Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Il diversamente onorevole

Da anni nella mia provincia, la provincia di Piacenza, tutti a rompere i coglioni con il cosiddetto marketing territoriale. Che poi non sarebbe altro che una strategia pubblicitaria coordinata del territorio: venite, venite da noi che ci sono tante cose belle e buone da vedere e da mangiare. Venite, ma poi andatevene, perché gli handicappati, i vecchi, i bambini, dopo un po’ rompono le palle e puzzano pure.

Gli insulti rivolti dal carciofo alla deputata Ileana Argentin devono probabilmente rientrare in questa strategia di marketing territoriale, che potrebbe essere portata anche alle estreme conseguenze: venite nella nostra provincia, potrete pranzare in uno dei nostri graziosi agriturismo con la sicurezza che nessun handicappato sbaverà dal tavolo di fianco e che nessun anziano occuperà il cesso per scagazzare.

Oggi su La Stampa Massimo Gramellini scrive parole che andrebbero scolpite nella pietra a proposito di questo scandaloso episodio.

A me, e spero a tanti altri, rimane il senso di vergogna per calpestare la stessa terra di questo personaggio, che, tra l’altro, è uno dei papabili alla candidatura di sindaco di Piacenza alle elezioni amministrative del 2012.

Annunci

2 aprile 2011 - Posted by | Questa poi... |

28 commenti »

  1. Ho letto l’articolo su La Stampa. Concordo in tutto e per tutto. Ho provato un senso di vergogna anche solo per il fatto di fare parte di questo mondo. Non credo però che ti debba “colpevolizzare” perché l’idiota (per non usare termini più pesanti)è della tua zona. L’idiozia non è circoscritta, purtroppo. Volteggia e veleggia per ogni lido.
    Questo mondo sta diventando sempre più disumano. Per assurdo, in tutto lo schifo che ho provato e provo, spero possa servire a qualcosa. Fare capire che siamo arrivati “oltre”. Dopo c’è solo l’abisso. La disumanizzazione dei rapporti umani basilari. Il rispetto. Prima di tutto.

    Commento di Maria | 2 aprile 2011 | Rispondi

  2. “…. andrebbero scolpite sulla pietra” !

    Concordo con te, Ser @Aquila, su ogni parola, virgola e accento hai scritto qui, in questo tuo nobile post, che ci dimostra ancora una volta – anche se non ce ne sarebbe stato certamente bisogno – quale sia la tua natura, il tuo modo di approcciare la realtà, senza retorica patriottarda o di partito, senza fasulle ideologie, ma semplicemente “col cuore e la ragione”, la ragione tua ( e la tua onestà ), non quella dei cialtroni !
    L’ episodio, su cui attiri la nostra attenzione, è di una gravità tale da non potere io trovare parole, poichè il gesto del “deputato” … ( a che pro, citarne il partito ??? ) è cialtronesco fino all’ inverosimile, fino alla estrazione della radice ‘ennesima’ del suo carciofesco, squallido cervello, ammesso e non concesso che ce ne abbia uno !
    E’ inoltre, una gravità che ci turba, ci angoscia, poichè rispecchia ai nostri occhi il baratro in cui siamo caduti, l’ indifferenza a cui tutti ci siamo abituati ( al di là delle “esibite nausee, dei reiterati e sbandierati ‘rigetti’, delle conclamate bestemmie lanciate al @nano … etc. etc. ), la barbarie dei valori etici con cui tutti abbiamo finito per farne i nostri abiti !
    Scrive il bravo Giornalista de “La Stampa” – e capisco, caro Amico mio, quanto ti abbia fatto male – con stupefatta, ma scarna, sincera prosa : “Certe frasi sputate in un momento di irritazione “non vengono dal nulla”. Incubano, magari per anni, in una palude di pensieri facili e brutti. Quanti elettori si sentono parte della palude? Io spero nessuno di noi. Altrimenti avrebbero ragione loro.” !
    Paventa, quel sincero Giornalista, che molti di noi ( massimamente, chi vota per l’ orrenda corte del @nano e dei suoi ruffiani e pagliacceschi servi ), abbiano perduto il senso della dignità, del rispetto, della proporzione che stanno assumendo le cose esistenziali, di quali siano le priorità del vivere, e mi si stringe l’ anima . Poichè mi rendo conto, della “nostra turpe mutazione”, l’ unica ragione che possa ancora spiegarmi fino in fondo “come possiamo noi, come possiamo ancora vivere e sopportare questa orrenda accozzaglia di gente ‘semideficiente’ e corrotti, di cialtroni e irridenti ruffiani, e il loro @caporione, di cui, solo guardandolo negli occhi, si avverte la vertigine di un abisso senza fine !
    Continuo a sentire le tue parole amare, Ser @Aquilanonvedente : ” …. scolpite sulla pietra”, e penso : sì, Amico mio, “scolpite sulla pietra”, ma sulla pietra del nostro cuore !!!

