Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Il mostro sotto le chiappe

Stamattina ho portato la mia vespa a fare il suo primo tagliando.

Dal momento che l’officina è in un paese a circa 15 chilometri dal mio, ho chiesto se avevano un mezzo sostitutivo.

“Abbiamo un GP800 – mi ha risposto al telefono ieri pomeriggio l’impiegata – Le va bene?”

“Ma è uno scooter?” ho chiesto.

“Sì, è uno scooter, ma quello grosso…”

“Va bene – ho tagliato corto – prendo quello.”

Ovviamente subito dopo sono andato a vedere su internet cos’è ‘sto GP800 e lì mi sono venuti i primi brividi.

Il GILERA GP 800 è uno scooter soltanto di nome: oltre 800 cc. di cilindrata, 75 cv., 240 kg. di peso, oltre 200 km. orari. Insomma, una bestia, anzi un mostro.

Stamattina, pertanto, ho portato la mia piccola vespa in officina e mi hanno consegnato il mostro.

“Occhio al contachilometri – mi ha detto il tipo che me l’ha affidato – questo qui schizza via!”

Sono salito e, con i piedi ben piantati per terra, ho premuto il pulsante di accensione e sono partito.

Il mostro si è svegliato e ho sentito due leggeri tremolii, uno alle mani (ben salde sulle manopole) e uno ai piedi (ben piantati sulle pedane). Mentre avanzavo piano, i due tremolii salivano lungo il mio corpo e si sono incontrati lì, a mezza strada (sì, proprio lì).

Beh, che dire? La mia vespa al confronto pare una bicicletta.

Sono arrivato a casa e ho parcheggiato il mostro in garage. Poi sono andato a prendere il giornale (in bicicletta). Sono tornato ed era ancora lì, che mi guardava.

Ora mi pare di sentire la sua vocina che, passando attrraverso pareti, soffitti e pavimenti, mi dice: “Su dai, vieni, andiamocene a fare un giro per le colline, che ti faccio provare cos’è una vera moto…”

Sarà difficile resistere oggi pomeriggio…

2 settembre 2008 Posted by | Storie ordinarie | , , | 4 commenti