Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Lo sapevo che sarebbe arrivato questo momento…

Lo sapevo che sarebbe arrivato il momento fatale.

Me lo sentivo che era soltanto questione di tempo.

In parte ero anche preparato (in parte).

In fondo in fondo pensavo di arrivarci da solo, senza bisogno di “spinte”.

“Papà, mi avevi promesso che quella di ieri era l’ultima sigaretta! Sei un bugiardo! Se continui a fumare resterai un nano!”

A parte il fatto che non vedo cosa c’entri il nano (avrà inteso il berlusca?), ho fatto due rapidi conti:

sigarette giornaliere fumate finora all’insegna del “fumo libero”: 7-8;

periodi interdetti al fumo a partire da oggi:  50% della vita complessiva;

nel restante 50% non si può fumare in: casa, ufficio, auto e fra un po’ nemmeno per strada, dato che si diffondono le ordinanze dei sindaci che vietano di gettare mozziconi a terra;

previsione di sigarette giornaliere fumate in media da oggi in poi: 0-2.

P.S.: la strozzo subito o l’affogo in mare quando siamo in vacanza?


20 agosto 2010 Posted by | Sani principi, Storie ordinarie, Un po' di me | , , | 11 commenti