    Commento di cavaliereerrante | 2 aprile 2011 | Rispondi

  3. Perdonami, ma il link mi ha portato a un articolo sul delitto dell’Olgiata! Potresti aiutarmi a rintracciare quello che intendevi tu?

    Commento di Ifigenia | 2 aprile 2011 | Rispondi

  4. Non comprendo, scusate, l’indignazione. E’ dovuta al fatto che si sia insultato una persona o al fatto che venga da un rappresentante del governo? Perchè, sinceramente, la prima mi sembra solo una frase che rappresenta la realtà. La seconda, in questo periodo di persone di alto ruolo e dignità scarsa (da smettere di votare), altrettanto. Non tutti abbiamo il coraggio o, meglio ancora, l’ingenuità di affermare in modo così plateale e fuori luogo che la diversabilità ci infastidisce, ci disorienta o ci spaventa. Non tutti gridano per le strade “handicappati del…” ma tanti rendono impossibile la vita agli stessi. Scivoli occupati, locali inaccessibili, occhi sgranati o vergognosi alla presenza del disabile di turno,…. Non è altrettanto plateale quanto gridare insulti, vero, ma è altrettanto dannoso, se non peggio, visto che sono gesti entrati nel comune vivere. Non conosco gli autori del blog e dei commenti ma sarei curiosa di sapere quanti di voi hanno parlato ancora di disabilità al di fuori di questo spiacevole episodio. Si grida al caso indignati dal comportamento di un singolo. Giusto. In particolar modo per il ruolo ricoperto dallo stesso. Ma al di là del momento di rabbia che tutti i sani di mente provano, cosa resta? Domani sarai, sarò una persona migliore? E’ questo che conta. Ciò che resta una volta che l’argomento si sarà esaurito.

    Commento di rrapace | 2 aprile 2011 | Rispondi

  5. E’ vergognoso! Avevo visto il video su un altro blog, ieri, e penso che persone che non sanno cosa sia il RISPETTO per gli altri non dovrebbero ricoprire certi ruoli. Il fatto che dopo si sia scusato non ha alcun valore. Le scuse “di circostanza” sono nulle!

    Ps: ma tu che c’entri?? Mica ci si può sentire in colpa per tutti gli st…zi che nascono nella nostra regione, o paese, o nazione?? Sai quanto maalox in più si venderebbe?? 🙂
    Pss: ti lascio il video, se non l’hai già visto

    Commento di Rory | 2 aprile 2011 | Rispondi

  6. Uffa!! Ma non c’è modo di scrivere un semplice link senza “riempire un giga” di spazio in questo blog?? 🙂
    Ho capito: sei pigro e non vuoi fare copia-incolla su un’altra finestra!

    Commento di Rory | 2 aprile 2011 | Rispondi

  7. Maria: io, a differenza di Gramellini, penso che nell’abisso ci siamo già. E sprofondiamo sempre più, inarrestabilmente…
    MesserCav.: a questo ci hanno portato decenni di berlusca. E’ riuscito a tirare fuori la parte peggiore degli italiani (che già di loro ce la mettono tutta a farla emergere).
    Ify: ho messo il link giusto (sperando che rimanga).
    Rrapace (ma che, siamo parenti noi?): posso mettere la mano sul fuoco sui commentatori, più di quanto lo farei per me.
    Rory: è vero, mica posso sentirmi in colpa per tutti gli stronzi che popolano il mondo. Ma avendolo a portata di mano questo, spererei che almeno qualcuno, incontrandolo per strada, gli sputasse in un occhio (P.S.: io mi sono offerto per qualche lezione di “linkaggio”, ma tu svicoli… 😉 )

    Commento di aquilanonvedente | 2 aprile 2011 | Rispondi

  8. @ rrapace: capiresti l’indignazione se ti fermassi a pensare che forse non a tutti la “diversabilità” dà fastidio, disorienta o spaventa! Forse c’è anche chi prova rispetto per le persone INDISTINTAMENTE, e c’è persino chi, nel proprio piccolo, prova a fare qualcosa. Non è una questione politica (almeno per quanto mi riguarda), ma l’indignazione è maggiore se a negare questo rispetto a una PERSONA è “un singolo” che dovrebbe invece garantire la giustizia e l’uguaglianza!

    @ aquila: io non svicolo, ma visto che in questo periodo sono senza lavoro, temo che non potrei permettermi le tue lezioni! 🙂

    Commento di Rory | 2 aprile 2011 | Rispondi

  9. Oh…
    Ma se è solo questo che ti preoccupa, un accordo lo troviamo.
    Lo troviamo… :mrgreen:

    Commento di aquilanonvedente | 2 aprile 2011 | Rispondi

  10. Basta che non mi chiedi di cucinare… 🙂

    Commento di Rory | 2 aprile 2011 | Rispondi

  11. Nononononono…….. 😉

    Commento di aquilanonvedente | 2 aprile 2011 | Rispondi

  12. Meno male! Già sentivo l’ansia da prestazione…ahahahahh

    Commento di Rory | 2 aprile 2011 | Rispondi

  13. Ahahah!!! L’ansia da prestazione!
    Questa è bella!

    Commento di aquilanonvedente | 2 aprile 2011 | Rispondi

  14. Intendevo “di fronte a un vero chef”…

    Commento di Rory | 3 aprile 2011 | Rispondi

  15. Macchè chef…
    Sguattero.
    Uomo di fatica… :mrgreen:

    Commento di aquilanonvedente | 3 aprile 2011 | Rispondi

  16. Ahahahah…sguattero, dimenticavo! Sto proprio invecchiando! Allora ritiro l’ansia da prestazione!
    Beh??!!’Sta lezione sul link? 🙂

    Commento di Rory | 3 aprile 2011 | Rispondi

  17. Alla firma del contratto… :mrgreen:
    Mo’ vado a nanna.
    Buonanotte Ro… Ro… Roberta? 😯

    Commento di aquilanonvedente | 3 aprile 2011 | Rispondi

  18. Francamente, @Rrapace, è difficile capire il tuo commento, e per quanto ci abbia riflettuto a lungo, non mi riesce “questa volta” di capire cosa intendi dire .
    Mi permetto, in amicizia e rispetto per ognuno, di invitarti a rileggere l’ articolo su “La Stampa” con serenità !
    Ma una cosa, vorrei puntualizzare : Tu scrivi qui : “Non tutti abbiamo il coraggio o, meglio ancora, l’ingenuità di affermare in modo così plateale e fuori luogo che la diversabilità ci infastidisce, ci disorienta o ci spaventa. Non tutti gridano per le strade “handicappati del…” ma tanti rendono impossibile la vita agli stessi” .
    Ora, quando dici “non tutti abbiamo il coraggio” ( poi ti correggi, e scrivi : “o meglio ancora l’ ingenuità” ), mi sembra di capire che quel deputato che ha insultato una collega handicappata in modo volgare e gratuito, è stato – secondo il tuo metro di giudizio – un uomo “coraggioso”, o meglio ancora “un ingenuo” !
    Francamente, @Rrapace, non solo non condivido questo tuo giudizio, ma semplicemente, appassionatamente, mi fà capire, ahinoi, che questa quotidianità in cui viviamo è animata da gente che ha perso ogni sentimento di rispetto e di dignità, e la cosa mi rattrista molto, ma non mi intacca di un grammo la mia voglia di battermi contro questo tipo di cialtroneria !
    Come ?
    Giorno per giorno, concretamente, contrapponendo al comportamento di “questi coraggiosi” ( o meglio ancora “ingenui” ) un altro comportamento dove sia evidente e tangibile il rispetto per la persona, qualunque essa sia, disabile oppur nò, ricca o povera, umana o leghista !
    Che vuoi, per dirla con Don Abbondio, io quel tipo di “coraggio”, non ce l’ ho, e non me lo posso dare !
    Stacci bene !

    Commento di cavaliereerrante | 3 aprile 2011 | Rispondi

  19. Beato te che vai a nanna! ‘Notte mrgreen!
    R. e BASTA!!! 🙂

    Commento di Rory | 3 aprile 2011 | Rispondi

  20. Aquila io cercavo di essere ottimista. A fatica ma ci provavo. Abbandonarsi alla corrente e lasciarsi andare per me non ha senso. Preferisco andare contro corrente e tornare a galla. Sempre.

    Commento di Maria | 3 aprile 2011 | Rispondi

  21. I miei commenti sono complicati perché complicato è fare un discorso in poche righe e soprattutto senza un botta/risposta diretto che possa chiarire eventuali dubbi o espressioni male spiegate. (per semplicità darò del tu a tutti pur non conoscendovi)
    Ad Aquila: non c’è bisogno di mettere la mano sul fuoco per nessuno in quanto le mie domande non erano un voler giudicare, bensì voler conoscere in merito all’argomento ‘disabilità’. O meglio, un voler riflettere. Sono state scambiate per accuse? Chiedo scusa, in quanto evidentemente non mi sono espressa bene, ma non ho mai dato per scontato eventuali risposte. Domando scusa a te e a tutti.
    A tutti: L’indignazione è logica, comprensibile e soprattutto CONDIVISA. Il “vostro personale rapporto con la disabilità al di là del pirla del governo”, il “cosa vi resta di questo episodio?” sono domande aperte alle quali ognuno risponderà (se e come vorrà) in cuor suo. Nessuno deve niente a me.
    E qui rispondo a Rory: non mi fermo spesso a pensare, questo è vero, o forse è più vero il contrario. Ci sono persone che fanno molto, altre che fanno poco: ognuno fa quel che può! Ma qui il problema è un altro. E’ chi non fa il proprio dovere. È chi offende. È chi vive la sua vita egoisticamente. Lei, pardon, tu non sei una di queste? Tanto di cappello!!! Alla fine della fiera abbiamo usato parole diverse e detto la stessa cosa.

    Commento di rrapace | 3 aprile 2011 | Rispondi

  22. A Cavaliere Errante: invece, mi permetto di risponderTi basando le mie parole su quel minimo di esperienza ed opinione personale. Ti spiego il perché. L’articolo in sé può essere il migliore del mondo ma io voglio spiegarti il mio commento, le mie parole. Possiamo discutere per ore sui pensieri di altri senza cavarne un ragno dal buco.
    Sul condividere il mio pensiero: bè, nulla da dire! Ognuno può concordare o no. Ma, vedi, tu hai capito benissimo. Sebbene le mie parole non sono state le più azzeccate (infatti sembravano accuse rivolte a voi), hai compreso in pieno. Credo di essere stata fraintesa anche in un altro senso. Dalle tue parole, infatti, sembra che io voglia esaltare il comportamento negativo. Sbagli. Io dico solo che di comportamenti negativi è pieno il mondo e che è inutile indignarsi se poi non seguono comportamenti positivi.
    L’uomo è stato un ingenuo. Sì. Perché ad una persona che non pensa certe cose, non scappano espressioni del genere. Evidentemente l’uomo è una testa di rapa che si considera superiore e l’ingenuità sta nel non accorgersi che in un determinato luogo, un certo comportamento condannabile a priori è anche peggio.
    Il coraggio. Di per sé non parlo di coraggio da eroe. Ti chiedo di seguirmi in questo discorso logico (non giusto o sbagliato). Se si vive in una libertà di pensiero, dobbiamo accettare anche l’eventualità che le persone non la pensano come noi. A qualcuno può dare fastidio la disabilità (per i motivi più disparati, magari perché lo è, perché ha figlio disabile oppure ha avuto esperienze negative…). Il coraggio di cui parlo è quello di uscire dal politically correct che va tanto di moda oggi e riuscire a dire “io la disabilità non la sopporto”. Certo, è ben diverso dal comportamento offensivo e irrispettoso verso la persona. Puoi odiare la malattia ma non il malato. Puoi prendere le distanze da tutti, ma non impedire a tutti di vivere nel pieno della tua e loro libertà.
    Infine, Cavaliere Errante, questa volta? Bè, se mi conoscesse saprebbe che riguardo questo argomento ho sempre usato toni ‘forti’ e spiazzanti. Non solo questa volta! 😉
    vedi blog –> rrapace.wordpress.com/category/disabili-handicap/
    ah…ps. Il comportamento può essere considerato coraggioso o ingenuo…loro, le persone sono pezzi di….
    Saluti a tutti! 🙂

    Commento di rrapace | 3 aprile 2011 | Rispondi

  23. Adesso, mi piaci assai di più Lady @Rrapace, mooolto di più !
    E chiedo scusa a Ser @AquilaMuzioScevola, se occupo un tantino il suo spazio !
    Dunque, Amica mia ‘ex sconosciuta fuorviante’, chi ti conosce, sà che ami far “domande spiazzanti” ?!?
    Bene, anche a me accade per ventura che non mi conosca nessuno dei pochi Blog che amo, con amore ricambiato direi, frequentare sul web, Bloggers e commentanti che hanno la pazienza di ospitarmi, non avendo io – nè ne sento per ora la mancanza ! – un mio blog .
    Eppure, TUTTI CONOSCONO, per averlo scritto e spiegato più volte a chi mi chiedeva cosa mai fosse, che il motivo stesso per cui vago errando per lande ( e Blog ) solitarie oppur nò, è il mio inesausto, ed inesauribile, desiderio di “CRESCERE IN DIMINUENDO”, questa la mia rotta, questa la ragione stessa del mio perenne, felice o tormentato vagare !
    Dunque, non soltanto Tu non mi hai spiazzato minimamente, ma oserei dire che mi hai invitato a nozze, o meglio ancora che mi hai fatto desiderare averti come cara compagna del mio errare !
    Pur tuttavia, prima di terminare di rispondere a questa tua garbata ‘palinodia’, vorrei chiarire due lati del mio controcanto, e cioè che nè ti chiesi, esortandoti a rileggere l’ articolo de “La Stampa, di conoscere i pensieri di altri ( poichè il bravissimo Giornalista non ci chiese questo, ci chiese semmai di conoscere i nostri, di pensieri ), nè ti sentii diversa da me !
    Quanto al deputato, a mio “errante” pensiero, egli non fu “nè coraggioso, nè ancor meglio ingenuo”, egli fù semplicemente SE STESSO !
    Ma, unicuique suum Lady @Rrapace ( o Ser ?!? ), io e tantissimi siamo altro, nel bene e nel male, tutti comunque granellini di polvere smossi a piacere dal vento, che – tra l’ altro – se ne strafrega del ‘politically correct’ ed altri luoghi comuni altisonanti o pur nò !
    Mentre nè il vento stesso, nè tutta la cialtroneria del mondo, potranno intaccare
    “quel quid” che ci rende un pochino più pesanti dei granellini di sabbia !
    Stammi bene nuova Amica, sarà un piacere per me, venirti a trovare ed affacciarmi nel tuo nido spiazzante !
    Ser @Bruno, Cavaliere Errante .

    Commento di cavaliereerrante | 3 aprile 2011 | Rispondi

  24. A parte il caso in questione, purtroppo concordo con Aquila che nell’abisso ormai ci siamo già da anni e, grazie a TV e stampa spazzatura, ad un lassismo dilagante ed ad una totale mancanza di etica e ideali, stiamo sempre più sprofondando. Criticare i politici lascia il tempo che trova perchè purtroppo loro sono solo lo specchio della nostra società. Se ci ribellassimo davvero, se gli italiani finalmente si svegliassero, anche la politica migliorerebbe.

    Commento di Giulio GMDB© | 3 aprile 2011 | Rispondi

  25. Al carciofo è sfuggito quello che pensava veramente. Gli è sfuggito quel pensiero perché probabilmente stava da solo dentro la sua testa e soffriva di solitudine. Gli è sfuggito con parole che esprimevano esattamente il suo modo di sentire e di essere.
    Quello è uno dei “boss” a Piacenza di un partito (poco conta se di governo o no), è un parlamentare, è stato votato, rappresenta persone che, evidentemente, la pensano come lui.
    Questo è il problema.

    Commento di aquilanonvedente | 3 aprile 2011 | Rispondi

  26. @ rrapace: con quel “se ti fermassi a pensare” non volevo certo offenderti (anzi, se l’ho fatto ti chiedo scusa. Credimi, non è proprio da me!), ma tu hai generalizzato su un comportamento che proprio non è il mio. Risponderti in quel modo è stato automatico. Se la pensiamo allo stesso modo mi fa piacere.

    Commento di Rory | 3 aprile 2011 | Rispondi

  27. Peccato non esser capiti o fraintesi o quel che è…. Pazienza! A volte grazie alle discussioni si cresce, altre volte se ne esce solo con le ossa rotte. In compenso, almeno, sia nel bene che nel male, qui, sono solo parole. Qui.

    Commento di rrapace | 8 aprile 2011 | Rispondi

  28. SONO PAROLE, QUI ?!?
    E dove Lady ( o Ser ) @Rrapace ???
    Qui nel nido di Ser @Aquilanonvedente, o “qui” nel tuo nido ‘spiazzante’ ???
    Dietro le parole, qui o “qui”, ci sono gli Uomini e le Donne in carne ed ossa, non dovresti dimenticarlo nuova Amica ( o Amico ? ), visto che Tu non sei virtuale !
    O nò ?
    Mi sbaglio ???

    Commento di cavaliereerrante | 9 aprile 2011 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: