Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Orsù donne, figliate, così diminuiranno le tasse!

A ridosso di Natale, girovagando per le tv mi sono imbattuto in una conferenza tenuta a Piacenza dal presidente dello IOR sull’ultima enciclica papale.

Il presidente ha svolto, riassumendolo, questo ragionamento.

“Quando parliamo della crisi economica, parliamo sempre dei suoi effetti, ma mai delle sue cause. La crisi finanziaria, la disoccupazione, la globalizzazione sono conseguenze. La causa della crisi viene dagli inizi degli anni settanta, quando abbiamo deciso di non fare più figli. L’unico modo per fare crescere l’economia è avere bocche da sfamare e ricordiamoci che due figli a coppia equivalgono a crescita zero. Senza figli aumentano in proporzione le spese fisse e non si possono certamente ridurre le tasse e l’immigrazione non basta a colmare questo deficit. Il pericolo di un sovrapopolamento del pianeta è una fregnaccia.”

Ordunque, premesso che il presidente dello IOR ha cinque figli e pochi problemi economici, sentendo il suo ragionamento mi è sorta spontanea una riflessione, da profano.

E’ ovvio che la crescita zero comporta un aumento dell’età media della popolazione e quindi maggiori spese di carattere assistenziale e sanitario, considerando anche l’allungamento della vita. Non sto ora a sottolineare che i figli costano e che di servizi accessibili ce ne sono pochini. Questi sono problemi superabili.

Il presidente dello IOR, cattolicissimo professore, manager e banchiere, si è dimenticato di dire una cosa.

Non basta fare più figli. Bisogna anche dare la disponibilità, periodicamente, a farne massacrare un po’, sempre per rimettere in sesto l’economia, ovviamente.

Già, perché il secondo vero motore dell’economia è la guerra, che ci libera di un po’ di giovani (soprattutto quelli poveri, ovviamente), lasciandoci spazio per fare altri figli e consente di fare lavorare i sopravvissuti per ricostruire quello che hanno distrutto.

Figli e guerre, guerre e figli.

Così poi possiamo diminuire le tasse…

Annunci

3 febbraio 2010 - Posted by | Manate di erudizione, Politica |

3 commenti »

  1. Non penso volessero dire proprio questo. Che per loro si debba figliare come coniglietti è fuor di dubbio, ma la guerra è un’eventualità che tutti dovremmo temere.
    L’idea di fare un figlio per mandarlo a morire è semplicemente agghiacciante.
    Notte, Aquila.

    Commento di enne | 3 febbraio 2010 | Rispondi

  2. Brrrrrrrr!

    Commento di Ifigenia | 3 febbraio 2010 | Rispondi

  3. …stamani c’è il sole e mi viene spontanea una battuta scema-scema. forse per alleggerire questo clima da brivido che hai creato con il tuo nuovo post.
    io di figlie ne ho messo al mondo due, a me sembra già di aver messo al mondo una “folla”. e vivere con loro due, da sola per di più, è una vera e propria guerra. giorno dopo giorno. e la sensazione è che chi ci sta lasciando le “penne” sono proprio io…

    Commento di maria | 3 febbraio 2010 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: