Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Come si cambia…

Io non lo so se i cosiddetti NO-TAV c’abbiano ragione oppure no.

Quello che so, è che gli altri sparano talmente tante cazzate,

che ho il sospetto che siano loro ad avere torto.

Aquila – domenica 23/10/2011, ore dieci di sera circa.

Questo è quello che ho pensato ieri sera, vedendo Sergio Cofferati su La7 a parlare della costruzione del tratto di alta velocità in Val di Susa.

Avevo e ho rispetto e ammirazione per “il cinese”, ma sentendolo ieri sera ho pensato: “Mamma mia, come si cambia…”

Cofferati, in sostanza, ha detto che per risolvere il problema dei disoccupati e precari bisogna incentivare lo sviluppo. Già qui sarebbe stato opportuno chiedergli “quale tipo di sviluppo“, ma soprassediamo. Ha quindi detto che opere infrastrutturali come quella prevista in Val di Susa vanno in questa direzione, perché “gli uomini devono viaggiare più veloci“, aggiungendo, se non ricordo male, che queste sono le regole.

Bene, Sergio, ti prendo in parola: gli uomini devono viaggiare più veloci.

Ma quali uomini?

I pendolari che impiegano tre-quattro ore al giorno per andare e tornare dal lavoro. Pensa se dimezzassimo i loro tempi di viaggio! Tornerebbero a casa prima, starebbero più tempo in famiglia, oppure avrebbero molto più tempo libero a disposizione, sarebbero meno stressati. Pensa te quale indotto di felicità metteremmo in campo.

Oppure quelli che vanno a lavorare in auto, sprecano tempo e benzina in coda, sono a rischio incidenti, arrivano al lavoro o tornano a casa super incazzati. Pensa se questi qua avessero a disposizione mezzi pubblici con tempi di viaggio ragionevoli, quanta felicità pure loro metterebbero in circolo nella società.

Tonnellate e tonnellate di maggiore serenità si riverserebbero sulle nostre città, sui nostri paesi, nelle nostre case.

E anche chi alla fine fosse costretto ad andare a lavorare in auto, lo farebbe con maggiore tranquillità e con tempi di persorrenza minori. E poi ci sarebbero quelli che andrebbero in bicicletta, perché le strade sarebbero più sicure. E le città sarebbero meno inquinate, forse si eviterebbero i blocchi al traffico.

Insomma, soltanto con questa cosa metteremmo in circolo talmente tante novità positive, che poi forse la gente si accorgerebbe che sarebbe meglio andare avanti su questa strada, e allora invece di chiedere la costruzione di super strade, super ponti, super tangenziali, chiederebbero di spendere i soldi per parchi, giardini, strutture sportive, e poi magari per strutture sanitarie e assistenziali, scuole, asili.

Insomma Sergio, per qualcuno forse sarebbe una vera e propria catastrofe, no? Per quelli che vivono sulle nostre perenni incazzature, sulla nostra fretta, sul nostro spreco di risorse. Per molti altri invece no, sarebbe una vera e propria manna. Le cose positive si diffonderebbero come virus, non si fermerebbero più, perché la gente – almeno la maggioranza – non è masochista e capisce cosa è meglio e se gli fai fare uno sforzo, capisce anche che rinunciando a qualcosina adesso, puoi avere enormi vantaggi dopo. Sempre che quelli del “dopo” non siano politici come te, ovviamente. Devono essere credibili, altrimenti vengono mandati affanculo.

Questo mi aspettavo che dicessi ieri sera Sergio. Che dicessi qualcosa di nuovo e di diverso. Qualcosa che prima ancora di essere di destra o di sinistra, fosse semplicemente migliore. Perché è questo che bisogna mettere in campo. Qualcosa che possa darci una speranza, un obiettivo più interessante rispetto a quello di vedere un carciofo rumeno transitare in treno a 300 chilometri orari.

Ma, come ho detto prima, come si cambia…

P.S.: mi sa che deve scendere in campo Bibùlo… :mrgreen:

Annunci

24 ottobre 2011 - Posted by | Pensieri disarcionati, Politica, Questa poi..., Storie ordinarie | , ,

40 commenti »

  1. Mi sa pure a me… 😉

    Commento di Diemme | 24 ottobre 2011 | Rispondi

  2. Stai calmo…non ti agitare così, che poi ti passa la voglia di lavorare.
    E poi le coronarie non son più quelle di una volta.
    C’hai n’età pure tu.

    Bellissima la canzone. Tra te e Bruno mò mi fate intristire (con le canzoni!) 🙂

    Commento di Rory | 24 ottobre 2011 | Rispondi

  3. Non ho seguito Cofferati ma, se devo essere sincera, mi ha deluso da tempo.
    E come lui un numero pauroso di politici.
    Sono d’accordo con tutto quello che hai detto.
    Nonostante quello che ci vogliono fare credere, ler persone non sono tutte imbecilli.
    E sono stufe e strastufe di discorsi già sentiti, di frasi fatte, di promesse mai mantenute. Parole vuote e più leggere del vento.
    Vogliamo novità.
    E siamo tutti disposti a fare dei sacrifici se questi ci portano realmente a stare meglio, a vivere una vita più vivibile, a lasciare ai nostri figli un mondo migliore in cui vivere.

    Appoggio la candidatura di Bibùlo. 😉

    Commento di maria | 24 ottobre 2011 | Rispondi

  4. …dimenticavo…
    La canzone è bellissima e la Mannoia mi piace davvero tanto, come persona e come cantante.
    Ci sta bene con il titolo del tuo post, ovviamente.
    Anche se… i motivi di cui parla la canzone che portano le persone a cambiare, sono un po’ diversi dalla capacità di adattabilità dei politici… :mrgreen:

    O no?

    Commento di maria | 24 ottobre 2011 | Rispondi

  5. Sì … ho sentito anch’ io ( ma a sprazzi … avevo impegni di studio assai più appassionanti ) il buon @Cofferati, e questa volta concordo con te @Aquilaragionante !
    Un politico, un buon politico … non può parlare come un economista o come il dirigente di una industria .
    Può pensare “come un economista” e, laddove abbia responsabilità di governo ( e debba far quadrare i conti ), non dimenticarsi mai che senza investimenti industriali ( o artigianali, o agricoli, o turistici, o culturali …. ) il lavoro non nasce da solo sotto le foglie di un cavolo, ma “poichè non fa l’ economista” bensì il politico, deve trarre da se, ogni volta che spieghi le sue ragioni fra la gente, quella forza irresistibile che solo la buona politica sa dare : parlo ovviamente della capacità di sognare ( e far sognare anche agli altri … ) “mondi migliori raggiungibili”, traguardi esistenziali alla portata di tutti se tutti concorrano a cercare di realizzarli ….
    Ieri sera, accanto a quel “grillaccio parlante” ( ma frizzante, sprezzante, toscaneggiante, irriverente ) del buon @Renzi, il “@cinese” mi ha dato l’ impressione di essere assai più vecchio della sua non ponderosa età !
    @Bruno

    Ps. Questa volta @Mauro … la canzone è buona ! 🙂

    Commento di cavaliereerrante | 24 ottobre 2011 | Rispondi

  6. Condivido tutto, anche l’incazzatura…non se ne può più di questi! e soprattutto di questi c.d. di “sinistra”.
    Desideriamo che cada questo governo perché speriamo in cose MIGLIORI: ma chi ce le potrà dare queste “cose migliori”, Cofferati e i suoi compagni??? Ma va là…
    E poi si lamentano che i grillini tolgono voti al PDL…Ma dove sono questi del PDL, che cosa pensano, che vogliono fare? Che futuro migliore o diverso riescono a prospettarci? Zero su zero! Mi vien proprio voglia di dire che non voto più…perché non so a chi affidarlo il mio voto

    Commento di lisboantigua | 24 ottobre 2011 | Rispondi

  7. Ultimamente hanno tutti qualcosa da dire ma poche idee ben costruite. E la loro incapacità è palese su tutti i fronti.

    Baci

    Commento di Kylie | 25 ottobre 2011 | Rispondi

  8. Diemme: me sa de sì! 😀
    Rory: le mie corolle stanno tutte a posto. Pure il pistillo… :mrgreen:
    Maria: la M’annoia m’è venuta così, spontanea… Comunque mi segno che sei pure tu fan di Bibùlo…
    Bruno: sì, il Coffy ha dato l’impressione di essere moooooooolto più vecchio e stanco (ma nessuno lo obbliga a stare lì).
    Lisbo: il tragico è proprio questo. Non viene fuori nessuna idea di futuro. Solo macerie.
    Kylie: è proprio chi non ha idee che sente il bisogno di dire un sacco di cose. Copre il vuoto.

    Commento di aquilanonvedente | 25 ottobre 2011 | Rispondi

  9. ma che risposta è????
    me sa che hai mangiato troppa pizza con la mortadella! 🙂

    Commento di Rory | 25 ottobre 2011 | Rispondi

  10. Bubulo qui …. bibulo là… sembra una canzonetta!! 😯

    Commento di Godot | 25 ottobre 2011 | Rispondi

  11. Non criticavo la scelta della Mannoia, al contrario.
    Solo pensavo che i cambiamenti di cui parla lei nella canzone sono ben differenti dai voltafaccia di molti politici (e non solo), La vita ti cambia, a volte, la sofferenza, l’amore, le delusioni. Ma questo non significa tradire se stessi e tradire chi ti ha votato o chi ha creduto in te.

    Commento di maria | 25 ottobre 2011 | Rispondi

    • Sì sì, avevo capito.
      Sono un padano io…

      Commento di aquilanonvedente | 26 ottobre 2011 | Rispondi

      • Proprio perché sei padano ho pensato fosse meglio chiarire… :mrgreen:

        Commento di maria | 26 ottobre 2011 | Rispondi

        • Tira vento ilare nelle isole? 😯

          Commento di aquilanonvedente | 26 ottobre 2011 | Rispondi

          • Calma piatta, a dire il vero…
            (ero molto, molto seria… :mrgreen: )

            Commento di maria | 26 ottobre 2011 | Rispondi

  12. @Bibùlo … o meglio @Bìbulo ( ahi, a Roma … quell’ accento sulla “u”, @Aquila … a quante battutacce induce ! ), è il nostro Eroe, non perchè sia ( o sia stato ) “perfetto”, ma perchè “perfettamente” esprime il nostro essere onesti, di buon senso, non facilmente accalappiabili dai cialtroni : per poca che sia, la nostra dignità. la stessa che riflette @Bìbulo, per noi non ha prezzo ! 😀
    Ma la lettura del commento della nostra cara @Lisboa, pur nel rispetto delle opinioni altrui, mi spinge a ritornare sull’ argomento @Cinese .
    Io, come @Aquila …. ho rimarcato, non senza malinconia, come “il politico” @Cofferati non abbia più la capacità di farci sognare “MONDI MIGLIORI ( E PIU’ ONESTI ) DEGLI ATTUALI, MONDI RAGGIUNGIBILI DA TUTTI CON LOTTE DEMOCRATICHE CHE NON ESCLUDANO ALCUNO”, ma non definirei mai il @Cinese “questi cosiddetti di sinistra” ! @Cofferati, le sue battaglie e le sue scelte “di sinistra” le fece e le portò a concretezza con onestà e fede, ma il tempo attuale lo ritrova appesantito, e – se non è stata una mia impressione errata ! – oggi non mi sembra più in grado di guidare un movimento che si riproponga di cancellare le nequizie della “pdl & company”, l’ immoralità truffaldina del @pornonano ( oggetto di scherno anche da parte del pessimo @sarkozy … ) ed “i vasti danni” che questa banda di ruffiani ha inferto al nostro paese, sia sul piano squisitamente etico, sia su quello dei valori materiali e dei risultati ( pessimi ) ottenuti !
    Fra il @Cinese e costoro, cara @Lisbo, ce ne corre …. e ce ne corre un oceano !!!
    Non ti senti più rappresentata dai partiti dell’ attuale sinistra ???
    Sei nel pieno di ogni tuo diritto di cittadina libera e pensante amica mia !
    Ma questo tuo sentire, che ci azzecca con “la tua voglia di non votare più” ??? 😯
    Questo tuo modo di ragionare, e scusami se la similitudine possa apparirti volgare … , mi sembra assai simile al ragionamento di un marito che, per voler punire la consorte che lo cornifica, decide di resegarsi le … ehm … insomma quegli attributi maschili lì ! :mrgreen:
    Come cittadina avente diritto, dovresti ( per non dire DEVI ) andare a votare, appartarti con la tua scheda in cabina …. e lasciarla bianca ( senza cioè dare il voto a nessuno, se nessuno ti ispira fiducia ) oppure riempirla con le tue rampogne a questo e a quello, prima di ripiegarla ed infilarla nell’ urna !
    Chiedo ancora scusa ….
    @Bruno

    Commento di cavaliereerrante | 25 ottobre 2011 | Rispondi

    • Bruno: mobilitare la gente per raggiungere mondi migliori vuol dire mettere in moto energie tali che poi chi vuole mantenere il bastone del comando rischia di essere travolto. Allora per i politici è meglio mantenere bassa l’asticella…

      Commento di aquilanonvedente | 26 ottobre 2011 | Rispondi

  13. Caro Bruno, hai fatto bene a rispondere al mio commento perché hai meglio esplicitato il mio pensiero nel senso che – come tu dici – non sopporto l'”appesantimento” degli uomini…della sinistra; e per quanto riguarda il voto intendevo, anche qui, ciò che tu hai precisato (so bene che il voto è quasi più un dovere che un diritto) nel senso che la mia scheda sarebbe bianca, perché non ci sono più politici che ispirano la mia fiducia. E ripeto, QUESTA sinistra mi delude… (ed è ovvio che non saprei quindi a chi dare il mio voto)

    Commento di Lisboantigua | 26 ottobre 2011 | Rispondi

    • Questa sinistra (ovvero, questo centro-sinistra) è deludente.
      Su questo sono d’accordo.
      E non ho nessuna intenzione di votare “turandomi il naso”, come facevano i buoni democristiani di una volta!

      Commento di aquilanonvedente | 26 ottobre 2011 | Rispondi

  14. Non dopo averti ringraziata a mia volta, cara @Lisboa, continuo a dire all’ urbe e all’ orbi che FAI BENE A LASCIARE LA SCHEDA BIANCA DEPOSITANDOLA TUTTAVIA NELL’ URNA, SE “QUESTA” SINISTRA ( O UN ALTRO SCHIERAMENTO CHE SI PRESENTASSE ALLE VOTAZIONI ) NON RISPONDE PIU’ ALLE TUE SACROSANTE ESIGENZE DI CITTADINA !!! 🙂
    Ma recandoti a votare, e rientrando “matematicamente” fra “gli aventi diritto che hanno votato esercitando democraticamente il loro diritto/dovere sancito dalla Costituzione Italiana”, eviterai quanto meno di fare come “quel marito” … e non apparterrai all’ esercito di non votanti su cui negli ultimi dieci anni ha potuto contare il @berlusca, sia quando ha vinto, sia quando ha perso per pochi voti ( il che gli ha permesso di continuare a farsi i cacchi suoi, essendo troppo debole la maggioranza di governo …. ) !!!
    Questo spazio, non ci consente di intrattenerci con questioni politiche, andando seriamente a fondo nel valutare …. nè ci impedirebbe di cadere nelle banalità del “luogo comune”, dell’ “ammazza ammazza son tutta una razza”, così cari al qualunquismo di ogni colore, qui possiamo solo ribadire se si debba andare in una sede elettorale a ritirare prima e a depositare poi la nostra scheda nell’ urna, o andarcene invece allegramente fuoriporta a mangiarci un panino con la porchetta, per poi – al rientro a casa – continuare a stramaledire i mascalzoni che ci governano ….
    @Bruno

    Ps. @Mauro, quell’ asticella bassa …. è ‘carta canasciuta’ …. ma disertare la sede elettorale non la trasformerebbe in jolly, questo è certo !

    Commento di cavaliereerrante | 26 ottobre 2011 | Rispondi

    • Questo è certo.
      Ma tanta gente non ha altra possibilità per lanciare il messaggio di “alzare l’asticella”.

      Commento di aquilanonvedente | 26 ottobre 2011 | Rispondi

  15. Ehm…me sa de sì! Oggi me la compro, và! 🙂

    Commento di Rory | 26 ottobre 2011 | Rispondi

  16. L’ URNA ?!?
    TI COMPRI L’ URNA, @RORY ?!? 😯
    Ah …. nò, ti riferivi alla “pizza e mortadella”, indotta forse in tentazione, I suppose, da quel “diavoletto” con l’ ali d’ aquila !!! :mrgreen:

    Commento di cavaliereerrante | 26 ottobre 2011 | Rispondi

  17. yessss!! Tentata-mi-ha! 🙂
    Me la sono comprata davvero e ci ho fatto pranzare anche mio figlio…
    Prevedo cazziatoni dal marito per non aver cucinato “al bambino” :-))

    Commento di Rory | 26 ottobre 2011 | Rispondi

    • Un santo deve essere quel marito.
      Un santo… 🙄
      (e non facciamo battutacce!)

      Commento di aquilanonvedente | 26 ottobre 2011 | Rispondi

  18. Seeee, come no! San Felice da Cantalice! E’ fortunatissimo ad avere una moglie come me, almeno finora! 🙂
    E poi stasera gli ho fatto una quiche con zucchine e mozzarella: era buonissima! 🙂

    Commento di Rory | 26 ottobre 2011 | Rispondi

  19. Oh … @Rory … iersera una quiche con zucchine e mozzarella ?!? 😯
    A tuo marito ?!?
    E … ehm … dici … che giovi allo status quo ?!?
    Ma … ma … non era meglio una cenetta a lume di candela con champagne, “frutti di mare”, linguine all’ astice e musica malandrina di violini ?!? :mrgreen:
    @Bruno … 🙂

    Ps. @Aquila, Tu che sei un “single-chef” omnicomprensivo, che quich’ è sta cacchio de quiche ???

    Commento di cavaliereerrante | 27 ottobre 2011 | Rispondi

    • Nun lo so de preciso, Bruno.
      Mi sembra che sia una specie di frittatona che te se piazza sullo stomaco e te fa andare a dormì presto… 😐
      Quando le donne te fanno la quisss vor dì che nun c’è niente da fa’…

      Commento di aquilanonvedente | 27 ottobre 2011 | Rispondi

  20. Ah ah ah ah … ah ah …. 😆
    L’ avevo sospettato …
    Diable de femme, ‘sta @Rory ….
    Ahò, ne sa una più del diavolo l’ amica nostra !!!
    Beh … vogliamo essere solidali con quel poveruomo costretto ad ingugitarsi quel ‘pastone’ ?!?
    Eppoi, ci si viene a dire che gli uomini perdono il loro romanticismo …
    Ma de chè ? … Hai voglia Tu ad essere focoso … ti becchi quel mattone nello stomaco, e poi non ti rimane altro che abbandonarti ad un inquieto sogno !!!
    Ah ah ah ah … pero !

    Commento di cavaliereerrante | 27 ottobre 2011 | Rispondi

  21. Tra le donne e il diavolo non ci sarebbe gara, carissimo Bruno.
    Se ne tornerebbe all’inferno alla ricerca di un po’ di pace… :mrgreen:

    Commento di aquilanonvedente | 27 ottobre 2011 | Rispondi

  22. Essì, ci aveva ragione … San @Pietrino da Fracasse, quando esortava “a stassene lontani da le foeminae, imperocchè chille so’ lo strumento de lo diabbolo, mentre li poveri ommeni bboni e sancti sunt, come avette a vòlere lo Dommine nostro ne lo alto de li coeli” !!!
    Ahò e quel santo mistico dell’ alto medioevo non aveva ancora avuto l’ occasione di vedere le “foeminae moderne”, o di assaggiare i loro inquietanti intingoli !
    Ah … se San @Pietrino vivesse oggi … ! :mrgreen:

    Commento di cavaliereerrante | 27 ottobre 2011 | Rispondi

  23. Ahò…ma la fate finita voi due?? Sembrate due tromboni!! 🙂
    @Bruno: “linguine” all’astice?? Senza accento???? Ahahahahahah….
    @aquila: non è affatto una “frittata”. E’ una cosa delicatissima e se la sono spazzolata tutta! 🙂
    Guarda che me la cavicchio in cucina, quando ne ho voglia…:-)
    Buon pranzo.

    Commento di Rory | 27 ottobre 2011 | Rispondi

  24. Oh cielo !
    E’ una cosa delicatissima ?!?
    DELICATISSIMAAAA ?!?
    Zucchine e carote in quiss’ è visto s’ è visto ce la chiami “delicatissima” ?!? 😯
    Tu, la nostra @Rory che vieni dal mare del Salento, che der pesce sai vita e miracoli, jè allenti “zucchine e carote” alla sanfasòn ???
    @Aquila …. ehm …. dalle femmine ce sarvi iddio, che dai nemici me sbajocco io !!!
    Ah … e poi te la cavicchjeresti anche in cucina, eh ???
    Allora l’ ammetti, ha raggjone l’ amico mio : se avevi voja … ehm … te la cavicchjavi, eh ???
    Bisogna sta’ attenti @Mà : quanno te fanno er quiss … nun c’ è trippa for cats !!! :mrgreen:
    Ah ah ah ah …. 😆

    Commento di cavaliereerrante | 27 ottobre 2011 | Rispondi

    • Nun c’è trippa per i gatti?
      Magari! :mrgreen:
      Se c’hanno li gatti, gli cucinano un pranzetto coi fiocchi!
      E all’omo che ie fanno trovà la schiscetta con le verdure! 😕

      Commento di aquilanonvedente | 27 ottobre 2011 | Rispondi

  25. @Bruno: in questo periodo posso dire solo “delicatissima”…talmente delicatissima che manco si sente!! 🙂
    @aquila: ma quali gatti?? Oggi ho mangiato una banana…:-)
    Taci plissss!! 🙂

    Commento di Rory | 27 ottobre 2011 | Rispondi

  26. 😯
    …..
    😛

    Commento di Rory | 27 ottobre 2011 | Rispondi

  27. Oh … ehm … !!!! 😳

    Commento di cavaliereerrante | 27 ottobre 2011 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: