD, senza alleanze convinte “anche traendole da schieramenti fuori dalla sinistra”, non ce la potrà mai fare a governare “da solo”, nè ora, nè dopo un governo tecnico, o istituzionale, o di larghe intese che “salvi il salvabile ed indica le elezioni”, nè tanto meno “dopo elezioni”, anche nel caso che, ove il PD vi partecipasse “da solo o con l’ unione di tutti i pezzi della sinistra”, riuscisse a vincere “col 35% dei voti a sostegno”, giacchè pur vedendosi probabilmente confermare come lo schieramento che abbia riportato più voti di tutti, con quel 35% non potrebbe governare mai, meno che mai nelle attuali, disastrose condizioni economiche italiane .
    Questa è la verità numerica ( non la verità assoluta, ovviamente ), questa è la verità delle cifre, se si ha la pazienza di contare e di rivedere la nostra storia degli ultimi 50 anni !
    Attenzione, sappiamo tutti quali siano le divisioni interne nello schieramento del centro-sinistra, così come sappiamo tutti quali siano le difficoltà del PD per conto suo, e mi sembra quanto meno berlusconifero continuare a discutere sui massimi sistemi . La domanda vera è :
    “Esiste, al di fuori delle teorie dei sogni, uno schieramento, qui in Italia o altrove, che sia perfetto ??? Che sia capace di prendere in mano una situazione disastrosa e disastrata come quella italiana e, damblè …. con un colpo di bacchetta magica, trasformare “da solo” questa situazione infame in un regno baciato dalla perfezione ??? Esiste, in un sistema democratico, la possibilità di spaccare il cranio ad eventuali alleati o al proprio interno, e – attraverso il lavaggio del cervello – farli ragionare tutti “all’ unisono” ??? Esiste, in una democrazia vera, uno schieramento perfetto” ???
    Ecco, a questa domanda, io non potrei che rispondere : “No, non esiste, nè credo che esisterà mai” ! Dunque dobbiamo scegliere se tenerci il @nano oppure combattere per cacciarlo via con gli strumenti imperfetti ( PD e sinistra attuale ), ma non imbelli, che “materialmente” ora abbiamo nell’ immediata disposizione .
    Sabato a Roma, decine e decine di migliaia di persone di ogni età e rango scese in piazza con un entusiasmo d’ altri tempi “per fare, più che per delegare”, mi sembra che condividano questa analisi, e quindi sperano e lottano per mandare a casa, senza disattendere la carta costituzionale e senza improbabili rivoluzioni ( giacchè l’ Italia non è il Nord-Africa ), questo figlio di putt …. di @nanobagonghi !!!
    @Bruno

    Commento di cavaliereerrante | 7 novembre 2011 | Rispondi

    • Bruno, guarda che io mica sto cercando uno schieramento perfetto!
      E non sto neanche dicendo che il PD debba governare da solo!
      Ci mancherebbe altro. Io sono un fautore del compromesso al rialzo, non al ribasso.
      Una delle leggi della politica è che bisogna trovare alleati, se non si riesce a farlo, vuol dire che bisogna darsi alla coltivazione delle banane.
      Io sto dicendo che per uscire da questa situazione bisogna fare niente di meno di quello che hanno fatto paesi che in teoria erano più “arretrati” di noi: VOTARE.
      Non vedo altre alternative.

      Commento di aquilanonvedente | 7 novembre 2011 | Rispondi

  7. Io pure : non vedo alternative !!!
    E credo pure, ove ancora il @berlusca riesca “in estremis” a rappattumare lo straccio ( sporco ) di una risicatissima magioranza, che occorra andare subito alle elezioni !!!
    E di questo, stanne certo @Mauro, il PD è arciconvinto e si è già attrezzato per andare a nuove elezioni, altro che bearsi in una posizione di comodo …. questa interpretazione “onirica” non esiste proprio !!!!
    Ma il problema, è proprio questo : chi deve scassare, rimanendo negli ambiti della carta costituzionale, questo governaccio ???
    1) Il Presidente della Repubblica che “è tenuto” a muoversi entro il dettato della Costituzione ???
    2) @Bersani, e quindi il PD, chiedendo la verifica sull’ esistenza della maggioranza, quando sa già che il @nano, magari per 1 o 2 voti, la può rappattumare ???
    3) Il @berlusca stesso che sta barando ‘a mano bassa’ col suo gridare “alle elezioni”, mentre dietro le quinte sta ricattando e comprando i suoi “fidi” per riesibire la consueta, miserabile banda di maggioranza strappata pur di sfuggire alle patrie galere ( o galere “spagnole” ) ???
    4) O chi altro, in questa situazione, potrà/dovrà “staccare la spina al governo” ed “indire le nuove elezioni”, alla luce poi ( nefasta …. ) dell’ attuale legge elettorale schifosa ???
    Per quanto mi riguarda, e per come vedo “razionalmente” le cose io, mi sembra che @Bersani ed il PD si stiano muovendo in modo adeguato, da una parte col promuovere ed incentivare ( con successo tangibile ) considerevoli uscite in piazza al grido di “via @berlusconi”, e senza nascondere nulla alla gente sulla criticità della situazione, e dall’ altra “votando contro in parlamento” ad ogni richiesta di fiducia da parte del @nanobagonghi, senza stancarsi, nel contempo, di lavorare ai fianchi alleati e/o piddiellini in crisi di foraggio !
    Sic stantibus rebus, @Aquila stimatissima, andiamoci a prendere un buon caffè … 🙂
    @Bruno

    Commento di cavaliereerrante | 7 novembre 2011 | Rispondi

  8. Ma sei proprio “politicamente incazzato”!! 🙂
    L’altro giorno ne parlavamo con dei miei amici, e riflettevamo sul fatto che i nostri figli non avranno mai la pensione…In realtà è incerta anche per molti di noi.

    Con Totò si va sul sicuro su qualsiasi argomento.

    Commento di Rory | 7 novembre 2011 | Rispondi

  9. Se mi ritrovassi nell’urna chi dovrei votare?

    Un abbraccio

    Commento di Kylie | 8 novembre 2011 | Rispondi

    • Se ti ritrovi nell’urna, fai un fischio che vengo a tirarti fuori! :mrgreen:

      Commento di aquilanonvedente | 8 novembre 2011 | Rispondi

  10. Chi dovresti votare, @Kilie ?!?
    Chi vuoi Tu, potresti anche non votare nessuno !
    L’ essenziale, per esercitare fino in fondo il tuo “diritto/dovere” sancito dalla nostra bellissima Costituzione, E’ CHE TU TI RECHI NELLA SEZIONE IN CUI SI VOTA, RICEVI, PREVIA ISCRIZIONE NEL REGISTRO DEI TUOI DATI ANAGRAFICI, LA SCHEDA CHE TI SPETTA E POI, ANCHE LASCIANDO LA SCHEDA IN BIANCO ( OVE TU NON TI SENTA RAPPRESENTATA DA ALCUNO SCHIERAMENTO O PARTITO … ), TU LA INFILI NELL’ URNA INSIEME ALLE ALTRE . In tal modo, avrai esercitato ‘con dignità’ il tuo diritto e starai in pace con la tua coscienza civica, giacchè ti sarai chiamata fuori dall’ esercito dei “non votanti”, uno schieramento imbelle che, suo malgrado, decide – con la sua astensione al voto ( che abbassa di molto la percentuale della maggioranza necessaria …. di chi dovrà governare ) – l’ esito delle elezioni, ed in particolare portando “acqua sporca al mulino” ( se si esaminano con attenzione le votazioni degli ultimi diciotto anni ) proprio di quel @nanobagonghi, contro cui poi, ad urne chiuse ed a @pornonano insediato, lo stesso esercito degli astensionisti ricomincia la sua logora litania di improperi, bestemmie ed anatemi …. ahimè stantii .
    In che strano mondo viviamo …. e talvolta senza accorgercene !!!
    @Bruno

    Commento di cavaliereerrante | 8 novembre 2011 | Rispondi

  11. Stranissimo modo, da parte del PD, di non esporsi ( o esporsi meno … ), quello di trascinare decine e decine di migliaia di persone sulle pubbliche piazze, salire coi suoi Dirigenti, ed in primis col bravissimo, sincero e sanguigno @Bersani, sul palco fra applausi scroscianti, urlare al mondo tutta la sua passione “a lottare per ideali condivisi con la gente”, esporre lucidamente ogni magagna ed ogni infamia di chi ci governa, analizzare la situazione economico/finanziaria del nostro paese “da sola” e raportata a quella degli altri stati, dire “con chiarezza” cosa si debba o non si debba fare nella circostanza infame in cui “tutti ci troviamo”, e dichiararsi prontissimo ad ogni soluzione, prima fra tutte “di andare a votare” entro gennaio prossimo !
    Se questo lo vogliamo chiamare “timore ad esporsi per campare di rendita”, beh allora potremmo anche dire che il @nanobagonghi faccia bene a disattendere le patrie ( e spagnole ) galere ….
    Cara @Maria …. quand’ è che capiremo che “da sola” la sinistra non potrà mai governare ??? Che i numeri ( quelli veri sanciti dalla Costituzione ) non consentono a nessuno di assumere la direzione del Governo col 33/35% dei voti riportati all’ elezione ???
    Inoltre, e qui concludo con un abbraccio sincero a te ( ad @Aquila no, lui è un uomo …. ed entrambi noi due preferiamo le donne 🙂 ), sarebbe ora che Tu, l’ amico @Mauro ed altri che condividano il vostro giudizio sulla sinistra attuale, ci diciate COSA DEBBA FARE IL @PD “ORA” OLTRE QUELLO CHE GIA’ FA IN PARLAMENTO E SULLE PUBBLICHE PIAZZE !!! 🙂
    @Bruno

    Commento di cavaliereerrante | 8 novembre 2011 | Rispondi

  12. Ehm… mi sembrava di avere già risposto a questa domanda, comunque nel timore di non essermi fatto comprendere, mi ripeto.
    Cosa dovrebbe fare secondo me il PD ora?
    1) Chiedere di andare a votare a gennaio, all’epifania (così non perdiamo nemmeno giorni di scuola e non facciamo incazzare i genitori).
    2) Lavorare effettivamente per andare a votare a gennaio e non dire una cosa in pubblico e poi, sott’acqua, lavorare per fare la cosa opposta. Andare a votare a gennaio non è impossibile. Il puttaniere dice che se cade bisogna tornare a votare, la Lega pure, basta che lo dica anche l’opposizione ed è fatta. Però votare subito, non tra un anno o un anno e mezzo.Invece oggi il PD sta lavorando per andare a votare fra un anno e mezzo. E questa è una chiara presa per il culo, non trovo altri termini con cui definirla.
    3) Chiedere un governo nuovo e con una maggioranza più larga per il tempo strettamente necessario, cioè fino alle elezioni. Questo per impedire che il puttaniere approfitti di questi due mesi per combinare altri disastri.
    4) Costruire un’alleanza che, nell’ipotesi vinca le elezioni, sappia effettivamente governare.
    Sono cose difficili?
    Può darsi, ma sono loro che hanno deciso di fare politica e mica possono pretendere di fare soltanto le cose facili, no? :mrgreen:

    Commento di aquilanonvedente | 8 novembre 2011 | Rispondi

  13. Quanto i punti 1), 3) e 4), “è esattamente quello che sta facendo il @PD”, mentre riguardo al punto sub-2), trattandosi di una illazione, @Aquila, lascia il tempo che trova …. un po’ come se io ti controbbattessi ( illazionando … ) che il @PD, al contrario, sta lavorando invece “giorno e notte” senza risparmiarsi, per tener fede agli impegni presi con i suoi elettori ( fra cui, io ) e col suo senso di responsabilità per il momento drammatico italiano !
    Ma tutto questo, sta per essere superato dagli eventi, come abbiamo sentito dal TG, se il @nanobgonghi, dopo aver conseguito appena tre anni fa ( grazie alla legge porcata ed all’ esercito degli astensionisti …. ) “la più ampia maggioranza che un governo abbia mai avuto nella storia della nostra Repubblica” …. oggi non è riuscito a raggiungere “per 1 voto” il minimum per l’ ennesima, logora fiducia, ed è dovuto salire al Quirinale con la coda in mezzo alle gambe ….. ma ne vedremo delle belle. fra poco !
    Piuttosto, mi preoccupa quello che ho sentito al TG circa la situazione a Piacenza, che – a quanto ci dicono – è flagellata dal maltempo !
    Come vanno le cose là @Mauro ???
    Ti abbraccio e …. se possibile ci prendiamo un grappino ??? 🙂
    @Bruno

    Commento di cavaliereerrante | 8 novembre 2011 | Rispondi

    • Il punto 2) non è affatto un’illazione.
      Bastava sentire la Bindi stasera (che non è una piripicchia qualunque, ma la vicepresidente del PD): sì sì, vogliamo le elezioni, però prima ci vuole un governo che unisca, risolva, faccia, disfi, strabuzzi, cornifichi… 😕
      Che poi ‘sta salita al Quirinale mi ha fatto un po’ ridere: da oltre trent’anni che seguo un po’ la politica, mai ho sentito di dimissioni a scoppio ritardato. In questo momento la Finocchiaro su La7 sta dicendo che il puttaniere ha dato le dimissioni, ma scatteranno fra 15 giorni. Praticamente c’hanno il timer, insomma. 😀
      Comunque sono convinto anch’io che ne vedremo delle belle. Purtroppo…
      P.S.: da me tutto tranquillo. Piove, governo ladro, ma il popolo padano resiste… :mrgreen:

      Commento di aquilanonvedente | 8 novembre 2011 | Rispondi

  14. Ahhhhhhhhhhhhhhh io non c’ho capito una mazza con quello che è successo, o meglio ho capito cosa è successo ma non ho capito chi va dove e se è per sempre o per poco, se il Berlusca è fuori dalle balle o se riciccierà come un cavolo a merenda…………………..

    ora mi dico io, ma si può fare sto casino quando l’Italia versa in condizioni tanto pietose che solo al pensiero, tutti, compresi i politici, dovrebbero camminare striscindo per la vergogna?

    E poi dico, possibile che in questo mondo del cavolo dove internet è un mezzo verso il futuro (non centra nel discorso ma lo dico!) mi ritrovi, al contrario dei politici, a vedermi soffiare sotto il naso i soli risparmi che avevo per colpa di una clonazione on line destinazione Russia, mentre manco ero a casa, quando loro se la continuano a spassare e siamo semrpe noi quelli che finiamo sedere a terra?

    Sono incazzata??????????????????????????????
    ALTROCHE””””””””””””””””””””””””””’ SE LO SONO!

    Quindi ovvio, concordo, basta prese per i fondelli!

    Commento di kate | 17 novembre 2011 | Rispondi

  15. @Zeitttttttttttttttttttttt …… !
    SEI INCAZZATAAAAAAAAAAA ?!? 😯
    Fai bene …. stai in buona compagnia !!! :mrgreen:
    Bacioneeeeeee …. ehm …. rilassante !!!
    @Bruno

    Ps. Se il @pornonano farà ancora politica oppur nò, non ce ne potrebbe fregare di meno, l’ importante, ora, è non vederlo nelle istituzioni …. lui e la genià di nani, puttanieri ( a pagamento, s’ intende, chè altrimenti quale donna li avvicinerebbe ??? ), lacchè, ruffiani a “double face”, giullari e mignotte, che l’ accompagna come la candelina accompagna la torta !!!
    @Monti ??? A me, è piaciuto tantissimo il suo discorso alla Camera !
    Ma se son rose e fioriranno “per tutti/tutte”, se riuscirà a rabberciare la nostra barcaccia ( peraltro infestata, degradata, insozzata dal precedente nocchiero “ora retrocesso” a @presidentissimo del @pdl ) mutandola in un onesto veliero, son tutte cose che dovremo appurare nei prossimi mesi !
    Tuttavia, si è ricominciato a parlare di Politica senza filtri fasulli, senza i “ghe pensi mi”, senza le nanitudini e le saccenterie dei @brunetta, @gelmini & c. , e questo mi piace tantissimo, in attesa di sapere se, in base all’ operato di @Monti, potremo beatificarlo o dovremo scendere in piazza per cacciare anche lui ! 😀

    Commento di cavaliereerrante | 17 novembre 2011 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: