Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

ACCAREZZA(MI) – 3^ parte: conclusioni.

Che dire in conclusione?

Questo libro mi ha aiutato a razionalizzare alcuni passaggi della mia difficoltosa opera di ricostruzione di me stesso.

Per quanto riguarda il copione della mia vita, mi sembra di essere un ARACNE (ma senza Minerva, purtroppo…) con tendenza al SISIFO e qualche spruzzatina di TANTALO: “Ma perché mi succede sempre questo quando ce l’ho quasi fatta? Non riuscirò mai…”

Io non so dare e ricevere carezze, questo lo sapevo già. E’ brutto desiderarlo ma non riuscirci.

Credo anche di sapere chi porta il merito di questo, ma questa è un’altra storia.

C’è stato un periodo della mia vita, che ricordo con orrore, nel quale questo atteggiamento era vissuto come un titolo di merito e questo ha rovinato buona parte della mia giovinezza. Mi sono costruito addosso una corazza che ho difeso con le unghie e con i denti, nella quale non ho lasciato entrare nessuno, se non per brevi periodi.

Il “bambino libero” che c’è in me è comunque uscito fuori spesso, ma non è riuscito a diventare quello che io chiamerei un “adulto libero e felice“, per cui mi sembra di vivere una specie di “scissione schizofrenica”.

Non so cosa riuscirò a fare a 48 anni (quasi suonati).

E’ un lavoro difficile da compiere da soli.

Molto difficile…

Annunci

11 agosto 2008 - Posted by | Libri, Un po' di me |

4 commenti »

  1. ma quanto hai scritto?
    ok, devo prendere una settimana di ferie solo per rimettermi in riga…
    scherzo…
    sarà un piacere.
    notte di stelle (cadenti?)

    Commento di melania | 11 agosto 2008 | Rispondi

  2. Mi devo mettere al riparo?
    (Copione dello sfigato)

    Commento di aquilanonvedente | 11 agosto 2008 | Rispondi

  3. Già quando avevi fatto l’elenco dei libri ordinati e acquistati avevo considerato come mia unica possibilità di lettura il testo di cui parli. Sicuramente incuriosità e attratta dal titolo. E forse anche la piccola presunzione di essere a conoscenza dell’importanza di queste “carezze” nella vita di ognuno di noi.. e come se cercassi una conferma di quanto già penso di mio.. senza aver usufruito di alcun aiuto esterno.
    Sì, il libro potrebbe interessarmi ma non lo leggerò… Avrei dovuto farlo qualche tempo fa e mi avrebbe aiutato. Ora lo ritengo “quasi” inutile.. e rischio di cascare nella ipotesi alternativa all’effetto da te riportato. Credo che invece a te possa servire molto, oltre che per te stesso, anche come genitore…
    p.s. credo di essere una banale ranocchia con un pò di Tantalo, un pò di Ercole e un pò di Aracne! 🙂

    Commento di karla | 11 agosto 2008 | Rispondi

  4. Ogni tanto esce fuori un’immagine di te diversa da quella che ti sei costruito. Hai proprio ragione ci assomigliamo davvero tanto!
    A.

    Commento di a77 | 11 agosto 2008 | Rispondi


Se proprio vi prudono i tasti del pc, potete scrivere qualcosa... (ma niente parolacce, finirete nello spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: