Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Un week-end di rilassamento: riposo, bricolage, Craxi e Berlusconi

Week-end di rilassamento, quello appena trascorso.

Venerdì sera tecnologico, sabato di riposo e domenica dedicata al bricolage e alla sistemazione della casa, per preparare la stanza che accoglierà la cameretta nuova della piccolina. E sabato sera ho pure rifiutato cortesemente un invito a una pallosissima serata che mi avrebbe rovinato il fine settimana.

rilassatoQuasi quasi mi sembra perfino di poter sopportare un’altra settimana di lavoraccio che mi attende.

E ovviamente, tanto per finire in bellezza, l’ottava puntata di TUTTI PAZZI PER AMORE, dalla quale mi sto riprendendo piano piano.

E poi in questo week-end mi è anche tornata la voglia di andare in bicicletta, ovviamente non appena il tempo lo permetterà.

Insomma, un buon fine settimana, malgrado…

Beh, malgrado a Milano abbiano celebrato il nono anniversario della morte di Craxi, con tanto di ovvia intervista alla figlia Stefania, che altrettanto ovviamente ritiene suo padre un genio.

Ora, si dà il caso che io me lo ricordi bene il Bettino e come sia riuscito a trasformare un partito in una associazione per delinquere. Cosa c’entra se ha avuto alcune giuste intuizioni politiche? Pure un ladro può essere capace di cucinare, ma non per questo smette di essere un ladro, no? E nulla impedisce alla figlia di ricordarlo con affetto, ci mancherebbe altro, ma non è che possiamo farci un’idea di Totò Riina intervistando il figlio, no?

Ma nemmeno questa celebrazione è riuscita a rovinarmi il week-end, anche perché di ha pensato il Berlusca a farci ricordare come siamo messi oggi in Italia.

Sì, perché dopo gli ultimi stupri a Roma, il Berlusca se ne è uscito sventolando 30.000 (dicesi trentamila) nuovi militari in giro per le strade a vegliare sulla nostra sicurezza. A parte il fatto che i militari per le strade ce li abbiamo già (chiamansi carabinieri e finanzieri, e questa è una anomalia), devono avergli fatto notare che la cosa non è così semplice da attuare, che ha un costo, che doveva parlarne con il Presidente della Repubblica e allora lui che fa? La battutina: è impossibile impedire le violenze, bisognerebbe affiancare un militare a ogni bella donna.

risataAccortosi della gaffe, il nostro (cioè il vostro) ha pensato bene di affondare il coltello nella piaga, dicendo che il suo era un complimento alle donne italiane, in quanto lui potrebbe schierare 30.000 militari, ma le belle donne italiane sono milioni.

Ma quando mai???

Voglio dire, ma ci siamo guardati intorno?

Cioè, togliamo la Bellucci (che tra l’altro vive in Francia), togliamo la Cucinotta (che vive in Sicilia), togliamo Laura, per il resto qui c’è da mettersi le mani nei capelli (ad averli, ovviamente…). Manco la Ferilli può stare tranquilla, dato che si è fatta soffiare il marito da un’altra (e che altra…).

Insomma, siamo il solito Paese di Pulcinella.

Pazienza. Ora me ne vado a letto, però. Buona notte e buona settimana a tutte/i.

26 gennaio 2009 Posted by | Politica, Storie ordinarie, Un po' di me | , , | 8 commenti