Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Almeno il cappello.

“L’Evelindo rientrò a casa quando mancavano pochi minuti alle dieci di sera. Incespicò sulle scale. Faceva conto di liberare un rutto che da un po’ gli ballava nello stomaco non appena fosse stato in cucina. Lo sganassone che la Noemi gli tirò, senza preavviso, gli fece ringoiare l’alcolico refolo e lo spostò di un metro buono, perché nell’avambraccio della Castrozzi c’era una lunga abitudine a spaccare la legna. Andò a sbattere contro la stufa, sulla quale mancò poco si sedesse. Dopodiché tentò una reazione. Vocale, più che altro. Un grugnito.

Una seconda sberla gli si abbattè sulla faccia e lo annebbiò molto più del vino che era andato scolando lungo tutta la giornata.”

copertina_vitaliNon avevo mai letto prima romanzi di Andrea Vitali e questo direi che è perfetto per l’ombrellone. Capitoli brevi, dialoghi che scivolano via docilmente, tratteggi di luoghi e personaggi non pesanti.

Ma quello che maggiormente mi ha colpito nel romanzo sono le figure delle donne. Sono loro che danno vita alla storia, che la guidano, che decidono.

In una parola, che si fanno un baffo degli uomini, anche in un periodo, quello fascista, nel quale si diceva che i posti delle donne fossero la cucina e il letto.

Vitali mi ricorda il Piero Chiara della mia giovinezza (quando verrà riscoperto?), forse per questo mi è piaciuto il suo romanzo.

Mi ricorda anche un intermezzo sereno in questa lunga e calda estate, piena di novità.

Tante novità.

Dovrò essere pronto.

11 agosto 2009 - Posted by | Libri, Storie ordinarie |

5 commenti »

  1. grazie per il suggerimento….lo terrò presente per la prossima apertura della “lettura collettiva”. Abbiamo bisogno di libri semplici da comprendere, immediati e che trattino di argomenti accattivanti.

    Commento di fiorella01 | 11 agosto 2009 | Rispondi

  2. L’ho letto di recente e sono in linea di massima d’accordo con te. Piacevole senza dubbio e anche divertente. Ma forse mi aspettavo qualcosa in più. Sulle figure femminili hai proprio ragione. Non so bene perché ma mi è tornata in mente la mia bisnonna paterna, morta quando io avevo 5 anni. Rimasta vedova giovanissima e con un bel numero di figli da mantenere, viveva in un paese della mia isola (Berchidda). Sino alla morte ha comandato tutti a bacchetta mostrando un’autorità da fare impallidire tutti gli uomini di questo mondo.
    (ne avessi ereditato una goccia di quel sangue…)

    Commento di melania | 11 agosto 2009 | Rispondi

  3. ho letto qualcosa di Andrea Vitali e trovo che sia un buon narratore, narratore di vita semplice e provinciale, questo mi manca…

    Commento di aquilotta71 | 11 agosto 2009 | Rispondi

  4. non conosco affatto quest’autore ed ho una pila enorme di libri acquistati ed ancora da leggere..
    .. ma raccontaci di queste NOVITA’ !!!!!!??

    Commento di 1,2,3 stella | 11 agosto 2009 | Rispondi

  5. Ma la sberla l’ha data una donna, vero? :mrgreen:

    Commento di a77 | 12 agosto 2009 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: