Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Domanda (che cerca risposta)

Ammettiamo che vi sia un gruppo di quattro persone (non so se si è capito, ma il quattro è uno dei miei numeri preferiti, insieme a 260.860).

Identifichiamo queste quattro persone con i numeri 1, 2, 3 e 4.

Voi siete il numero 1 e a voi spettano le decisioni per tutto il gruppo. Gli altri componenti non vi spossono essere d’aiuto in questo.

A un certo punto si presenta un problema che riguarda un componente del gruppo, diciamo il 3, e per risolverlo si prospettano due soluzioni, che chiameremo A e B (le soluzioni a un problema devono essere sempre almeno due, altrimenti non c’è niente da discutere).

La soluzione A lascia inalterata la vostra vita, ma peggiora quella di 2 e 4 (più o meno sensibilmente, dipende).

La soluzione B lascia inalterata la vita di 2 e 4, ma peggiora la vostra (più o meno sensibilmente, dipende).

Qualcuno potrebbe chiedersi: vabbeh, ma in tutto ‘sto casino, cos’è meglio per 3?

Ecco, questo ve lo chiedete anche voi e cercate di capirlo con tutte le vostre forze e arrivate alla conclusione che per 3 la soluzione A oppure la B sono più o meno la stessa cosa.

Domanda: cosa fate?

Tempo utile per la risposta: quattro giorni.

Annunci

2 gennaio 2010 - Posted by | Un po' di me |

17 commenti »

  1. di getto ti dico: se vuoi fare il nobile scegli la b ma visto che si vive 1 volta sola e visto che comunque fino ad ora di rogne mi sembra tu ne abbia avute già a sufficienza… Scegli la A e se ti può aiutare pensa a quale sarebbe la scelta di 2 e 4. A quando un bel video di Natalino Otto o Nilla Pizzi??
    😉

    Commento di ami | 2 gennaio 2010 | Rispondi

  2. …questo post e questi quesiti sono effetto delle lenticchie scadute nel dicembre 2007?
    maddòòò…
    (forse per certi versi sono “vecchia” quasi come te… non la ricordavo questa canzone… ma mi PIACE… assurdo…)

    Commento di maria | 3 gennaio 2010 | Rispondi

  3. non ho dato una risposta… me ne rendo conto… io agisco sempre d’istinto e penso a quello che fa stare meglio chi mi sta più caro… questo non si capisce dal tuo post… (n.b. per questo io finisco sempre per avere la peggio in tutte le situazioni)

    Commento di maria | 3 gennaio 2010 | Rispondi

  4. La B solo se 2 e 4 sono tuoi figli o comunque persone il cui bene hai a cuore più del tuo. Altrimenti, ciccia, A!

    PS: concordo con Maria, dev’essere l’effetto delle lenticchie… 😆

    Commento di Ifigenia | 3 gennaio 2010 | Rispondi

  5. Forse il peggioramento della vita di 1 può determinare il peggioramento anche di 2 e 4.
    PS: Un modo originale di chiedere consigli, poteva venire in mente solo all’aquila! :mrgreen:

    Commento di a77 | 3 gennaio 2010 | Rispondi

  6. Concordo con Ifigenia: scegli la A, solo se 2 e 4 non sono i tuoi figli(purtroppo la vita insegna che 2 e 4 non si farebbero neanche la domanda al tuo posto…triste ma vero). E cmq in bocca al lupo di cuore, qualunque sia il problema…

    Commento di valeaparigi | 5 gennaio 2010 | Rispondi

  7. Allora??? Su quale alternativa è caduta la scelta? A o B?

    Commento di a77 | 5 gennaio 2010 | Rispondi

  8. Considerando che è scomparso dal 2 gennaio, credo che abbia optato per una scelta C che ha gravemente danneggiato 1, 2, 3 e 4. 😆

    Commento di Ifigenia | 6 gennaio 2010 | Rispondi

  9. Ma no! Starà preparando un post sulla befana da dedicare a tutte le sue lettrici affezionate :mrgreen:

    Commento di anto_s1977 | 6 gennaio 2010 | Rispondi

  10. Effettivamente, di primo acchito direi che sono riuscito nel miracolo: peggiorare la vita di tutti.
    Ma soltanto la storia potrà giudicarmi e dire se la mia è stata una scelta giusta oppure no.
    Per quanto riguarda le befane, non volevo disturbare chi ha fatto il turno di notte…

    Commento di aquilanonvedente | 7 gennaio 2010 | Rispondi

  11. scusa la totale sincerità.
    ma a te che interessa?
    che sia la storia a stabilire se hai fatto bene o male?
    o come ti senti tu la notte, quando vai a letto, prima di addormentarti?
    scusa ma tendo a soggettivizzare il tutto e penso a come reagirei io. a come vivrei io e a come mi sentirei io.

    nella realtà siamo esseri così diversi e ciascuno reagisce a modo proprio.

    Commento di maria | 7 gennaio 2010 | Rispondi

  12. sono fuori tempo massimo?

    Commento di tania_01 | 7 gennaio 2010 | Rispondi

  13. la A, ché io sto sempre dalla parte giusta: la mia. 😀

    Commento di collezionediuomini | 7 gennaio 2010 | Rispondi

  14. Se un segmento che passa dai punti A e B… ehm…no… aspè! Dicevo… se il contadino n°1 va al mercato e compra 1 kilo di mele dal contadino 2 e se il contadino 3 è allergico sia alle mele sia che al contadino 4! 😯
    No… non era neanche così! Ma… in realtà la domanda che mi faccio è…
    … ma questo numero 3 doveva creare tutti sti problemiiiiiiiii!?!?!?!

    Commento di Godot | 8 gennaio 2010 | Rispondi

  15. Aquiloooooooooooooooooottoooo… ma stai ancora litigando con la calcolatrice per risolvere il problema?! 😯

    Commento di Godot | 8 gennaio 2010 | Rispondi

  16. Senza dubbio la più vantaggiosa per me, quella che non mi altera nulla.

    Quando ognuno pensa al proprio benessere non si sbaglia mai. Casomai il problema sta nell’individuare qual’è quello vero per sè.

    Commento di nelsoncocker | 10 gennaio 2010 | Rispondi

  17. ti sei inceppato? andare oltre, no?

    Commento di maria | 10 gennaio 2010 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: