Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

La crisi economica? Tricchetracche e pinzillacchere…

In queste settimane sono stato coinvolto, mio malgrado, in alcune discussioni sulla crisi economica.

Io che sono pessimista sul futuro (io dico realista) ne parlavo sorridendo. Gli altri, che sono ottimisti (io dico incoscienti) ne parlavano con preoccupazione.

Il fatto è che per farsi un’idea di quello che sta succedendo, bisogna “volare alto” e guardare le cose con un po’ di distacco. Soprattutto bisogna usare logica e buon senso.

Noi occidentali abbiamo creato regole a nostro uso e consumo. Ora queste stesse regole, delle quali abbiamo abusato, ci si ritorcono contro. Ovvio.

Supponiamo che io e un mio amico abbiamo diecimila euro a testa. Lui mi chiede un prestito di cinquemila euro per acquistare un’auto. Io acconsento e concordiamo le modalità di restituzione. Alla fine tra noi due ci saranno: un po’ meno di contanti, un bene (l’auto) e un debito.

Orbene, se invece noi due ci scambiamo a vicenda i cinquemila euro per una decina di volte, poi lui compra l’auto portando a garanzia i miei soldi, mentre io li ho già spesi per acquistare una moto, alla fine ci saranno: cinquantamila euro di transazioni finanziarie, un bene acquistato senza copertura (l’auto), un bene inutile (la moto) e una quantità di soldi assolutamente inidonea a coprire il tutto.

Ora si preparano tempi duri per la povera gente (e per chi non lo è ancora, ma lo diventerà).

Ho provato a dare un’occhiata al mercato dell’auto, che si dice stia crollando. La percentuale di immatricolazioni è diminuita del 15% circa, ma chissà perché per alcune marche di auto di lusso e i fuoristrada vi è stato un aumento di vendite in quest’ultimo anno. Facile darvi una risposta.

Il governo sta dando una delle sue prove peggiori, a dimostrazione che al peggio non c’è mai limite e l’opposizione non è sufficientemente unita per dare l’impressione di essere un’alternativa. E intanto in parlamento si mangia a sbafo per pochi euro…

Forse converrebbe fare coma in Islanda…

Invece siamo in questa situazione…

12 agosto 2011 Posted by | Politica | , | 22 commenti