Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Diritto di voto a chi?

“Piazza del Popolo con la fontana ci piace, anche se vorremmo che ospitasse più prato verde, la Torre Pusterla ci piace perché rappresenta, come la piazza, un luogo di aggregazione. Nella nostra città ideale però non ci sono auto e strade perché sono fonte di smog e di pericoli”.

Questa e altre cose hanno detto i bambini del GREST della “Casa del giovane” di Casalpusterlengo, paese della provincia di Lodi e riportate sulla stampa un paio di settimane fa.

L’occasione era quella del Forum italiano per la sicurezza urbana.

“A Casale – hanno concluso – ci sono tante cose belle. Se sono rovinate la colpa è dell’uomo perché non considera la città come se fosse casa sua.”

Ma ecco che, appena finito di leggere questa bella notizia, sullo stesso giornale, più sotto, ce ne sta un’altra di segno ben diverso.

“A Casale è emergenza clandestini. Nuove accuse della Lega al Comune”.

Secondo la Lega, a Casalpusterlengo la clandestinità è un problema grave e la colpa è del Comune. Vi è anzi una “situazione di emergenza” e la gente “ha ragione a lamentarsi”.

Insomma, avete notato la differenza tra la visione dei problemi dei bambini e quella degli adulti (ammesso che si possano chiamare così i leghisti…).

Unico commento possibile alle notizie:

SMETTIAMOLA DI DARE IL DIRITTO DI VOTO A CHI HA PIU’ DI DICIOTTO ANNI.

QUI BISOGNA FARE VOTARE I MINORI, MICA GLI ADULTI.

9 luglio 2008 Posted by | Notizie dal mondo fatato, Pensieri disarcionati, Politica, Storie ordinarie | 4 commenti